home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Jean Dubuffet, "Mire G21 (Kowloon)"
di Vilma Torselli
pubblicato il 28/04/2007

L'Art Brut, arte della non-cultura, nell'opera di un artista colto ed ecclettico, anticipatore di un nuovo modo espressivo.

"L'art Brut ha in sé tutti gli elementi che richiede un'opera d'arte: una bruciante tensione mentale, invenzione senza freni, libertà totale. Pazzi? Certamente. Potreste concepire un'arte che non fosse un poco folle? Nietzsche diceva: -noi vogliamo dell'arte che danzi."

Jean Dubuffet (1901-1985) è una delle personalità più interessanti dell'arte europea del periodo postbellico, per la complessità del suo linguaggio insieme colto e primitivo, intellettuale ed istintivo, coerente ed imprevedibile.
Animato da una insaziabile curiosità e da una vastità di interessi che lo porta a sconfinare nei campi più disparati dell'arte visiva, questo artista ecclettico è attratto dalle manifestazioni grafiche dei popoli primitivi, dalla produzione istintiva e spontanea degli artisti di strada, dei graffitisti, dei bambini e dei pazzi: lo interessano le persone prive di formazione culturale, che vivono ai margini della società, autodidatti, estranei ai circuiti dell'arte tradizionale, dal linguaggio figurativo personale che esprime un proprio mondo dell'immaginario, talvolta sconcertante, riconoscendo alla tensione emotiva che si accompagna alla creatività febbrile del vero artista la possibilità di rompere i contatti con la realtà e portare alla follia, stato mentale favorevole alla creazione artistica.

Innumerevoli sono le tecniche inventate ed impiegate da Jean Dubuffet per esprimere il vasto repertorio della sua attività creativa, svolta per grandi cicli, nella quale si possono identificare echi surrealisti, per la componente onirica e l'automatismo, cenni astrattisti, richiami netti all'informale di Fautrier, elaborazione personale di un linguaggio desunto dalle manifestazioni non colte dell'arte figurativa, complesse esperienze volte a sondare le possibilità della materia e dell'espressione spontanea, che lo condurranno all'informale materico.
Applicando tecniche inusuali e personali, realizza i suoi collages con i materiali più impensati, giornali, elementi vegetali e animali, ali di farfalla, il risultato è una haute pâte di grande pregnanza materica, dove il segno affonda deciso nel colore spesso. Nel graffitismo Dubuffet dispiega la sua pennellata fresca e fluida, la sua esuberanza cromatica giocata sui toni decisi dei colori primari, blu, giallo, rosso, aggressivi, violenti, urlati in una pittura di grande maestria, colta, sapiente, che pure si muove con naturalezza nel solco di un'arte primitiva, apparentemente rozza e barbara.

Nel 1945 Jean Dubuffet conia il termine "Art Brut", teorizzata poi nei suoi "Cahiers de l'Art Brut", per definizione un'arte dei non-acculturati, come la definisce anche Renato Barilli, che sfugge ai condizionamenti sociali e al conformismo borghese, al di fuori della tradizione e delle mode, al di fuori del sistema delle arti, delle scuole, delle gallerie, dei musei ed anche delle convenzioni estetiche, genuina ed immediata, che recupera il substrato primitivo dell'arte arcaica, con selve di segni e disegni casuali, incontrollati e liberi.

Questo "Mire G21 (Kowloon)", un acrilico su carta, può considerarsi antesignano di tutta quella che sarà la cultura del graffitismo metropolitano nel mondo, in delicato equilibrio tra un'arte di strada, che proviene dal basso e, in un certo senso, dal passato, e l'espressione cosciente di un intellettuale che ha bisogno di creare nuovi lessici per narrare a modo suo un grande racconto popolare.

link:
Art Brut
L’importanza del disegno infantile in Twombly e Dubuffet
Hans Prinzhorn


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.