home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Andy Warhol e i ritratti di Marilyn".
  FOCUS ON  
Libri
Massimo Recalcati “Il mistero delle cose. Nove ritratti di artisti” , l'arte alla luce della psicoanalisi, un filo rosso che unisce nove artisti italiani.
Musei
Firenze, Palazzo Bartolini Salimbeni nuovo Museo che ospita la Collezione Roberto Casamonti, dipinti e sculture del ‘900.

Concorsi
Comune di Milano, concorso di idee "Una Forma per l'Acqua": realizzare una Casa dell'Acqua capace di erogare acqua gratuita, refrigerata, liscia o gassata. Consegna entro il 13/07/2018.

Premi
Il Premio Arte Laguna alla sua 12° edizione assegnato a cinque artisti di varia estrazione (pittura, scultura, installazioni, fotografia, video arte).

In Italia
Milano, alla Triennale, in occasione di Milano Arch Week dedicata all’architettura contemporanea "Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura".Dal 25/05 al 26 /8/2018.

All'estero
Londra, Tate Modern, “Picasso 1932: Love, Fame, Tragedy” , più di 100 dipinti, sculture, opere su carta e fotografie della sua vita pubblica e privata. Fino al 9/09/2018.

  CERCA NEL SITO  

Andy Warhol e i ritratti di Marilyn
di Vilma Torselli
pubblicato il 31/03/2007
*
Nella fissità di un'immagine che replica all'infinito la vacuità di una vita di celluloide, forse Marilyn cerca sé stessa, senza trovarsi mai.
Padre indiscusso della Pop Art americana, il primo a scoprire nell'oggetto banale e quotidiano impensati poteri comunicativi ed a vedervi in nuce l'opera d'arte senza intervento alcuno da parte dell'artista se non una spiazzante decontestualizzazione, Andy Warhol si caratterizza per il suo linguaggio privo di emozioni e di stile personale, nel quale viene intenzionalmente abolita ogni impronta di soggettività a beneficio di soluzioni formali buone per tutti e per ogni scopo, anonime e perciò universali.
Il suo passato di illustratore commerciale lo predispone e lo educa a questa fredda sensibilità puramente 'ottica' dell'immagine, lasciando intravvedere un nichilismo che sfocerà nella riproduzione serigrafica di una serie di scene catastrofiche, "Death and Disaster", nel 1963, raffiguranti incidenti stradali, suicidi, sedie elettriche, lattine di tonno contaminato.

E' su questa logica che il prodotto artistico diviene prodotto di serie industriale, proposto come arte ad una società culturalmente livellata, incapace di vedere oltre gli archetipi consumistici esposti nei supermercati, massificata, obnubilata e mentalmente condizionata dalla pubblicità.
La riproduzione meccanica, con metodo serigrafico, si presta in modo ottimale alla produzione di opere seriali destinate al grande pubblico, in aperta dissacrazione del concetto dell'unicità dell'opera d'arte, secondo i metodi industriali della stampa offset dai colori violenti, senza tenere in alcun conto il livello qualitativo dell'immagine risultante.

Nascono così, negli anni '60, i famosi ritratti di personaggi celebri, da Elvis Presley a Marilyn Monroe, quest'ultima ritratta a partire dal '62, subito dopo il suicidio, più volte ed in più versioni, con interesse quasi ossessivo, e non è casuale che, proprio nell'anno seguente, Warhol intensifichi il suo interesse attorno al tema della morte con la settantina di opere della serie dei "Disaster".

Marilyn viene proposta in numerose varianti (del tutto particolare una "Gold Marilyn" a sfondo dorato), singola e multipla, a colori, in bianco e nero, con il metodo del riporto fotografico, ottenendo tra le varie versioni differenziazioni spesso minimali e solo cromatiche, nell'intenzione del massimo appiattimento dei tratti identificativi.
La freddezza della rappresentazione, tipica dell'opera di Warhol che non vuole mai esprimere né sentimenti né giudizi sul soggetto ritratto, è in questo caso assecondata dal fatto che Marilyn non c'è più, Andy non la può incontrare, non la può fotografare, tanto che ricorre ad alcuni fotogrammi di un celebre film della diva, 'Niagara', per ottenere la base delle sue elaborazioni tipografiche.

Le scelte di Warhol sono fortemente influenzate dalla notorietà del personaggio, una notorietà più che sufficiente a connotare l'immagine seppure elaborata in modo anonimo e superficiale, privo di ogni emozione e di ogni interesse per la sua interiorità: Marilyn infatti viene ritratta come sex symbol da "consumare", con plateale accentuazione dei tratti tipicamente femminili, il trucco pesante, le labbra sottolineate dal rossetto, l'espressione ammiccante ed il sorriso stampato di chi sorride per mestiere, icona del fascino femminile e regina dell'immaginario americano, di una bellezza stereotipata proposta e "venduta" dalla grande industria hollywoodiana, che Warhol ripropone tale e quale, confezionata nei suoi ritratti come in una perfetta operazione di marketing pubblicitario.

I ritratti di Marilyn, come le riproduzioni delle lattine di Campbell's Soup o delle bottiglie di Coca Cola, sono la fredda replicazione di un'immagine familiare appartenente al patrimonio visivo di ogni americano, dal fascino vagamente feticista, rassicurante e prevedibile nella sua banale notorietà.
Ma, suo malgrado, in quei ritratti Warhol riesce a cogliere ciò che non vuole, un riflesso dell'anima, la nostalgia per un'interiorità nella quale la diva non sa più riconoscersi, persa nella fissità di un'immagine che replica all'infinito la vacuità di una vita di celluloide.

link:
Time capsule
Città di Castello, Andy Warhol. I never read, I just look at pictures
Milano, Andy Warhol’s Stardust

* articolo aggiornato il 25/05/2014


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Edvard Munch, "Il bacio"




Questo dipinto di Edvard Munch, olio su tela del 1892, fa parte, come il celebre "Il grido", di un grande ciclo pittorico, "Il fregio della vita" ........ continua
 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.