home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Articoli e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica di architettura.
L'articolo di Artonweb più letto: I nuovi nomadi
  FOCUS ON  
Libri
Bruno Munari, "Design e comunicazione visiva. Contributo a una metodologia didattica": esiste una logica creativa? cosa lega la tecnica, il materiale e la funzione? un manuale con molte illustrazioni che insegna divertendo.
Musei
MAGI'900, Museo delle eccellenze artistiche e storiche a Pieve di Cento (BO): in una struttura restaurata di archeologia industriale, circa 2000 opere della collezione privata di Giulio Bargellini, acquistate o donate dagli artisti.
Concorsi
OMB Design contest, concorso di idee per l’individuazione di concept innovativi per la progettazione e realizzazione di prototipi. Scadenza 30 aprile 2015.
Premi
Assegnati i Premi Nazionali di Architettura In/Arch–ANCE: a Guido Canali il Premio alla carriera, allo studio ABDR il Premio per la migliore opera di architettura in Italia degli ultimi 5 anni, altri riconoscimenti ad opere di architettura realizzate nel nostro paese.
All'estero
Parigi, al 'Centre Pompidou' la più grande retrospettiva europea dedicata alle opere di Jeff Koons realizzate dal 1979 ad oggi.
Fino al 27 aprile 2015.
  CERCA NEL SITO  

La Nuova Oggettività
di Vilma Torselli
pubblicato il 27/03/2007
Il concetto di oggettività, intesa come freddezza dell'analisi, atteggiamento di distanza da ciò che è troppo umano, romantico, sentimentale, in un movimento di derivazione espressionista.
Con il nome di Nuova Oggettività, o Neue Sachlichkeit, dal nome della mostra che questa corrente tenne alla Kunsthalle di Mannheim nel 1925, si definisce un movimento affermatosi in Germania negli anni '20, nel clima culturale della Repubblica di Weimar, costituitasi nel luglio del 1919, esperienza democratica in una Germania guglielmina, appena uscita dalla guerra, che neanche seppe apprezzare pienamente questo particolare momento storico: la Repubblica di Weimar terminò nel '33, con l'avvento del nazismo hitleriano, sostituendo una dittatura ad una repubblica, nell'indifferenza di un popolo che non l'aveva né cercata né meritata, dando ragione a Wolfgang Goethe quando disse che "merita la libertà soltanto colui che la conquista giorno dopo giorno".

Furono quindici anni di grande fervore intellettuale, di scontri e dialettiche accese, di confronti vivaci, di novità e di sconvolgimenti, in una sostanziale libertà di espressione, che videro l'affermarsi di numerosi movimenti artistici, dall'Espressionismo al Dadaismo al Cubismo al Suprematismo alla Nuova Oggettività, che più di altri sente gli effetti della crisi economico-sociale in chiave nazionalistica, seppure nel filone di una cultura fondamentalmente europeista, e fa della ricerca del realismo il tema centrale della sua poetica.
Contro l'eccesso di emotività dell'Espressionismo, contro il travisamento della realtà attuato con soggettività esasperata, contro lo spiritualismo dell'arte espressionista, la Nuova Oggettività rappresenta un brusco ritorno al realismo oggettivo, alla descrizione del mondo nei suoi termini più crudi, senza filtri né elaborazioni, anche se il linguaggio degli artisti di questo movimento, lungi dall'essere descrittivo ed impersonale, nonostante una chiara presa di distanza da ogni sentimentalismo, resta sostanzialmente espressionista e, come l'Espressionismo, "urla" la sua condanna morale per un mondo corrotto che sta correndo verso la propria rovina.

Otto Dix, Georg Grosz, Max Beckmann, Otto Griebel, Ludwig Meidner, Käthe Kollwitz, Christian Schad sono i nomi più famosi nel campo delle arti visive, ma tutti i campi delle attività intellettuali sono coinvolti in questa sterzata in senso realistico, il teatro di Bertold Brecht, la musica di Paul Hindemith , la fotografia di Karl Blossfeldt, tradizionalmente considerato uno dei massimi esponenti nel genere in Germania, la Bauhaus, scuola fondata da Walter Gropius che divenne la culla della moderna cultura architettonica.

Fonti di ispirazione della Nuova Oggettività sono gli eventi della vita, la cronaca delle tragedie quotidiane, la narrazione cruda e senza riflessioni empatiche di una realtà che, così com'è, ha già in sé l'angoscia che l'Espressionismo va a scovare nelle pieghe dell'anima con una sofferta introspezione, proprio ciò che la Nuova Oggettività rifiuta, esasperando il suo linguaggio nel grottesco e nel caricaturale per mettere in ridicolo ogni superfluo cedimento sentimentale.
Formalmente, gli artisti di questa corrente si avvalgono di un segno forte e deformato come gli espressionisti, di una versione cromatica molto accesa, di derivazione fauve ed espressionista, manca il delirio visionario di un Munch, manca la sensibile osservazione della natura di un Van Gogh, il lirismo di un Kandinskij o l'inquietudine di un Kirchner, tuttavia è una pittura che nasce come derivazione di quello stesso Espressionismo che vuole negare e ne conserva i germi, tanto che, negli anni immediatamente precedenti l'instaurarsi del nazismo, con l'acutizzarsi del disagio sociale, vi si riaffacciano con rinnovato vigore proprio le componenti più marcatamente espressioniste.

Il concetto di oggettività, intesa come freddezza dell'analisi, atteggiamento di distanza da ciò che è troppo umano, romantico, sentimentale, sforzo di andare "incontro alle cose in tutta la loro freddezza e durezza, facendo tacere l'anima e non avendo occhio che per ciò che è reale" (Julius Evola), è quindi il punto cardine di un movimento che morirà senza aver apportato cambiamenti radicali nell'arte del proprio tempo, mancando anche di precisi canoni stilistici propri, testimoniando tuttavia che è sempre possibile, attraverso l'arte, proporre una nuova visione del mondo, scoprendo sempre qualcosa di nuovo sull'uomo e sulla sua vita su questa terra.

 
 
WILFING ARCHITETTURA
di Salvatore D'Agostino

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 
=Architettura=
=Ingegneria=
=Arte=
 

InformaDisabile


RIFLETTORI SU....


El Lisitskij, "Senza titolo"

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.