home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Il ritratto"
  FOCUS ON  
Libri
Michael Freeman, “La mente del fotografo”: cosa rende eccellente un'immagine, come evitare i cliché visuali, riconoscere gli stili e sviluppare un approccio personale al processo creativo.
Musei
Roma, nuovo museo d’arte moderna a Palazzo Merulana con opere della Scuola Romana, Novecento italiano, Futurismo e Realismo magico.

Concorsi
Modular Bookcase Design: progettare una libreria componibile, modulare, smontabile per il brand AlbaComponents. Consegna entro il 20 dicembre 2018.

Premi
Assegnato il premio World Press Photo 2018 al venezuelano Ronaldo Schemidt, la foto ritrae una manifestazione di protesta contro il presidente Nicolas Maduro.

In Italia
Milano, Palazzo Reale, "Picasso. Metamorfosi",grande antologica con 200 opere sul rapporto dell'artista con il mito e l’antichità. Dal 18 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019.

All'estero
Parigi, Grand Palais, retrospettiva "Miró, le fauve catalan et le cubiste", 150 opere tra pitture, disegni, ceramiche e sculture. Dal 3 ottobre 2018 al 4 febbraio 2019.

  CERCA NEL SITO  

Gruppo Forma 1
di Vilma Torselli
pubblicato il 28/03/2007
La nascita dell'astrattismo italiano ad opera di un gruppo di artisti ".....formalisti e marxisti, convinti che i termini marxismo e formalismo non siano inconciliabili......"
Forma 1 è il titolo di un mensile di arti figurative pubblicato a Roma una sola volta, nel marzo del '47, su iniziativa di un nutrito gruppo di artisti italiani accomunati da affinità di intenti: sono Carla Accardi, Ugo Attardi, Pietro Consagra, Piero Dorazio, Mino Guerrini, Achille Perilli, Antonio Sanfilippo e Giulio Turcato, poi designati come Gruppo Forma 1, che pubblicano e sottoscrivono su quel n.1 della rivista un "Manifesto di Forma 1" nel quale viene tentata una mediazione tra i due opposti linguaggi dell'arte italiana di quel periodo, divisa tra astrattismo e realismo, tra un'anima legata alle nostre radici culturali che vede nel neorealismo e nel verismo sociale di cui Renato Guttuso era massimo rappresentante, sostenuto dalle correnti politiche di sinistra (con una dichiarata posizione in suo favore assunta da Togliatti) l'unica scelta per un'arte di impegno non solo artistico, ma soprattutto civile, ed un'aspirazione internazionalistica che guarda con interesse alle sperimentazioni astratte delle avanguardie europee (gli artisti di Forma 1 compiono viaggi a Parigi e a Praga), vedendo nell'astrattismo il simbolo della libertà non solo espressiva, ma anche culturale e sociale.

Essi si proclamano "......formalisti e marxisti, convinti che i termini marxismo e formalismo non siano incociliabili......" sostenitori di un'arte strutturata ma non realistica che privilegi la forma ed il segno nel loro significato basico essenziale, dichiarando “ci interessa la forma del limone, non il limone” ed abolendo nelle loro opere, lontane da un verismo ormai svuotato di significato, ogni pretesa simbolista o psicologica.
Come altri movimenti contemporanei ad indirizzo concretista, antinaturalista, antirealista e antisurrealista quale ad esempio il M.A.C., il Gruppo Forma 1 si schiera per un'arte basata sull'oggettivazione delle intuizioni dell'artista, che, autonomamente elaborate, divengono immagini concrete di forma-colore, al di fuori di ogni astrazione formale.

Gli echi culturali che si rintracciano nel gruppo vanno dal Futurismo italiano (Dorazio, Guerrini, Perilli) alla pittura segnica (Sanfilippo) al vivace cromatismo fauve (Turcato) con numerosi richiami alla poetica cubista ed all'opera di Matisse, Picasso, Braque: ogni artista del gruppo svilupperà un suo personale linguaggio al di fuori di ogni conformismo di corrente, alcuni torneranno al figurativo, mentre il discorso astratto verrà portato avanti soprattutto da Carla Accardi, instancabile "artista in progress", secondo una personale poetica del segno-colore con divagazioni materiche ed informali in una ricerca intellettuale e stilistica che non si è ancora conclusa.

Nel generale panorama storico dell’astrattismo europeo, il gruppo Forma 1, che finirà per sciogliersi nel '51, occupa un posto di estrema importanza per l'entusiasmo e l'energia del suo operato e della sua attività di promozione culturale, mentre per l'Italia rappresenta l'anello di congiunzione tra il Futurismo di Severini, Balla, Boccioni e l'arte astratta nazionale, che proprio nelle forme sintetiche futuriste affonda le sue radici storiche.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Jean-Paul Riopelle "Diamond"



Pittore, grafico e sculture, è uno dei più grandi artisti canadesi contemporanei, inquadrabile in una corrente ......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.