home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Franz Kline, "Painting n 7"
di Vilma Torselli
pubblicato il 27/04/2007
Violento gestualismo orientalizzante in una personale versione dell'action painting, primo movimento pittorico autenticamente americano.
Con Jackson Pollock, Willem de Kooning, Mark Rothko, Franz Kline (1910-1962) è stato protagonista di una stagione epocale, quella della ribellione astrattista, che segna il "rinascimento" dell'arte americana.

Fino alla vigilia della seconda guerra mondiale, l'epicentro del mondo artistico è a Parigi, indiscussa capitale dell'arte, poi, mentre il Nazismo conduce l'Europa in un baratro senza ritorno, l'America, proprio grazie alla guerra, esce dalla crisi economica ed accoglie generosamente i profughi in fuga dall'Europa sconvolta, tanto che in poco tempo a Manhattan si concentrano le famiglie più ricche del mondo.
In un generalizzato clima di ripresa economica, sociale, culturale, si assiste per la prima volta alla nascita di un movimento pittorico americano, anche se i suoi protagonisti provengono per la maggior parte dall'Europa, da cui si muovono in blocco i surrealisti, o sono originari del vecchio continente: in futuro, sempre gli espressionisti astratti americani cercheranno di accreditare al loro movimento una matrice strettamente americana, alla ricerca dell'affermazione di radici culturali autonome.

La corrente informale negli USA è rappresentata soprattutto dalla cosiddetta “New York School”, di cui Pollock, De Kooning e Franz Kline rappresentano la componente gestuale ed espressionista, che si esprime nella tecnica dell'action painting, mentre ha invece scarso seguito la corrente materica dell'Informale, che sostanzialmente resta connotata come fenomeno tipicamente europeo.
La pittura gestuale, che traduce in immagine la foga creativa che passa attraverso il braccio e il pennello del pittore, pittura immediata e irruente, di forte impatto, è per Kline mezzo per esprimere una poetica personale, nell'ambito dell'action painting, a metà strada tra una interiorità di tipo zen ed un'aggressività di tipo espressionista: le ampie e marcate sciabolate che attraversano le grandi tele, l'ascetico cromatismo quasi sempre incentrato sul bianco e nero, la prorompente energia del segno calligrafico, che richiama l'ideogramma orientale, sono tutti elementi tipici di questo artista e ben evidenti nell'opera proposta.

Edward Lucie-Smith individua invece l'origine del "violento gestualismo orientalizzante" di Kline nella sua attività di disegnatore, in virtù della quale egli avrebbe desunto la sua ispirazione dalle costruzioni e dalle impalcature di ferrovie e ponti del paesaggio urbano metropolitano newyorkese, caratterizzato da vasti spazi attraversati da strutture dinamiche di grande tensione: al di là di ogni interpretazione, ciò che importa è che ne scaturisce come risultato, ben espresso in questo olio su tela, "Painting n 7", che misura 204x270 cm, una personale versione dell'action painting, dilatata e macroscopizzata, suggestiva, intensa e possente.

Il critico Robert Goldwater definisce la pittura di Kline "la registrazione spontanea e senza ritocchi di uno stato d'animo impulsivo, annotato con larghe, confidenti pennellate", compiendo poi un'osservazione che induce ad una più approfondita riflessione sui quadri di questo artista: "Solo pochi di essi sono stati eseguiti di getto. Molte di quelle larghe pennellate direzionali, la cui forza sembra il prodotto di un singolo gesto ispirato, furono in realtà dipinte con piccoli colpi di pennello; spesso un intero quadro smisurato ha il suo modello in uno degli innumerevoli piccoli schizzi di Kline."

Qualunque sia la genesi dell'opera di Kline, appare evidente che quello che egli ha urgenza di comunicare è un sentimento di sè così pervasivo, così marcato da un bisogno di espansività fisica, che il sentimento interiore, espresso dalla minuziosa ricerca nei piccoli studi per i suoi quadri, passa in secondo piano: quella di Kline è la struttura di un discorso coerente, potente e dinamico, che richiama alla mente una definizione di Irving Sandler, autore di un famoso libro sull'Espressionismo astratto americano, su questo tipo di pittura: "un'espansiva trama di forze, sospese di fronte alla superficie passiva della tela".

* articolo aggiornato il 19/01/2013


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.