home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Yves Klein, "Monocrome IKB 79".
  FOCUS ON  
Libri
"L'arte nel cesso: Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea" di Francesco Bonami: dopo “Lo potevo fare anch'io“, Bonami ci ripensa, a 100 anni dall’orinatoio di Duchamp, l'arte contemporanea è giunta al capolinea.
Musei
Parigi, nuovo museo dedicato a Alberto Giacometti, 350 sculture, 90 dipinti, 2000 disegni, la ricostruzione del suo atelier, mostre temporanee e retrospettive.

Concorsi
"Home Revolution Prize", concorso per arti visive e design, tema "Come Back Home" sull'idea di casa come spazio intimo e privato. Scadenza 10 Ottobre 2018.

Premi
Assegnato il "AZ Awards 2018", premiato un vincitore per ciascuna delle 20 categorie in concorso, tra i vincenti l'edificio residenziale The Silo di COBE e la Copenaghen International School di CF Møller Architects.

In Italia
Mamiano di Traversetolo (Parma), "Roy Lichtenstein", 80 opere di protagonisti della Pop Art. Fino al 9 dicembre 2018.

All'estero
Maurits Cornelis Escher, da Leeuwarden a New York il mondo gli rende omaggio a 120 anni dalla nascita.

  CERCA NEL SITO  

Informale materico, fenomeno tipicamente europeo
di Vilma Torselli
pubblicato il 28/03/2007
Valore estetico della materia, mezzo espressivo e tema dell'opera d'arte.
La fine della guerra in Europa diffonde un generalizzato senso di liberazione, che significa anche liberazione estetica che conduce ad un'idea di arte senza legami con il passato e piena di curiosità per il futuro: formalmente tutto ciò si traduce in linguaggi espressivi nuovi, l'informale materico, l'informale segnico, l'astrazione lirica.
Si attua così l'assoluta identità fra la soggettività dell'artista e l'emblematicità che assume l'opera d'arte nella cultura in generale.
L'informale materico è preferibilmente fenomeno europeo, anche se ha in America significativi riscontri per esempio nelle opere degli anni '50 di Robert Rauschenberg e Jasper Johns, il suo inizio data già dal 1943, contemporaneamente all'action painting di Pollock, proponendo immagini in cui i valori estetici ed espressivi sono definiti e conclusi nei materiali utilizzati.

La tecnica dell'informale materico usa materiali eterogenei, poveri, di recupero, naturali ed artificiali, logorati dal tempo e dall'uso oppure nuovi, ma che comunque hanno perso la loro forma statica ed 'oggettuale' originaria, sfrutta le loro intrinseche possibilità di trasformazione e considera la materia contemporaneamente nel suo significato di 'cosa' e di 'segno', riaprendo così la via al rapporto dell'arte con una realtà che non è quella gestuale dell'action painting, isolata ed individuale, nè quella astratta dell'arte informale, ma che ha come riferimento la materia vera e propria.

Il terreno, in Europa, è particolarmente fertile per questo tipo di discorso, perchè, a partire fin dall'antichità, per la cultura occidentale, ha sempre avuto un ruolo centrale il tema della polarità materia-forma, una dicotomia che ha influenzato nel tempo molti grandi artisti, a partire da Michelangelo fino a giungere alla scultura moderna.
Caposcuola di questa nuova tendernza è il francese Jean Fautrier, estimatore del Cubismo analitico di Picasso e Braque, che per primo inserisce nei suoi quadri elementi plastici in aggetto, denunciando un'aspirazione alla tridimensionalità ed attuando un discorso ibrido tra pittura e scultura.

E' tracciata così una strada nuova ed affascinante, sulla quale molti artisti si cimenteranno: tra i più famosi il francese Jean Dubuffet, lo spagnolo Antoni Tápies e l’italiano Alberto Burri, che attuano opere di singolare forza espressiva.
Mentre Dubuffet, come Fautrier, incide la superficie materica con segno estremamante semplificato e brut, conservando una seppur sommaria distinzione tra la raffigurazione e lo sfondo in cui si colloca, Burri pone sulle sue tele segmenti di vera e propria materia, e null'altro, che si propone laconicamente per quello che è e che vuole sembrare, mentre Tapies sovrappone su tela e su tavola strati e incrostazioni di colore, misto a materiali terrosi e sabbiosi, intervenendo con segni, sgraffiature, graffiti, simboli, lettere, creando un effetto simile a quello di muri scrostati, gravidi di avvenimenti e di vicende.

La duttilità e la versatilità del mezzo sono tali che ciascun artista si esprimerà in modo fortemente connotato e del tutto personale.

*articolo aggiornato il 6/04/2013


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Ad Reinhardt
"Black Painting No. 34"




"Il nero realizza l'idea di un'arte assolutamente pura e sublime tautologicamente ripiegata su se stessa, scevra da contenuti narrativi ed emotivi"......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.