home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Ernst Ludwig Kirchner, "Potsdamer Platz"
di Vilma Torselli
pubblicato il 15/07/2007
Il tormentato passaggio dalla poetica ottocentesca a quella che sarà la poetica della pittura moderna nell'artista forse più significativo dell'Espressionismo tedesco.

Ernst Ludwig Kirchner (1880-1938) esprime in modo esemplare il tormentato passaggio dalla poetica ottocentesca a quella che sarà la poetica della pittura moderna, mediante un dialogo aperto e senza pregiudizi da artista ecclettico quale fu, con la cultura del suo tempo, con Van Gogh, Matisse, il Futurismo.
Il suo segno, agli esordi, cresce su radici liberty e simboliste e sulla suggestione dell'incisione giapponese, finché, appassionato visitatore del Museo etnografico di Dresda, è folgorato nel 1910 dai 'racconti' che si snodano nei legni intagliati dell'Isola di Palau.
Kirchner, tuttavia, non è Gauguin. Non nutre nostalgie per l'esotica Arcadia dei mari del sud, ma guarda con attenzione alle forme sintetiche di quelle civiltà per innestarle nella tradizione xilografica tedesca.
Non a caso considera il suo capolavoro il "Nudo con cappello nero" dove essenziali colpi di sgorbia scavano i fianchi della compagna Dodo Grosse, paragonata ad una Venere di Carnach o ad una Eva di Dürer.
Kirchner ama il legno, eccelle nella xilografia, come dimostrano le magistrali tavole a colori per "La meravigliosa storia di Peter Schlemihl", una sorta di Faust bohèmien che vende la propria ombra al diavolo; incompreso e relegato tra gli artisti 'degenerati' (il governo hitleriano decreta la distruzione di moltissime sue opere), Kirchner ottiene in cambio per il suo talento emarginazione e solitudine, condizioni che, scrive egli stesso, fanno dell'artista "una delle sentinelle spirituali del mondo."

Influenzato dalla poetica fauve, Kirchner realizza inizialmente soprattutto dipinti di paesaggi e ritratti di grande semplificazione formale dai contorni marcati e dai colori violenti, dipanando le sue composizioni in un contesto spaziale decisamente antinaturalistico carico di vitalità istintiva.
In seguito, dopo il 1911, la sua pittura vira decisamente verso una drammaticità esasperata e disperata, nella quale il colore viene usato esclusivamente in chiave psicologica e simbolica ed il segno si irrigidisce e si spezza in angoli secchi attuando la deformazione tipicamente espressionista (fu tra i fondatori di "Die Brucke") che andrà esasperandosi fino al linguaggio astratto e drammatico del periodo di Davos, l'ultimo periodo della sua vita.

Numerosi i suoi dipinti su Berlino, ritratti e scene di vita metropolitana estremamente espressivi della contemporaneità, eccellenti le sue incisioni, i disegni, le fotografie, gli scritti: fino alla sua tragica fine di suicida a 58 anni, Kirchner produce da sommo artista le opere forse più significative dell'Espressionismo tedesco.

Questo dipinto del 1914, "Potsdamer Platz", un olio su tela di 200x150 cm oggi alla Neue Nationalgalerie di Berlino, viene eseguito nel periodo bellico in cui l'artista è 'involontariamente volontario' sotto le armi, dove si imbatterà negli orrori della guerra derivandone una grave forma di depressione psichica che non lo abbandonerà più.

La composizione è dominata da due figure femminili, due eleganti prostitute alte quasi due metri che occupano tutta la parte sinistra della tela, vestite di nero e di blu, con cappello piumato, veletta e scarpe dal tacco alto, con lunghi abiti che accennano appena la femminilità delle forme. Una figura è colta di profilo, l'altra di fronte, i tratti sono duri, le due figure si sovrappongono ma non si toccano, sembrano estranee l'una all'altra, rigidamente composte e graziosamente collocate su una sorta di basamento piatto e circolare (astrazione della 'piazza'?) evidenziato dal punto di vista prospettico posto in alto. Sullo sfondo, un ambiente architettonico sommariamente accennato (si riconosce un famoso caffè di Potsdamer Platz, il "Picadilly") la piazza vera e propria, animata di luci e di passanti, dove la cortina delle case delinea un cerchio più ampio ed introduce nella definizione spaziale una tensione dinamica centrifuga.
Allungate in verticale come da una lente deformante, tutte le linee del dipinto sono rigide, spigolose e taglienti, quelle che definiscono l'improbabile toponomastica, i tratti del volto delle due donne, il pennacchio di piume nere e biancastre che adornano i cappelli, l'irrealtà dell'insieme è acuita dai colori acidi e antinaturalistici dei volti giallastri e delle strade verdi, dalla sproporzione dimensionale tra i palazzi, ridotti a miniature di sfondo e le figure che, in un esasperato taglio prospettico, appaiono gigantesche.
L'icona femminile che Kirchner ci propone non è diversa da quella di tanti altri suoi dipinti (per esempio il celebre "Cinque donne nella strada", del 1913), una donna fredda ed ambigua di una bellezza scostante che ha perso ogni suo valore consolatorio e lascia intravedere, oltre le piacevoli apparenze, l'aridità dei sentimenti e la durezza della vita.

link:
L'Espressionismo tedesco è genetico?
Un filo di follia corre nell'Espressioismo tedesco.

Kirchner a Davos


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.