home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Silvio Tomasoni, "Oltre lo specchio"
di Vilma Torselli
pubblicato il 05/10/2016
"Ognuno di noi porta in se stesso il cielo e l'inferno": selfie e identità, coppia dialettica tra sè ed il proprio doppio.

La capacità di raccontarsi è peculiare dell'essere umano, grazie al racconto di sé, delle proprie esperienze, del proprio vissuto l'uomo storicizza la propria vita nei termini di un evento 'raccontabile', quindi comunicabile, quindi condivisibile.
Il racconto per immagini è la prima forma di rappresentazione del mondo, dalle caverne di Lascaux alle grotte camune agli affreschi di Giotto al writing metropolitano, l'uomo riesce ad attuare con la comunicazione iconica un articolato discorso muto scritto con la punta di una selce o con una bomboletta spray o con una macchina fotografica, oggi mezzo per produrre una raffigurazione immediata, ripetibile, riproducibile, comunicabile ad un numero indefinito di persone e raccontarsi in tempo reale nei propri aspetti più intimi e segreti.
Il selfie è l'autorappresentazione con la quale ci proponiamo al mondo scegliendo i tempi e i modi del momento che vogliamo condividere, ma è anche, inevitabilmente, una riflessione sulla propria identità, l'osservazione critica della propria immagine che innesca un processo cognitivo, emozionale e relazionale attorno ad un racconto autobiografico dove l'io soggetto-spettatore e l'io oggetto-rappresentato coincidono.

E' ciò che fa Silvio Tomasoni, che non ha un profilo instagram dove pubblicare le immagini e che utilizza il selfie come mezzo del tutto personale, ad uso strettamente privato, per documentare sulla sua pelle, negli autoritratti che ne derivano, "una lenta caduta dei tratti somatici o addirittura la loro deformazione, un ingigantimento della percezione della caducità. La traduzione grafica della foto agisce come una macchina del tempo spietata, un'esasperazione della luce che trasforma il volto in un paesaggio. Un andare oltre la realtà per cercare la vera anima di se stessi in cui la compattezza del volto cede…..".
Il procedimento esecutivo parte dallo scatto sullo smartphone da cui l'artista stampa una copia cartacea, base dell'elaborazione che condurrà al risultato finale, un disegno a matita su carta realizzato partendo quasi sempre dagli occhi, la parte viva,  "il resto - dice Tomasoni - è scultura, paesaggio."

E mano a mano che l'immagine pittorica fagocita quella fotografica ed entra in scena il 'doppio', paradigma della molteplicità della natura umana e dell'eterna dicotomia fra il bene ed il male, si instaura la lotta per il reciproco annientamento, una lotta senza vinti né vincitori, dove ciascuno è Uno ed al tempo stesso Centomila, dove la crisi di identità può risolversi solo attraverso la follia o, come per Tomasoni, attraverso l'arte.

Il selfie, la maschera indossata quotidianamente per mostrarsi al mondo, cade sotto i colpi della matita, bacchetta magica, arma chirurgica, cartina al tornasole, sapendo che "ciò che fa la matita non è la pura rappresentazione di questa immagine, ma il suo parziale disfacimento, la contemplazione della decadenza….", una sorta di ritratto di Dorian Gray, dice Tomasoni, che sotto l'incidenza di fonti di luce variabili ed inusuali (la luce verticale sullo specchio di un ascensore, per esempio) prende vita autonoma e si trasforma, rivelando quello che sta oltre lo specchio: la consapevolezza della propria vulnerabilità, il problematico incontro tra identità e alterità, l'impossibile sintesi fra verità ed apparenza, l'anelito frustrato verso il raggiungimento di una irrealizzabile ed utopistica compiutezza.

Estraneo alla tentazione di operare qualsiasi idealizzazione del soggetto, anzi esasperando le imperfezioni e le asperità, Tomasoni, sulle orme di Lucian Freud, ribalta lo spunto narcisistico alla base del tema dell'autoritratto e trasforma l'immagine manipolata in un campo di battaglia tormentato da ombre, abrasioni, macchie, tracce e cicatrici di una lotta interiore che nasce in profondità, in uno di quei meandri dell'anima dove si ha timore di guardare.

Per la paura di trovarci gli inferni interiori di Francis Bacon, anche lui spesso ricorso alle fotografie per eseguire ritratti ed autoritratti? o l'estraniante freddezza delle foto polaroid di Chuck Close?

Rotto il patto col diavolo, il ritratto catturato dallo schermo luminoso di un cellulare forse ha la faccia rassicurante di Narciso o forse la sembianza terrificante della Gorgone riflessa nel lucente scudo di Perseo…… forse entrambe, a seconda dello sguardo, o più probabilmente nessuna delle due, possiamo scegliere a nostro piacimento, ignorando gli schemi logici che condizionano la realtà.

Sapendo che "una realtà non ci fu data e non c'è; ma dobbiamo farcela noi, se vogliamo essere; e non sarà mai una per sempre, ma di continuo e infinitamente mutabile". (Luigi Pirandello,"Uno nessuno e centomila")

© Copyright Silvio Tomasoni
link:
sito personale di Silvio Tomasoni
Silvio Tomasoni alla libreria Bocca
Il fascino del male. Silvio Tomasoni
Martinengo (BG), Silvio Tomasoni. ENTROPIA
Un lupo in riva al mare

L'autoritratto al tempo di instagram

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.