home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Il ritratto"
  FOCUS ON  
Libri
Michael Freeman, “La mente del fotografo”: cosa rende eccellente un'immagine, come evitare i cliché visuali, riconoscere gli stili e sviluppare un approccio personale al processo creativo.
Musei
Roma, nuovo museo d’arte moderna a Palazzo Merulana con opere della Scuola Romana, Novecento italiano, Futurismo e Realismo magico.

Concorsi
Modular Bookcase Design: progettare una libreria componibile, modulare, smontabile per il brand AlbaComponents. Consegna entro il 20 dicembre 2018.

Premi
Assegnato il premio World Press Photo 2018 al venezuelano Ronaldo Schemidt, la foto ritrae una manifestazione di protesta contro il presidente Nicolas Maduro.

In Italia
Milano, Palazzo Reale, "Picasso. Metamorfosi", grande antologica con 200 opere sul rapporto dell'artista con il mito e l’antichità. Dal 18 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019.

All'estero
Parigi, Grand Palais, retrospettiva "Miró, le fauve catalan et le cubiste", 150 opere tra pitture, disegni, ceramiche e sculture. Dal 3 ottobre 2018 al 4 febbraio 2019.

  CERCA NEL SITO  

Milano, Escher
di Vilma Torselli
da 24 giugno 2016 al 22 gennaio 2017
Una grande antologica su uno degli artisti più raffinati e suggestivi del '900.

Una mostra itinerante che già ha toccato Roma, Bologna e Treviso con grande successo di pubblico, giunge ora a Milano: a cura di Marco Bussagli e Federico Giudiceandrea, la mostra dedicata a Maurits Cornelis Escher (1898-1972) ripercorre l'iter creativo dell'artista attraverso più di 200 opere selezionate fra le più importanti quali Tetti di Siena (1922), Notturno romano, Il Colosseo (1934) Scarabei (1935) Cavalletta (1935), Metamorfosi (1939), Mano con sfera riflettente (1935), Soffione (1943), Relatività (1953) ed il celeberrimo Belvedere (1958).

L'ordine cronologico permette di procedere dalle radici figurative di impronta liberty agli sviluppi seguenti influenzati dal contatto con la cultura italiana e spagnola, due esperienze che molto hanno segnato il linguaggio artistico di Escher che visse in Italia per 12 anni tra la Toscana, l'Abruzzo e la Calabria, affascinato dalla bellezza dei panorami della nostra terra così diversa dalla sua patria, l'Olanda, fatta di monotone pianure.
Nel 1936 Escher abbandona l'Italia per trasferirsi in Spagna, dove, folgorato dal sottile decorativismo di matrice moresca dell'Alhambra, matura l'impronta grafica che diverrà la cifra fondamentale dei suoi studi sulle simmetrie spaziali, sulle figure impossibili, gli inganni visivi, le tassellature, la divisione del piano. Tutto ciò mantenendosi in contatto con la cultura avanguardista europea ed intessendo rapporti col Futurismo ed il Surrealismo.
Quella che, a prima vista, per lo stupore che induce nell'osservatore, può sembrare una fantasia immaginativa fuori del comune unita ad una eccezionale capacità grafica, è in realtà, per Escher, una lettura del mondo fenomenologico secondo le regole intrinseche della matematica, la geometria, la cristallografia che lo spingono a ricercare mezzi espressivi adatti a sottomettere la forma spaziale alle leggi limitative dell'immagine piana.
Il risultato, abbandonati i precostituiti schemi mentali frutto della logica corrente, sono figure che non potrebbero mai avere un'esistenza spaziale concreta e reale e che, ancora oggi, perpetuano un enigma che pare destinato a restare insoluto.

La mostra si articola in sei sezioni: l’Italia e l’ispirazione Art Noveau; dall’Alhambra alla tassellatura; superfici riflettenti e struttura dello spazio; metamorfosi; paradossi geometrici; dal foglio allo spazio; economia escheriana ed eschermania. 
I titoli identificano puntualmente i momenti topici del percorso artistico di Escher, personalità tra le più raffinate, intellettuali, colte del '900, eppure 'popolare' in modo trasversale presso un numeroso ed eterogeneo pubblico che sempre affolla le sue mostre con curiosità ed interesse, soggiogato dalla sottile ambiguità delle enigmatiche visioni nelle quali ci catapultano i suoi disegni impossibili.

In contemporanea alla mostra, in una stanza adiacente, una installazione, "Scale sognanti", realizza un'esperienza interattiva di sensazioni irreali, un vortice di immagini, visioni, parole, in un destabilizzante gioco di scale ispirato all'opera Relatività.

Milano
Palazzo Reale, Piazza Duomo 12
Escher
24 giugno 2016 – 22 gennaio 2017
link:
Maurits Cornelis Escher ed i suoi mondi impossibili
Illusioni ottiche e paradossi visivi
Maurits Cornelis Escher, "Belvedere"
La mostra

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Jean-Paul Riopelle "Diamond"



Pittore, grafico e scultore, è uno dei più grandi artisti canadesi contemporanei, inquadrabile in una corrente ......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.