home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Lucian Freud, "Reflection" (self portrait)
di Vilma Torselli
pubblicato il 27/04/2007
La spietata crudezza di un osservatore implacabile nei ritratti di un artista solitario.
L'opera di Lucian Freud (1922-2011) si può collocare all'interno di una corrente neo-espressionista affermatasi soprattutto in Germania nel periodo post-bellico e caratterizzata da un certo spirito nazionalista, con il quale, dopo la seconda guerra mondiale, si intendeva riaffermare la rinascita dell'arte tedesca, nello stesso tempo esorcizzando i ricordi dei passati orrori bellici attraverso un linguaggio nuovo ed autonomo.
Il movimento neo-espressionista si struttura in una vera e propria scuola nazionale solo fra il '70 e l' '80, e connota il suo linguaggio nei termini di un vigoroso figurativismo, non dimentico di quell'Espressionismo che era fiorito negli anni anteguerra e che costituiva ancora la tradizione artistica più forte sul suolo tedesco, non avendo nulla a che fare con il levigato iperrealismo di contemporanee correnti, specialmente americane.
Il neo-espressionismo si afferma come una sorta di deviazione che vuole prendere le distanze dal recente passato e manifestare la soggettività dell'artista ripristinando, in un certo senso, modi della tradizione rivisitati in chiave espressionista, una sorta di neo-figurativismo, di cui Lucian Freud si può considerare un rappresentante.

Ebreo-tedesco di nascita ma naturalizzato inglese, discendente di Sigmund Freud, padre della moderna psicanalisi, Lucian Freud operò soprattutto in Inghilterra, dove aderì al movimento neo-romantico sviluppatosi negli anni immediatamente dopo la fine della guerra, nell'ambito del quale realizzò una prima serie di opere per lo più ostiche, criptiche, di difficile lettura critica, mutando poi i suoi modi espressivi negli anni '50, quando la sua tecnica meticolosa pare allentarsi per accogliere un certo informalismo e divenire più sciolta, più "pittoricistica", con tratti in comune con un movimento fiorito a Berlino negli anni '20 e chiamato Nuova Oggettività (Neue Sachlichkeit).
Collega, amico, amante di Francis Bacon, che gli ha dedicato un celeberrimo Portrait, come lui Freud è un pittore della figura e la sua opera si compone quasi interamente di ritratti, autoritratti, nudi, realizzati con pennellate "sporche", dense, con pigmenti pesanti ad alto contenuto di ossido di piombo e di Cremnitz White e basso contenuto di olio, definendo così il caratteristico tono bianco traslucido delle sue raffigurazioni.
E' un figurativismo, quello di Freud, intriso di Espressionismo, con molti riferimenti alla tradizione classica (El Greco soprattutto), nel quale risalta la totale mancanza di idealizzazione, il disagio del soggetto sotto lo sguardo critico dell'artista, che raffigura con implacabile tetraggine modelli che non sorridono mai.
Ad una lettura complessiva, le opere di Freud si completano a vicenda e pur presentando discordanze ed incongruenze che sono un elemento elusivo e depistante, nel senso che non sempre sono complementari, tuttavia alla fine permettono di individuare un tema comune, che è quello di una sostanziale incomunicabilità, una freddezza che va dall'artista al soggetto rappresentato e ne fa l'immagine raggelata di una realtà alienante.

In questo autoritratto, "Reflection" del 1985, olio su tela di 56.2 x 51.2 cm, ritroviamo la stessa freddezza e crudezza che l'artista riserva ai suoi modelli, senza alcuna autocommiserazione per la sua condizione di soggetto sottoposto ad un'autoanalisi spietata e forse non casuale, data la sua discendenza, in cui si vuol arrivare all'anima ed estrarne l'angoscia con i modi di un chirurgo, più che di un artista.
Fatta salva la totale diversità formale fra i due artisti, può essere interessante il paragone con l'autoritratto di Chuck Close, anche lui memore della grande ritrattistica del passato, in cui troviamo un atteggiamento di maggior realismo, un'osservazione più schietta ma meno cruda ed in un certo senso più impersonale ed acritica del soggetto, differentemente da quanto accade nei ritratti di Freud, dove si può rintracciare anche un certo compiacimento per la spietatezza dell'osservazione e della rappresentazione, forse anche per contaminazione con la poetica di Bacon.

Lucian Freud forse non è un artista tra i più grandi, ma è sicuramente efficace interprete del disagio esistenziale che caratterizza molta produzione artistica, non solo nel campo delle arti visive, dei suoi contemporanei.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.