home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Milano, MILANO POP Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70
di Vilma Torselli
pubblicato il 03/03/2019

In mostra il pop italiano, punti di contatto e differenze profonde con la matrice pop americana.
Giangiacomo Spadari, "Metropolitana", 1973
acrilico su tela, cm 100x100
ph. Bruno Bani
Nello spazio espositivo di Palazzo Lombardia che ospita la sede regionale, si svolge la mostra "MILANO POP. Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70”, collettiva a cura di Elena Pontiggia.
Protagonisti i maggiori artisti pop degli anni d’oro di un movimento che, partendo dall’America, ha pesantemente coinvolto tutto il mondo dell’arte europea mettendo in atto una oculata e lungimirante strategia politica, mediatica e finanziaria da parte di un paese in cui l'aspetto economico e commerciale di ogni fenomeno di costume o di cultura ha sempre avuto un ruolo preponderante.
Se la critica più accreditata, specialmente nella persona del critico Harold Rosenberg, almeno inizialmente accoglie con poco entusiasmo la Pop Art, ben presto il supporto che l'America fornisce ai suoi artisti è totale e capillare, dai direttori dei maggiori musei d'arte moderna al gallerista italo-americano Leo Castelli, proprietario con la moglie Ileana Sonnabend di una catena di prestigiose gallerie in America ed in Europa che si fanno garanti di un'efficace attività propagandistica e divulgativa.
Grazie a ciò, una nazione giovane e ricca è stata in grado di coinvolgere indiscriminatamente artisti, critici, galleristi, collezionisti, pubblico, dando inizio ad uno dei più importanti imperialismi culturali che mai abbiano dominato il mondo dell'arte, facendo dell'America la culla di ogni nuovo movimento artistico importante che fosse nato in futuro (Concettualismo, minimal art, body art, land art ecc.). Per consolidare questo primato, la rassegna "The Responsive Eye" del '65, organizzata dal MOMA di New York, lancia sul fronte internazionale anche l'optical art, peraltro già apparsa in Europa con assai meno scalpore (e, come sempre, meno dispiegamento di risorse).

Anno fatidico da cui tutto discende è ufficialmente il 1964, quando alla Biennale di Venezia il Gran Premio viene assegnato al padre spirituale della Pop Art, Robert Rauschenberg, primo statunitense a ricevere un riconoscimento così prestigioso nel sacrario della cultura visiva europea.

La Pop Art, già anticipata con una collettiva a New York del 1962, "The New Realistsal", rappresenta un fenomeno tipicamente americano, seppure di indiscutibile matrice europea che, grazie alla grande disponibilità dei mezzi economici messi in campo, neutralizza sia la nascente Popular Art inglese sia il Nouveau Réalisme italo-francese, parenti poveri della grande famiglia new dada.
Con l'Espressionismo Astratto prima e con la Pop Art poi l'America finisce così per avere finalmente un'arte nazionale che la rappresenta, liberata dall'influenza culturale della vecchia Europa, quantomeno è questa l'immagine che vuol dare di sé al resto del mondo imponendo l'american life in tutte le versioni possibili.
In realtà già negli anni ’40 la cultura europea aveva piantato radici oltreoceano grazie ad un gruppo di artisti, soprattutto surrealisti, in fuga dalle leggi razziail promulgate nell'Europa hitleriana, che in America avevano trovato rifugio ed accoglienza contribuendo allo sviluppo della cultura visiva di quel paese in un clima culturale aperto e disponibile a contaminazioni di ogni tipo.
Quindi il pop si presenta in Europa sostanzialmente come un fenomeno di ritorno che, poggiato su una solida e millenaria tradizione culturale quale quella italiana, è in grado di conservare una autonomia espressiva e linguistica del tutto peculiare, distinta da tutti gli aspetti che il pop assumerà in Europa (come del resto avverrà in Inghilterra, dove artisti come Richard Hamilton guardano alla Pop Art con un certo distacco tutto europeo, senza alcun tentativo di identificazione.)

Sono esposte circa 50 opere tra le più significative degli anni ’60/’70 dei principali protagonisti del movimento, specie dell’area milanese, Valerio Adami, Enrico Baj,  Lucio Del Pezzo, Umberto Mariani, Silvio Pasotti, Sergio Sarri, Giangiacomo Spadari, Tino Stefanoni, Emilio Tadini, Mario Schifano, Mimmo Rotella e molti altri.

A completamento della mostra, un video-documentario fornisce interessanti informazioni su quegli anni attraverso testimonianze dirette e interviste esclusive agli artisti e alla curatrice.

Di particolare interesse l’evento collaterale “CINEMA POP”, dove una trentina di lavori di Sergio Sarri e Giangiacomo Spadari, importanti protagonisti della componente milanese del gruppo, permettono di evidenziare, rispetto agli altri aderenti, una comune e particolare attenzione “alle modalità espressive del cinema come spunto pittorico”, come osserva la curatrice Elena Pontiggia.
Milano, via Galvani 27
SPAZIO ESPOSITIVO DI PALAZZO LOMBARDIA
"MILANO POP Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70"
dal 4 aprile al 29 maggio 2019
link:
La mostra
La politica culturale americana
il metodo americano

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.