home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Articoli e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
Articolo di Artonweb più letto:"La casa sulla ferrovia".
  FOCUS ON  
Libri
Banski, "Wall and Piece", libro-cult che esce finalmentre in Italia. Lo stesso Banksy, autore dei testi, scrive per per la prima volta del suo particolarissimo 'lavoro'.
Musei
Centro Botín de las Artes y la Cultura di Santander, in Cantabria (Spagna), museo sull'acqua su progetto di Renzo Piano.
Concorsi
Concorso d'architettura "SKYHIVE Skyscraper Challenge" organizzato da Bee Breeders sul rapporto tra grattacielo, ambiente, comunità, città.
Iscrizioni entro il 27 settembre 2017. 
Premi
Per l'anno 2017, consegnato il Piranesi Prix de Rome, premio alla carriera, all'architetto portoghese Eduardo Souto de Moura.

In Italia
Genova, a Palazzo Ducale la mostra fotografica "Vivian Maier. Una fotografa ritrovata". Fino all'8 ottobre 2017.

All'estero
Parigi, al Museo d’Orsay, "Portraits de Cézanne". Fino al 24 settembre 2017.

  CERCA NEL SITO  

Paul Gauguin - "Ragazza di Tahiti"
di Alessandro Tempi
pubblicato il 11/04/2007

"La Ragazza di Tahiti ci dà la più autentica testimonianza di una pittura fatta per puro piacere......."

Nel gennaio del 1892 Paul Gauguin, che già dall’anno precedente si era trasferito a Tahiti, si ricovera all’ospedale di Papeete, ma vi resta poco, uscendone quasi subito per recarsi a Mataiea, presso un vicino di casa, ove trascorre fino a marzo un lungo periodo di convalescenza. Per sdebitarsi dell’ospitalità Gauguin, sempre a corto di denaro, dipinge quest’opera, insieme ad altre due andate perdute, per il padrone di casa.
La particolarità dell’opera è di essere dipinta direttamente su una porta, o meglio sui sei pannelli di vetro di una porta, in modo da dare esattamente l’impressione di un’immagine vista da una finestra. La Ragazza di Tahiti ci dà la più autentica testimonianza di una pittura fatta per puro piacere, senza quelle preoccupazioni di critica o di mercato che tanto assillavano il pittore.

Invitante nella sua naturalezza, di una bellezza senza forzature, questa figura di giovane donna, posta di lato e girata di tre quarti, incontra lo sguardo dell’osservatore con occhi disarmanti, nei quali si legge – come annotava Gauguin stesso in Noa Noa - tutta una gamma di sentimenti: dignità, sopportazione, orgoglio, ma soprattutto divina animalità. Il frutto proteso in segno di offerta rappresenta in questo senso una sorta di invito ad entrare in questo Eden caratterizzato da calma e serena naturalità, come si intuisce anche dalla presenza di un coniglio, sulla destra sotto l’albero, che se ne sta disteso in tranquilla indifferenza.

Tuttavia il dipinto non nasconde motivi di inquietudine. Le vele bianche sul mare, in lontananza sullo sfondo, preannunciano partenze imminenti (Gauguin infatti sarebbe presto ripartito alla volta della Francia, per problemi economici) e l’invito a restare in quel paradiso sembra destinato ad un rifiuto. Quando nel 1916 lo scrittore inglese William Somerset Maugham, di passaggio a Tahiti per raccogliere materiale per il suo libro su Gauguin, acquistò, probabilmente dallo stesso primo proprietario, la Ragazza di Tahiti pagandola 200 franchi, la sua prima impressione davanti al dipinto fu di un’ “Eva nel paradiso terrestre”. Per Gauguin, che morirà nel 1903 a 55 anni, alle Isole Marchesi, quello doveva essere però solo un “paradiso perduto”.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...



Frank Auerbach
"Testa di Julia II"


 

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.