home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Robert Rauschenberg, padre spirituale della Pop Art".
  FOCUS ON  
Libri
Peter Zumthor, “Pensare architettura”: il significato dell'elaborazione dell’architettura in sensazione e quindi immagine.
Musei
Entro il 2019 nuovo museo etrusco a Milano, in Corso Venezia, sotto il giardino di palazzo Bocconi-Rizzoli-Carraro.

Concorsi
Concorso per under 40, "Il Rame e la Casa”: progettare oggetti belli e funzionali sfruttando le proprietà del rame. Scadenza 31/10/2018

Premi
Luxembourg Art Prize, premio internazionale mirato a rivelare talenti, amatoriali o meno, di qualsiasi età e nazionalità. Scadenza 31/05/2018.

In Italia
Roma, al Chiostro del Bramante, “TURNER. Opere della Tate”, fino al 26/8/2018

All'estero
Berlino, Museo Barberini, "Max Beckmann: The World as a Stage", fino al 10/06/2018

  CERCA NEL SITO  

Vincent Van Gogh, "La camera da letto di Arles"
di Vilma Torselli
pubblicato il 1/05/2007
Lo spazio ambientale come espressione dell'interiorità psicologica, di aspettative deluse, di incapacità di rapporti umani, di solitudine, di fatica di vivere.
"..... è semplicemente la mia camera da letto, solo che qui il colore deve fare tutto, e poiché con il suo effetto semplificante conferisce maggiore stile alle cose, esso dovrà suggerire riposo o sonno in generale. In una parola, guardare il quadro deve far riposare il cervello, o piuttosto l'immaginazione ..... Questo come una sorta di vendetta per il riposo forzato al quale sono stato obbligato." (lettera 554 al fratello Theo)

Dipinto tra i più famosi di Vincent Van Gogh (1853-1890), "La camera da letto di Arles" del 1888, olio su tela di 72X90 cm oggi esposto al Rijksmuseum Van Gogh di Amsterdam, è stato realizzato in cinque versioni (due eseguite durante un volontario ricovero nel manicomio di Saint-Rémy), probabilmente perchè lo stesso artista attribuiva molta importanza al tema e voleva raggiungere assolutamente i risultati che aveva in mente, conferma fornita anche dai numerosi schizzi preparatori e da una dettagliatissima descrizione del progetto e addirittura della cornice che avrebbe dovuto contenere l'opera compiuta.
Esistono numerosi studi per determinare l'esatta datazione e la cronologia dei dipinti eseguiti, pare comunque che la copia conservata al Rijksmuseum Van Gogh ad Amsterdam sia l'originale da cui l'artista trasse le successive versioni, datata con estrema precisione, 17 Ottobre 1888, poichè in una lettera scritta quel giorno egli stesso dichiara "....... questo pomeriggio ho finito la tela che raffigura la camera da letto."

Già in fase di progetto, in una lettera al fratello Theo, Vincent fornisce molte e precise informazioni circa i colori che intende utilizzare per realizzare il dipinto, rosso, verde, giallo, viola, blu e arancio, mischiati fra loro e combinati secondo gli audaci accostamenti antinaturalistici che gli sono propri, con profusione di gialli e di violetti, i colori di una realtà assurda travisata dalla xantopsia e dall'immaginazione malata.

L'ambiente, un locale della "Casa Gialla" di Arles, piccolo edificio su due piani dove l'artista allora viveva e dove andrà a vivere anche Gauguin, è estremamente informale e naturale, con i tratti di una normale quotidianità, un letto rifatto, la finestra semiaperta, un tavolino da toilette con oggetti per la cura personale, lo specchio, l'asciugamano, una sedia accostata al letto, forse come comodino d'emergenza, quadri casualmente disposti, i ritratti degli amici Boch e Milliet appesi alla parete in equilibrio precario.

La minuziosa messa in scena, gli accurati dettagli, l'insieme molto spontaneo ma al tempo stesso sapientemente orchestrato, contrastano con la voluta trasgressione alle regole della prospettiva, che peraltro Van Gogh conosceva molto bene per averle studiate anche attraverso le opere di Leonardo da Vinci e Dürer : contrariamente ad ogni norma prospettica, qui l'effetto ad imbuto, ottenuto guardando la scena da un angolo di ampiezza visiva innaturale, con risultato contrario al grandangolo, risucchia lo spazio verso il fondo, evidenziando il primo piano costituito dalla spalliera del letto, del tutto sproporzionata, presenza incombente che sbarra con la sua preminenza l'accesso allo spazio posteriore.
Ed è proprio lì che si coagula il significato del dipinto e lo spazio ambientale si identifica con l'interiorità psicologica dell'artista, in quell'ordinato interno domestico che egli elegge a protettivo custode della propria intimità: è un interno semplice e quieto, quello che Van Gogh vuole dipingere, un'oasi di pace, di calma, di silenzio, e realizza invece un quadro che urla il suo disagio, il suo doloroso confronto con una realtà che lo rifiuta e che egli rifiuta.
Il giallo solare e l'azzurro-violetto delicato e luminoso che costituiscono le tonalità cromatiche dominanti non riescono a rallegrare un ambiente che resta sostanzialmente claustrofobico, dove lo sguardo dell'osservatore è convogliato verso una finestra con le persiane chiuse, da cui nulla trapela della realtà esterna.
La forzata impostazione prospettica, che deforma con anticipazione espressionista lo spazio e gli oggetti, crea un angoscioso senso di instabilità, sia per la mancanza di una direttrice unica del punto di vista, sia per marcate incongruenze dimensionali tra gli elementi presenti, fra i quali le due sedie vuote acquisiscono un profondo significato simbolico, metafora dell'attesa e dell'assenza, inconscio invito a sedersi rivolto ad un ospite che non c'è.

E' così che la casa di Vincent parla dell'anima di Vincent, di aspirazioni semplici eppure irrealizzabili, di aspettative deluse, di incapacità di rapporti umani, di solitudine psicologica, di quella fatica di vivere alla quale egli porrà fine in un assolato pomeriggio di luglio, in cui si sparerà un colpo di pistola al petto, morendone due giorni dopo.

link:
Espressionismo
Vincent Van Gogh, "Autoritratto"
Vincent van Gogh, "Caffè di notte"
Vincent Van Gogh, "I mangiatori di patate"

Vincent Van Gogh e Antonin Artaud, l'incontro di due follie
I colori di Vincent


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...



Vincent Van Gogh
"La camera da letto
di Arles"

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.