home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Il Post-moderno".
  FOCUS ON  
Libri
Tom Alphin, "Architetto con i Lego", l'architettura degli ultimi tre secoli ricreata assemblando i mitici mattoncini della Lego.
Musei
Inaugurato ad Abu Dhabi il Museo “Louvre Abu Dhabi” progettato da Jean Nouvel.

Concorsi
Concorso fotografico "Heritage for Planet Earth", tema la fragilità degli equilibri sul pianeta a causa dei cambiamenti climatici. Scadenza 31/12/2018.

Premi
15° Festival della Scienza, il premio "Arte Scienza e Coscienza 2017" assegnato a 4 personalità di spicco dell’astrofisica, della fisica, della robotica e dell’arte.

In Italia
Napoli, Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, “Museo della Follia”, in mostra oltre 200 opere sul tema della follia.  Fino al 27/5/2018.

All'estero
Londra, National Gallery, per i cent'anni dalla morte di Edgar Degas “Drawn in colour: Degas from the Burrell”. Fino al 7/5/ 2018.

  CERCA NEL SITO  

Vincent Van Gogh, "Campo di grano con corvi"
di Vilma Torselli
pubblicato il 1/05/2007
Un commovente testamento spirituale in uno dei dipinti più drammatici e disperati di Vincent Van Gogh, realizzato solo venti giorni prima della sua morte per suicidio, avvenuta all'una e trenta del mattino del 29 luglio del 1890.
"Campo di grano con corvi", del luglio del 1890, un olio su tela, 50,5 x 103 cm, oggi al Rijksmuseum Van Gogh di Amsterdam, uno dei dipinti più drammatici e disperati di Vincent Van Gogh (1853-1890), è stato realizzato solo venti giorni prima della sua morte per suicidio, avvenuta all'una e trenta del mattino del 29 luglio di quell'anno, e rappresenta un commovente testamento spirituale, il tragico addio ad una vita tormentata dall'angoscia e dalla follia ed ai pochi affetti umani che la attraversarono, soprattutto quello dell'amato fratello Theo che lo assiste nel trapasso e che si suiciderà anch'egli sei mesi dopo.
L'ultimo periodo della vita di Van Gogh si caratterizza per un'attività pittorica febbrile, 70 quadri in due mesi, quasi che egli voglia svuotare la propria anima e prepararsi al viaggio finale con lucida seppur folle determinazione, con furia, con rabbia, con sofferenza, con quella sensibilità in allarme perenne che lo pone costantemente in contatto simbiotico con l'anima del mondo: ma il mondo lo rifiuta, e lui rifiuta il mondo con i suoi dipinti disperati e con un colpo di fucile.

Il paesaggio di Auvers-sur-Oise lo affascina, poco prima di suicidarsi scrive alla madre "Io sono completamente preso dalla immensa pianura con i campi di grano contro le colline, senza confini come un mare, di un giallo, di un verde tenero........"
La gamma cromatica del dipinto è limitata a pochi colori, il giallo, il blu, il nero, il verde, declinati però in una vasta scala tonale, mossi da pennellate dense, pluridirezionali, disordinate, la linea è contorta, spezzettata ed avvolgente, ad esprimere la chiusura di una personalità solitaria ripiegata su sè stessa, il campo di grano è un mare in tempesta, come il suo animo inquieto, il cielo un minaccioso miscuglio di azzurro e nero che pesa cupamente su un rovente paesaggio estivo dove un sentiero, sommariamente accennato e sottolineato da incongrui contorni verdi, non porta da nessuna parte, simbolo di un'aspirazione verso destinazioni ignote mai raggiunte e metafora di una vita anch'essa senza direzione né finalità.
Nell'atmosfera pesante aleggia il presagio di un dramma che da lì a poco si consumerà, preannunciato dal funereo volo dei corvi neri che volteggiano in ordine sparso, le ali spiegate, alla ricerca di una preda.

Di particolare interesse la versione luministica, sprazzi di giallo chiaro che accendono le messi sottolineandone l'andamento mosso, in parte riprendendo la forma a v delle ali dei corvi, ombre di tonalità più scura proiettate dalle nubi sul terreno, due grandi macchie chiare apparentemente senza giustificazione nel blu cupo del cielo, forse astri lontani, forse la nostalgica citazione di un "cielo stellato" più volte dipinto e rimasto nella memoria.

Nella lettera al fratello Theo riguardo a questo quadro, l'ultima del lungo epistolario che Vincent gli indirizza, egli stesso scrive: "Sono campi estesi di grano sotto cieli agitati, e non avevo bisogno di uscire dalla mia condizione per esprimere tristezza e solitudine estrema": per l'ennesima volta, soggettivizzando la realtà, proiettandosi in ciò che dipinge, Vincent prende coscienza della propria condizione e della definitiva incapacità di instaurare un qualsiasi rapporto con il mondo esterno e persino con sé medesimo, un faccia a faccia spietato con sé stesso al quale, sconfitto, decide di sottrarsi con l'autoannullamento.

link:
Espressionismo
Vincent Van Gogh, "Autoritratto"
Vincent van Gogh, "Caffè di notte"
Vincent Van Gogh, "I mangiatori di patate"
Vincent Van Gogh, "La camera da letto di Arles"

Vincent Van Gogh e Antonin Artaud, l'incontro di due follie
Promemoria in caso di fotografia. Il campo di granoturco

*articolo aggiornato il 9/4/2012


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...



Mel Ramos
"Hippopotamus"

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.

 

 

mel ramos