home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Il ritratto"
  FOCUS ON  
Libri
Michael Freeman, “La mente del fotografo”: cosa rende eccellente un'immagine, come evitare i cliché visuali, riconoscere gli stili e sviluppare un approccio personale al processo creativo.
Musei
Roma, nuovo museo d’arte moderna a Palazzo Merulana con opere della Scuola Romana, Novecento italiano, Futurismo e Realismo magico.

Concorsi
Modular Bookcase Design: progettare una libreria componibile, modulare, smontabile per il brand AlbaComponents. Consegna entro il 20 dicembre 2018.

Premi
Assegnato il premio World Press Photo 2018 al venezuelano Ronaldo Schemidt, la foto ritrae una manifestazione di protesta contro il presidente Nicolas Maduro.

In Italia
Milano, Palazzo Reale, "Picasso. Metamorfosi",grande antologica con 200 opere sul rapporto dell'artista con il mito e l’antichità. Dal 18 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019.

All'estero
Parigi, Grand Palais, retrospettiva "Miró, le fauve catalan et le cubiste", 150 opere tra pitture, disegni, ceramiche e sculture. Dal 3 ottobre 2018 al 4 febbraio 2019.

  CERCA NEL SITO  

Illusioni ottiche e paradossi visivi
di Vilma Torselli
pubblicato il 24/04/2007
Logica visiva nelle figure impossibili delle illusioni ottiche più note, come il triangolo di Penrose.
"Una convincente impossibilità è preferibile a una non convincente possibilità"(Aristotele)

Le illusioni ottiche sono alterazioni della percezione visiva, devianze dal modo corrente in cui i nostri occhi "interpretano" le immagini della realtà fisica e sensoriale, causate da fenomeni a cui la nostra mente non riesce a dare un'interpretazione logica e tali da mettere in crisi la relazione tra l'occhio che raccoglie l'informazione visiva ed il cervello che la elabora basandosi sulle precedenti esperienze.

Tenendo presente che l'esperienza visiva ha carattere strettamente individuale sia sul piano fisico che su quello interpretativo, come ho già detto in altra sede, è scontato che ciò che vediamo non è una realtà unica ed assoluta, ma la nostra personale percezione ed interpretazione della realtà: affermazione che si complica ulteriormente se parliamo d'arte visiva, perchè in questo caso siamo davanti alla valutazione di un'opera che esprime una prima elaborazione della realtà, quella compiuta dall'artista, e che richiede, per essere compresa, una seconda elaborazione da parte nostra.

Da sempre l'arte figurativa cerca di esprimere la realtà utilizzando mezzi tecnici limitati, in rapporto alla complessità dell'oggetto da rappresentare, integrando ed intervenedo con mezzi immaginativi, in teoria illimitati, e con la creatività, grande risorsa della specie umana, dando vita talvolta a risultati paradossali: ciò accade quando i sensi percepiscono come possibili, logici, verosimili e quindi reali oggetti in realtà inesistenti, impossibili e quindi illusori.
Si tratta di inganni ottici, inganni dei sensi, dai quali discendono rappresentazioni di impeccabile logica visiva, che sembrano generate da premesse vere, e che portano a risultati contradditori (una scala che sale e scende contemporaneamente, che è dentro e fuori, una cascata che ritorna all'origine, un oggetto concavo e insieme convesso, un triangolo impossibile con tre angoli retti).

Nel 1958, il matematico Roger Penrose, ispirato dalle opere di Escher che aveva ammirato nel 1954 ad Amsterdam, in occasione del Congresso mondiale della matematica, pubblicò sul 'British Journal of Psychology' un disegno che raffigurava un incredibile rompicapo, un triangolo impossibile, proiezione bidimensionale di una costruzione formata da tre barre collegate l'una all'altra per mezzo di angoli retti, dove ciascun angolo retto è correttamente rappresentato, ma i tre angoli sono collegati tra loro in modo scorretto, tanto che alla fine si ottiene un triangolo la cui somma degli angoli interni è pari a 270 gradi e quindi un triangolo impossibile.
Fu quella la circostanza che, in seguito spinse Escher a rappresentare in "Waterfall" il triangolo di Penrose.

L'assurdità della figura, in questo caso, risiede nella sua interpretazione, e Richard Gregory ha dimostrato come tre sbarre a due a due perpendicolari (ovviamente formanti non un triangolo chiuso, ma una figura aperta) possano sembrare un triangolo impossibile, se osservate da un particolare punto di vista.

Il grafico olandese Maurits Cornelis Escher, acuto indagatore delle singolarissime possibilità che si nascondono nella struttura dello spazio, fu un geniale inventore di paradossi visivi, come nella litografia "Waterfall", opera nella quale utilizza il triangolo di Penrose per ben tre volte consecutive nella rappresentazione di un canale, che sembra localmente in piano, mentre le colonne della struttura che attraversa lo fanno sembrare su piani diversi e in salita: si crea così l'impressione paradossale, l'illusione ottica di un moto perpetuo dell'acqua che scorre all'insù, contro ogni regola dell'esperienza comune, infrangendo le leggi gravitazionali.

E' la riprova di come le percezioni sensoriali ricevute, in contrasto con le le leggi fisiche della costruzione tridimensionale, non possano essere corrette dall'intelletto, dato che si basano su moduli cerebrali che agiscono in modo indipendente l'uno dall'altro, quindi non relazionabili e di come la geometria e le sue regole applicate al disegno ci permettano di rappresentare quello che vediamo in modo tale che il cervello lo ritenga simile alla realtà.
Talvolta questo metodo consente anche di ingannare il cervello a cui l'occhio comunica percezioni falsate e di rappresentare oggetti o spazi in false prospettive, rendendo possibile la rappresentazione dell'impossibile, ma in definitiva gli occhi non sempre ne hanno colpa: è il cervello che imbroglia se stesso, abituato com’è a interpretare tutto ciò che vede e quando deve scegliere tra i suoi preconcetti, peraltro in gran parte suffragati dall'esperienza, e la realtà, preferisce salvare i primi e scartare la realtà.

Scrive Maria Teresa Tuccio, docente di fisica per le scienze biologiche: "La percezione é una simulazione ricostruttiva generata dal cervello, sotto il controllo di una determinante genetica, delle interazioni tra noi e l’ambiente materiale che ci circonda e in base alle nostre conoscenze e alle nostre esperienze precedenti: cio' che e' percepito e' diverso dall'oggetto esterno che rappresenta. Con una bella espressione della Programmazione NeuroLinguistica possiamo dire: la mappa non e' il territorio, e ognuno di noi costruisce mappe diverse dello stesso territorio e anche mappe diverse da momento a momento, in base al nostro grado di attenzione, ai nostri bisogni, alle nostre motivazioni."

E' proprio nella sostanziale indeterminazione della visione, della percezione e della ricostruzione della realtà che prende vita l'affascinante mondo dell'inganno dei sensi, dell'illusione ottica, del paradosso visivo al quale tante volte l'arte si è ispirata.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Jean-Paul Riopelle "Diamond"



Pittore, grafico e sculture, è uno dei più grandi artisti canadesi contemporanei, inquadrabile in una corrente ......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.