home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Yves Klein, "Monocrome IKB 79".
  FOCUS ON  
Libri
"L'arte nel cesso: Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea" di Francesco Bonami: dopo “Lo potevo fare anch'io“, Bonami ci ripensa, a 100 anni dall’orinatoio di Duchamp, l'arte contemporanea è giunta al capolinea.
Musei
Parigi, nuovo museo dedicato a Alberto Giacometti, 350 sculture, 90 dipinti, 2000 disegni, la ricostruzione del suo atelier, mostre temporanee e retrospettive.

Concorsi
"Home Revolution Prize", concorso per arti visive e design, tema "Come Back Home" sull'idea di casa come spazio intimo e privato. Scadenza 10 Ottobre 2018.

Premi
Assegnato il "AZ Awards 2018", premiato un vincitore per ciascuna delle 20 categorie in concorso, tra i vincenti l'edificio residenziale The Silo di COBE e la Copenaghen International School di CF Møller Architects.

In Italia
Mamiano di Traversetolo (Parma), "Roy Lichtenstein", 80 opere di protagonisti della Pop Art. Fino al 9 dicembre 2018.

All'estero
Maurits Cornelis Escher, da Leeuwarden a New York il mondo gli rende omaggio a 120 anni dalla nascita.

  CERCA NEL SITO  

Alberto Burri, "Sacco e rosso"
di Vilma Torselli
pubblicato il 10/05/2007
La concezione panteistica della materia, vista nell'evolversi del suo vissuto sofferto e doloroso, metafora della precarietà della vita umana.
Le opere di Alberto Burri (1915-1995) sono astratte, informali, materiche, ma nonostante la relativa ricchezza di aggettivi loro attribuibili, le opere di Burri appaioni troppo limitate da queste definizioni: meglio è dire semplicemente che questo artista pone tra le sue priorità la materia, che elabora con una sensibilità fisica ed un amore sensuale e sofferto che trovano parallelo forse solo in Antoni Tàpies e nelle sue "tracce" materiche, eredità e testimonianza della vita degli uomini.

Burri, che compie le sue sperimentazioni fondamentali tra gli anni '50 e '60, in realtà non si preoccupa di tramandare, usa materiali consunti, stracci, lamiere, legni combusti, sacchi, materiali volgari, già vecchi, che danno da subito la sensazione di una durata limitata nel tempo, destinati a mutare, degradare, morire, in una chiara metafora di quello che è il destino dell'uomo. E quando invece utilizza materiali nuovi, li trasforma, li brucia, li tormenta, li straccia, caricandoli, attraverso la sua azione, di un significato inusuale ed intenso, sollecitandoci ad interrogarci sul loro stato, su quello che erano prima dell'intevento dell'artista, su quello che è accaduto perchè si siano trasformati nell'immobile fissità di un'opera d'arte.

Ancora una volta, l'artista sublima i relitti, la materia di scarto e di recupero, secondo il vecchio concetto dadaista dell'objet trouvé, del ready-made di Duchamp, dei dipinti polimaterici di certi futuristi, dei Merzbilder di Schwitters, ma in Burri l'azione creativa coesiste con l'intenzione distruttiva di accelerare con un intervento diretto il processo di consunzione e di logoramento dei residui materici per inglobarvi il concetto del tempo, che inesorabile trascorre e corrode: il fuoco, l'essicazione (si veda la serie dei "Cretti" degli anni '70) sono mezzi per attuare una forma di purificazione che, devitalizzando l'oggetto, ne amplia il significato simbolico, le "combustioni" sono materia danneggiata che perde la sua integrità fisica per acquistare un significato meta-fisico, perchè solo così può raccontare la mutevolezza e la caducità della vita.
Come ogni essere umano, l'inerte materia ha un suo vissuto, secondo una percezione quasi animistica e panteistica della realtà fisica, partecipe delle vicende umane e come l'uomo capace di sofferenze, di cambiamenti, di decadimento e di morte: il concetto di un'arte costruita dall'uomo, destinata ai posteri, a valenza universale, consegnata all'eternità, viene così definitivamente superato in una visione in cui "Non è l’arte che rappresenta la realtà: è la realtà che si presenta da sé facendosi arte" (Francesco Morante), conservando tutte le sue limitazioni ed imperfezioni.
Al di là dell'eterogeneità dei materiali e dell'apparente casualità degli accostamenti, le opere di Burri sono sempre saldamente intelaiate in uno schema strutturale fermo ed equilibrato, secondo una rigorosa legge compositiva che regola rapporti di spazi, dimensioni e relazioni tra le masse cromatiche, e, seppure in modo inusuale, determina timbri ed accenti con gusto quasi classico, sfruttando le diversità dei materiali eterocliti e le loro caratteristiche superficiali e volumetriche.

Sono tutti elementi facilmente leggibili in questo "Sacco e rosso" del 1955, 180x158 cm, una composizione di sacchi su fondo rosso, una delle molte versioni realizzate, posizionata trasversalmente al centro del supporto, secondo una sostanziale simmetria, dove gli effetti pittorici e plastici sono affidati alle diverse tonalità delle tele, mosse in diversi spessori e sovrapposizioni, sfilacciate e strappate, percorse da una "sofferenza" tutta umana che le ha, nel tempo, sdrucite e consunte fino a farne umili testimonianze di una "vita" passata con la stessa fatica e lo stesso dolore che percorre la vita di tutti noi, poveri uomini su questa terra.

Lo stesso Burri dice :"Nel sacco trovo quella perfetta aderenza tra tono, materia e idea che nel colore sarebbe impossibile."
E' un sentire laico, mistico e romantico, di contenuta empatia, la visione di un mondo precario e destinato alla fine nella poetica di un artista di grande spessore umano e morale, che ha contribuito in maniera determinante a ridefinire quel mutato rapporto tra arte e vita alla base di tutta la cultura moderna nel mondo occidentale.

link:
Celebrazioni per la nascita di Alberto Burri


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Ad Reinhardt
"Black Painting No. 34"




"Il nero realizza l'idea di un'arte assolutamente pura e sublime tautologicamente ripiegata su se stessa, scevra da contenuti narrativi ed emotivi"......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.