home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto:"Arte e epilessia".
  FOCUS ON  
Libri
Luigi Ghirri, "Lezioni di fotografia", le lezioni tenute da Ghirri all'Università del Progetto di Reggio Emilia nel periodo 1989/1990.
Musei
A Salò (BS), negli spazi della chiesa di Santa Giustina, è ospitato il MuSa, museo di arte, scienza e mostre temporanee.
Concorsi
Sesta edizione del concorso fotografico Wiki Loves Monuments, che invita tutti i cittadini a immortalare il patrimonio culturale italiano. Caricamento foto dal 1 al 30 settembre.
Premi
Per l'anno 2017, 5 i progetti premiati per 5 diverse categorie nella prima edizione del Premio di Architettura della Toscana (PAT)

In Italia
Milano, al Mudec, "Klimt. Experience" mostra multimediale. Fino al 07/01/2018

All'estero
Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza, mostra monografica di Sonia Delaunay. Fino al 15 ottobre 2017.

  CERCA NEL SITO  

La poetica della casualità ed il ready-made di Duchamp
di Vilma Torselli
pubblicato il 26/01/2007
Negazione della razionalità e del funzionalismo, per un'arte dissacratoria che afferma il nichilismo estetico


Marcel Duchamp "Roue de bicyclette", 1913
Indiana University Art Museum
"Per fare un poema dadaista. Prendete un giornale. Prendete delle forbici. Scegliete nel giornale un articolo che abbia la lunghezza che contate di dare al vostro poema. Ritagliate l’articolo. Ritagliate quindi con cura ognuna delle parole che formano questo articolo e mettetele in un sacco. Agitate piano. Tirate fuori quindi ogni ritaglio, uno dopo l’altro, disponendoli nell’ordine in cui hanno lasciato il sacco. Copiate coscienziosamente. Il poema vi assomiglierà. Ed eccovi "uno scrittore infinitamente originale e d’una sensibilità affascinante, sebbene incompresa dall’uomo della strada". (Tristan Tzara) (1)

Questa frase di Tristan Tzara esprime molto efficacemente il meccanismo al quale la poetica dadaista affida la produzione dell'opera d'arte: la casualità.
Per la verità il caso ha un ruolo molto importante in varie correnti culturali, basti pensare al Surrealismo, dove svolge il ruolo di rivelatore dell'inconscio, o anche a molti movimenti dell'arte moderna o contemporanea, quali l'action painting di Pollock e la sua gestualità spontanea e casuale, o anche l'Astrattismo e l'Informale in tutte le sue varianti.
Dice Jean Arp: "La legge del caso, che racchiude in sé tutte le leggi e resta a noi incomprensibile come la causa prima onde origina la vita, può essere conosciuta soltanto in un completo abbandono all’inconscio. Io affermo che chi segue questa legge creerà la vita vera e propria."
E proprio il tema della casualità e dell'irrazionalità di cui è imbevuto il Dadaismo sarà la premessa al suo graduale scivolamento verso la poetica surrealista, sua naturale evoluzione estetica.

Quindi, con l'esaltazione della casualità e la negazione della razionalità, con uno stile eterogeneo e disparate tecniche espressive, con un linguaggio a volte rozzamente polemico, con la voluta ricerca della non-funzionalità, il Dadaismo mette in crisi il pensiero funzionalista dell’epoca proponendo i ‘rayogrammi’ di Man Ray, i collages di materiali degradati o di recupero di Ernst, i ready mades di Duchamp, oggetti sottratti alla quotidianità e ‘elevati’ a opera d’arte, i fotomontaggi di Hausmann e Heartfield.
Sono opere che non rappresentano nulla, sono un puro gesto contrapposto alla organizzata e razionale oggettualità e funzionalità del reale, che daranno un determinante contributo alla definizione di una nuova, rivoluzionaria concezione estetica.

In particolare, i ready-mades sono un’invenzione di Marcel Duchamp, al quale si deve anche l'invenzione del termine che li definisce, il quale propone, nel 1913, la sua celebre ruota di bicicletta, dando così il via ad una delle operazioni maggiormente dissacratorie dei concetti tradizionali di arte.
Duchamp compie in sostanza sull'oggetto un'operazione di spostamento del significato oggettivo, con conseguente attribuzione di nuova identità, per cui, se un comunissimo oggetto viene decontestualizzato e collocato in un contesto insolito ed inusuale (galleria o museo), ecco che automaticamente viene elevato al rango d'opera d'arte, con una spregiudicata affermazione di nichilismo estetico.
I ready-mades sono quindi opere realizzate con oggetti reali e quotidiani, "già pronti all'uso" (l'orinatoio, la ruota di bicicletta, l'attacapanni, lo scolabottiglie, ... ), oggetti di netta antiesteticità, non prodotti con finalità estetiche ma solo pratiche e funzionali, presentati come opere d’arte: si rompe così definitivamente il concetto che vuole l’opera d'arte risultato di una attività intellettuale e manuale consapevole, coltivata e ben finalizzata, d'ora in poi varrà il concetto che opera d’arte può essere qualsiasi cosa ed implicitamente che nulla è arte, ma soprattutto si capirà che l'arte non può separarsi dalla vita reale, deve confondersi con essa, mentre l'artista non si deve affermare per ciò che realizza manualmente, ma per l'idea che riesce a proporre, con il solo scopo di colpire lo spettatore con uno stimolo allusivo che oltrepassa la pura visione ed arriva direttamente alla mente.
L'atteggiamento di rifiuto delle regole estetiche e razionali si associa anche al rifiuto della logica di mercato, che inserisce l’opera d'arte in un contesto produttivo, attribuendole un valore venale: l’arte, puro fatto mentale ed estetico, non deve produrre valore, anzi lo deve negare, come avviene di fatto nel ready-made, dove l'oggetto ne è del tutto privo.

Dopo la rivoluzione nei materiali e nella visione operata da Duchamp con il ready-made, è tracciata una via determinante per i futuri sviluppi dell'arte moderna e contemporanea, che ne sarà influenzata fino ai periodi più recenti ( Pop Art).

(1) tratto da uno scritto di inviato da Tristan Tzara per essere letto pubblicamente il 5 febbraio 1920 durante una vivace conferenza sul movimento dada al Grand Palais des Champs Elysées, alla quale, secondo voci non confermate, avrebbe dovuto partecipare anche Charlie Chaplin, il che non avvenne. Tra i defezionari anche Picabia. Il testo si intitola 'Monsieur AA l'antiphilosophe' ed è comparso sul n. 13 della rivista 'Littérature' nel maggio seguente, ripreso poi in 'La Deuxième Aventure céleste de M. Antipyrine'.

*articolo aggiornato il 22 agosto 2012



DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...




Alberto Burri

"Sacco e rosso"

 

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.