home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Cubismo analitico e Cubismo sintetico".
  FOCUS ON  
Libri
"I quattro libri dell'architettura" di Andrea Palladio, la summa architettonica del tardo Rinascimento che ha influenzato irreversibilmente l'architettura occidentale per i successivi quattro secoli.
Musei
Mestre, nuovo Museo del Novecento (M9), l’innovazione tecnologica al servizio della cultura, del retail e dell’intrattenimento lungo un percorso collettivo che copre un arco temporale di oltre un secolo.

Concorsi
"Luxembourg Art Prize", un concorso internazionale mirato a rivelare e promuovere artisti di talento ancora sconosciuti. Scadenza 30 aprile 2019.

Premi
11° edizione del premio "PORCELANOSA Grupo di Architettura e Interior Design", premiati i progetti più interessanti del 2018 per le tre categorie in concorso.

In Italia
Napoli, Basilica della Pietrasanta-Lapis Museum la mostra "Chagall. Sogno d’amore", 150 opere, dipinti, disegni, acquerelli, incisioni. Fino al 30 giugno 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrarei 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"
di Vilma Torselli
pubblicato il 12/04/2007
Cubismo e Futurismo nella sintesi geniale di un artista tra i più influenti del '900.
"La pittura non dovrebbe essere soltanto retinica o visiva; dovrebbe avere a che fare con la materia grigia del nostro intelletto, invece di essere puramente visiva". (Marcel Duchamp)

Noto al grande pubblico soprattutto per l'invenzione e la realizzazione del ready-made, Marcel Duchamp (1887-1968), probabilmente uno degli artisti più importanti del secolo scorso, conosciuto soprattutto come padre del Dadaismo, è sicuramente uno dei più problematici e influenti per le generazioni che lo seguirono.
Gli esordi di Marcel Duchamp sono vicini all'Impressionismo, con particolare riferimento a Cezanne, ma ben presto l'artista se ne discosta per avvicinarsi, seppure con atteggiamento spesso conflittuale, al Cubismo e alla dissociazione della forma, punto chiave della sintassi cubista, con influenze di tipo futurista per ciò che riguarda la rappresentazione del movimento: nel dipinto "Nudo che scende le scale n. 2" (1912) sono sinteticamente riassunte tutte le più peculiari caratteristiche della pittura di Duchamp, che fanno di questo quadro un'opera particolarmante rappresentativa del percorso di un artista che ha continuamente stupito, definendo un concetto totalmente nuovo di arte, ispiratore dei diversi movimenti di impronta concettuale sorti nel periodo postbellico.

Il quadro venne rifiutato nel 1912 alla mostra al "Salon des Indépendants" perchè di troppo forte impronta futurista nell'ambito di una esposizione cubista, soprattutto per le proteste del pittore Albert Gleizes, e proprio questo episodio determinò l'allontanamento di Duchamp dal movimento cubista: l'opera fu tuttavia inserita tra quelle che, l’anno successivo, furono inviate in America e lì, era il 1913, all' "Armory Show" di New York, "Nu descendant l'escalier nº2" si caratterizza come l'opera che suscita maggior scandalo, salutata tuttavia entusiasticamente dalla critica come l'apparizione di una "luce al fondo di un tunnel".

La ricerca cinetica di Duchamp, conflittuale con la risoluzione cubista di un’immagine frammentata e fermata in successivi momenti statici, non ha tuttavia alcuna relazione con la ricerca dei futuristi: mentre questi vogliono esprimere il movimento inserendolo nelle loro opere quale tema centrale, Duchamp persegue la rappresentazione astratta del movimento a livello puramente concettuale attraverso le successive posizioni di una figura che scende le scale, collegate in un complesso ritmo sovrapposto, dinamico e simultaneo ottenuto empiricamente. Sovrapponendo le immagini e simulando l'effetto del fotomontaggio di più scatti fotografici, Duchamp istituisce un chiaro riferimento alle invenzioni dadaiste nel campo filmico, al quale guarda con attenzione sperimentalista come faranno i futuristi e poi i surrealisti.

Quello che Duchamp vuole proporre con le molteplici invenzioni tecniche della sua attività artistica non è uno stile, ma un atteggiamento verso l'arte e verso la vita in termini distruttivi verso regole e convenzioni, così esprimendo in modo romantico la ribellione di un artista solitario in anticipo sul suo tempo.

link:
La poetica della casualità ed il ready-made di Duchamp
L'arte difficile

La decontestualizzazione


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Richard Hamilton, "She"




L'opera di Richard Hamilton nell'ambito del movimento pop inglese è paragonabile a quella...... continua

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.