home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Il non-finito
di Vilma Torselli
pubblicato il 9/04/2007
Evoluzione del concetto di forma nel non-finito, uno dei modi espressivi più tipici dell'arte moderna.
Il non-finito è una modalità esecutiva assai frequente nell'arte moderna, legata al concetto di forma, che è quello che nel '900 ha subito le modifiche più macroscopiche.
Tradizionalmente si attribuisce all'Impressionismo di fine '800 il definitivo superamento del concetto di forma, intesa come qualcosa di concreto che ha dei precisi confini delimitanti, perchè è l'Impressionismo che porta la forma ad essere un nucleo di chiaroscuro dissolto nell'ambiente atmosferico, soggetto ad un processo dinamico in continuo cambiamento.
Nasce da ciò una pittura sostanzialmente evanescente che abbandona il segno, nella quale, come diceva Cezanne, è necessario "costruire col colore", anche se proprio Cezanne si oppone alla distruzione totale della forma nell'Impressionismo estremo di Monet, alle sue figure stemperate nella luce, unico, vero tema delle sue opere mature.

La forma, non più costretta nel disegno, sottratta alle leggi della raffigurazione, dà luogo ad immagini sospese, incompiute, che utilizzano il non-finito come scelta volontaria e consapevole, unico modo per esprimere anche il non-detto (dall'artista), il non-visto (dall'osservatore), un non-finito, quindi, di valenza fisica e psicologica, un modo per porre delle domande e sollecitare delle risposte, perchè più il discorso dell'artista è incompiuto ed indefinito, più stimola lo spettatore a completarlo e ad interpretarlo.

E' un tema che ha sempre esercitato un grande fascino sugli artisti, Francesco Hayez esegue nell' '800 un "Autoritratto in un gruppo di amici" dove solo i loro volti si definiscono nitidamente, mentre tutto il resto sfuma in un accattivante gioco di finito-non-finito che costituisce il motivo di maggior forza del quadro, Medardo Rosso modella le sue morbide sculture in un complesso non-finito in chiave impressionista, Auguste Rodin accentua con il non-finito la drammaticità espressionista delle sue figure, Antonio Gaudì costruisce all'inizio del' '900 la Sagrada Familia, opera non-finita, intenzionalmente incompiuta per una precisa scelta architettonica, opera aperta, tappa di un processo artistico e psicologico in continuo divenire, sempre in corso d'opera e perciò eternamente incompleta.

Ma in realtà il non-finito parte da più lontano, da Michelangelo, che, nella produzione della vecchiaia, quando l'urgenza di 'fare' sembra incalzarlo febbrilmente prima che la morte sopravvenga, fa del non-finito il vero e proprio tema delle sue opere più suggestive e moderne.

Una per tutte, la più nota, la "Pietà Rondanini", eseguita in più versioni, dove la forma perde contorni e confini, diventa “informe” e lascia spazio da protagonista alla materia, un altro dei grandi temi cari a Michelangelo, che con la materia aveva un rapporto fisico viscerale e sensuale, che amava la materia prima ancora delle statue straordinarie imprigionate dentro di essa e liberate dal suo scalpello (“Non ha l’ottimo artista alcun concetto, che il marmo in sé già non contenga”).

Da lui, dal suo “non finito, dove ancora la materia gronda attorno all'anima” comincia il cammino dell’arte moderna, che al protagonismo della forma oppone il protagonismo della materia, più finita, meno finita, non-finita, indefinita. Partendo da allora e giungendo ai giorni nostri il tema si svilupperà nelle mille declinazioni dell'Informale materico, dell'Astrattismo, del Minimalismo, dello Spazialismo ed altro ancora, nelle opere di Lucio Fontana, dalle tipiche figure non-finite dove la materia è spinta verso una sintesi astratta e minimalista che aspira alla conquista dello spazio vuoto, in quelle di Picasso per il quale il "finito" non può produrre che il "nulla" , in quelle di Toulouse-Lautrec, dove il ricorso al non-finito potenzia l'efficacia e l'immediatezza del tratto rapido e nervoso.

Gilbert Lascault individua il piacere davanti all'opera d'arte "nello sfumato, nello sfilacciato, nel disperso, nell'impuro, negli abbozzi di descrizioni di particolarità che si rifiutano di venire generalizzate", un piacere lontano dalle certezze, radicato nella polimorfa eterogeneità della cultura moderna, dove è sempre più difficile definire, catalogare, affermare, e dove il non-finito appare più che mai espressione perfetta di una società in mutamento, mai uguale a sè stessa, non-finita, anzi mai-finita.


link:
Il Neoplatonismo e le arti visive nella Firenze del quattrocento


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.