home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Yves Klein, "Monocrome IKB 79".
  FOCUS ON  
Libri
"L'arte nel cesso: Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea" di Francesco Bonami: dopo “Lo potevo fare anch'io“, Bonami ci ripensa, a 100 anni dall’orinatoio di Duchamp, l'arte contemporanea è giunta al capolinea.
Musei
Parigi, nuovo museo dedicato a Alberto Giacometti, 350 sculture, 90 dipinti, 2000 disegni, la ricostruzione del suo atelier, mostre temporanee e retrospettive.

Concorsi
"Home Revolution Prize", concorso per arti visive e design, tema "Come Back Home" sull'idea di casa come spazio intimo e privato. Scadenza 10 Ottobre 2018.

Premi
Assegnato il "AZ Awards 2018", premiato un vincitore per ciascuna delle 20 categorie in concorso, tra i vincenti l'edificio residenziale The Silo di COBE e la Copenaghen International School di CF Møller Architects.

In Italia
Mamiano di Traversetolo (Parma), "Roy Lichtenstein", 80 opere di protagonisti della Pop Art. Fino al 9 dicembre 2018.

All'estero
Maurits Cornelis Escher, da Leeuwarden a New York il mondo gli rende omaggio a 120 anni dalla nascita.

  CERCA NEL SITO  

Jeff Koons, "Lips"
di Vilma Torselli
pubblicato il 10/05/2007
Uno straordinario manipolatore dei mezzi di comunicazione, personaggio ambiguo, ostentatamente cinico ed amorale, forse un artista.
Jeff Koons (1955) è uno straordinario manipolatore dei mezzi di comunicazione moderni, è un ambiguo personaggio ostentatamente cinico ed amorale ed è, forse, un artista: quel che è certo è che ha saputo abilmente insediarsi al posto lasciato vacante da Andy Warhol, perfezionandone le capacità mediatiche ed adeguandole al mutare dei tempi, impadronendosi così di un ruolo di primo piano nel sistema dell’arte contemporanea (non a caso fu un tempo agente di borsa, quindi in grande dimestichezza con i fenomeni commerciali ed economici).
Da Warhol, Koons ha desunto l'esibizione della trasgressione, del libertinaggio, della sufficienza verso il mondo di cui sfrutta le debolezze, come Warhol dissimulando la sua sostanziale cultura accademica, quella che Warhol aveva certamente in mente costruendo la sua anacronistica Factory, una moderna 'bottega' di arti e mestieri, chiara citazione della cultura rinascimentale, settecentesca, barocca, la stessa che traspare, nell'opera di Koons, nel gusto decorativistico lieve e sensibile, con un occhio di riguardo alla tradizione italiana nelle eccentriche provocazioni, nei temi.

Di chiara derivazione new-dada, rielaborata e riattualizzata in chiave pop, la pittura di Koons, che è anche affermato scultore, gioca sul confine tra arte e cultura popolare pescando dal mondo della pubblicità aspirapolveri, souvenirs, immagini di personaggi del cinema e della tv, della moda e della cronaca, con un gusto raffinato che lo differenzia dall'arte pop per una grande attenzione ai dettagli, con il contributo della sua personale fantasia inventiva, asetticamente assente nelle opere pop, in uno spirito critico e selettivo che denuncia la presenza dell'artista ed il suo costante controllo sul risultato finale.

Ciò è ben evidente in questo "Lips" del 2000, olio su tela, 120 x 172 inches, un gigantesco dipinto concepito come un collage di immagini ad alta definizione per costruire una visione travolgente ed eccentrica che contamina la realtà circostante e la assorbe nel suo racconto fantastico: se formalmente il linguaggio è di ispirazione pop, il tema e gli accostamenti denunciano un diretto rapporto con l'Espressionismo astratto e con la poetica surrealista (molte le citazioni da Dalì, Ernst, Magritte), da questa ibridazione nasce la visione onirica di una realtà fluttuante senza gravità, accostamento assurdo di immagini senza interelazioni nè dimensionali nè concettuali e per questo affascinanti ed evocative.
Viene in mente, fatta salva l'aggressività grafica e cromatica di Koons, certo pop inglese che, a differenza di quello americano, si stempera nel senso ironico e a tratti nostalgico della composizione con un tocco vagamete sentimentale ed una riflessione meno feroce sulla contemporaneità: si pensi, ad esempio, a Richard Hamilton ed al lieve distacco del suo sguardo sul mondo femminile, oggetto di un desiderio realizzabile e monetizzabile, forse rivolto in modo indifferenziato ad una donna o ad un aspirapolvere.

Per rinnovare il suo linguaggio pop, Koons "ricontestualizza" oggetti banali in contesti insoliti (suo l'aspirapolvere Hoover messo sotto vetro) e, soprattutto in scultura, reinterpreta la maniera duchampiana dell'objet trouvé utilizzando oggetti di recupero che però già possiedono una loro valenza estetica, per quanto limitata e degradata, ambiguamente trasfigurata in un nuovo medium, e quindi trasmutata in altro, forse in arte.

A differenza di ciò che fa la Pop Art, Koons non vuole esprimere condanna o disprezzo per la cultura consumistica, al contrario la vuole celebrare, ponendosi semmai in antitesi al Neo-espressionismo ed alla sua pretesa di ritornare a "fare pittura" o a "fare scultura" creando ex-novo l'opera d'arte, con un atteggiamento che il critico Robert Smith definisce "la freddezza, l'intellettualismo e il disprezzo per il manufatto": sono infatti queste le caratteristiche rintracciabili in ogni manifestazione di questo artista discusso e discutibile che esibisce la vacuità ed il cinismo come etichette dei nostri tempi nei quali, decaduto perchè superato il valore della critica verso il sistema dell'arte museale, autoriferenziale e fuori dalla vita, si celebra invece l'affermazione democratica dell'esperienza estetica alla portata di tutti, sia fruitori che esecutori.

Possono esserci dei dubbi sul fatto che Jeff Koons si debba considerare un vero artista, certamente, come afferma Edward Lucie-Smith, è un personaggio dotato di "estrema consapevolezza della storia dell'arte moderna", il che, oggi, pare si identifichi con il saper "fare arte".

* articolo aggiornato il 20/08/2014

link:
La poetica della casualità ed il ready-made di Duchamp
La decontestualizzazione



DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Ad Reinhardt
"Black Painting No. 34"




"Il nero realizza l'idea di un'arte assolutamente pura e sublime tautologicamente ripiegata su se stessa, scevra da contenuti narrativi ed emotivi"......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.