home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Richard Hamilton, "She"
di Vilma Torselli
pubblicato il 2/05/2007
Il linguaggio colto della Pop Art inglese nell'opera del più rappresentativo artista di questa corrente.
L'opera di Richard Hamilton (1922-2011) nell'ambito del movimento pop inglese è paragonabile a quella svolta in America da Jasper Johns e Robert Rauschenberg, avendo egli in comune con questi due pittori statunitensi una particolare predilezione per il Dadaismo, tanto da divenire grande amico di Marcel Duchamp (curò la ricostruzione del suo Le Grand Verre, per la retrospettiva alla Tate Gallery), anche se una sua personale tensione verso l'impegno sociale mitigò in parte l'ironia dissacratoria e un po' snob del suo illustre riferimento francese.
Con un ristretto gruppo di amici, tra cui lo scultore Paolozzi ed il critico Lawrence Alloway, Hamilton forma una piccola associazione, l'Independent Group, avente come scopo lo studio della cultura popolare e del consumo di oggetti d'uso comune proposti dalla pubblicità, alla ricerca del potere evocatore di un fenomeno moderno, il consumismo, appunto, molto diffuso e potente: da lì, nel 1958, nasce ufficialmente, con un termine scaturito dalla fantasia di Alloway, la Pop Art (acronimo del binomio popular art).

Hamilton è autodidatta, segue liberamente corsi serali di arte, lavora nel campo della pubblicità (come Andy Warhol), in seguito insegna design, perfezionando così la sua tendenza pragmatistica che lo porta sempre a risolvere i problemi sul campo, mano a mano che si presentano, inducendo il critico inglese Richard Morphet ad affermare che "la sua fedeltà alla purezza dello stile gli impediva di determinare a priori il carattere dell'opera".
La sua consapevolezza, la caratteristica ricercatezza stilistica, la minuziosità dei commenti alle sue stesse opere, lo distinguono in modo determinante dai colleghi americani, e anche se Hamilton utilizza molto materiale della pop art statunitense, lo fa con un certo distacco tutto europeo, usandolo senza identificarvisi.

"She", del 1958-61, 181,9x81,3 cm, oggi alla Tate Gallery di Londra, è compilato con una serie di elementi desunti da vari generi di annunci pubblicitari di oggetti comuni, fredde superfici igieniche, frigorifero, tostapane, aspirapolvere, la foto di una pin-up di Esquire, una 'lei' suggerita da un sex-dress che diventa grembiule e un capezzolo che si materializza ironicamente in cucina: in modo soft si insinua il concetto della reificazione dei corpo femminile, oggetto di consumo monetizzabile, non a caso il titolo originale dell'opera prevede che la S iniziale sia scritta come il simbolo del dollaro, $he.
Il tutto è qui amalgamato con un senso ironico della composizione che non esclude quello nostalgico, una patinatura di sentimentalismo che mitiga l'aggressività del linguaggio rispetto alla pop art americana e costituisce il sottile fascino delle opere di Hamilton.

Di quest'opera in particolare egli dice: "Negli anni '50 la rappresentazione artistica della donna era anacronistica....opulenta, puntellata di rosa, puntata con spilli, lasciva..... ma la sua sessualità non è che un'astuta recitazione.....A giudicare dai manifesti, la cosa peggiore che può capitare a una ragazza è di sentirsi perfettamente a suo agio nella sua funzione accessoriale.......Il sesso è ovunque simbolizzato nel fascino della lussuosa produzione di massa: gioco di plastica carnosa e metallo liscio e ancor più carnoso."

Come accade spesso per Hamilton, l'opera è il risultato di un'idea complessa, una costruzione che richiede talvolta chiarimenti verbali che il suo autore peraltro non lesina (questo dipinto è oggetto di una lunga dissertazione), in presenza di una capacità comunicativa piuttosto raffinata e meno immediata di quella del pop americano, che cerca l'occasione di esprimere, nell'oggetto inanimato, qualcosa di vicino al carattere umano.

*articolo aggiornato il 10/06/2012


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.