home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Post-Human
di Vilma Torselli
pubblicato il 3/04/2007
Le biotecnologie e la manipolazione genetica che stanno trasformando l'uomo in un oggetto modificabile, smontabile e riassemblabile, tema centrale di un'arte rivolta alla ricostruzione del corpo biologico.
"L'era moderna potrebbe essere definita come il periodo della scoperta dell'io. L'era postmoderna nella quale viviamo può essere intesa come un periodo transitorio di disintegrazione dell'io. Forse l'era postumana che comincia a intravedersi all'orizzonte sarà caratterizzata dalla ricostituzione dell'io". (Jeffrey Deitch, Losanna 1992)

Post-Human, termine ampio, che non si riferisce solo alle arti visive, ma ad una vera e propria filosofia, indica un nuovo modo di leggere il mondo alla luce della fine dell'umanesimo ed all'alba di una nuova era in cui le biotecnologie e la manipolazione genetica stanno trasformando l'uomo in un oggetto modificabile, smontabile e riassemblabile: l'essere biologico, divenuto uomo bionico, può infatti oggi essere visto attraverso varie chiavi di lettura, secondo un nuovo concetto di umanità risultante dall'ibridazione con forme altre da sè, contaminata nelle sue caratteristiche essenziali dal contagio con il non-umano.
Questo nuovo metodo di approccio alla realtà, questa mutata visione del mondo ha un suo testo programmatico, "The Posthuman Manifesto", estratto da un libro di Robert Pepperell, "Lo Stato Di Posthuman: La coscienza oltre il cervello", un'indagine "all'estremità dell'uomo" che rivoluziona le cognizioni tradizionali sullo stato umano, sulla filosofia umanistica, sulla coscienza e sul senso estetico.

Per ciò che riguarda l'arte, il termine Post-Human è stato coniato nel 1992 dal gallerista-critico americano Jeffrey Deitch in occasione di un suo allestimento espositivo vertente proprio sul tema dello spostamento dal reale alla sua manipolazione, della trasformazione da naturale ad artificiale della cultura contemporanea, non solo visiva, ma estetica in generale ed anche letteraria, soprattutto fantascientifica.

Tra gli antesignani, personaggi trasgressivi oggi famosi, inquadrabili in questa corrente cito Jeff Koons e le sue stranianti opere scultoree e Matthew Barney che realizza foto, disegni, installazioni e sculture, ma soprattutto filmati nei quali è protagonista il corpo, specialmente il suo.
Oggi, a distanza di più di venti anni da quella storica mostra, esiste una generazione di artisti (Franz Ackermann, Amy Adler, Doug Aitken, Vanessa Beecroft, Gregory Crewdson, John Currin, Cai Guo-Qiang, Olafur Eliasson, Pierre Huyghe, Kurt Kauper e molti altri) che realizzano mondi estetici in cui realtà e finzione, artificiale e reale sono separati da un confine sempre più sottile, fino a confondersi in una totale perdita di identità in cui è sempre più difficile distinguere l'organico dal postorganico, l'originale dal clonato.

Per l'artista post-human, l'opera si identifica in una procedura ricostruttiva del corpo, alterato nella sua identità biologica in un processo di bio-diversificazione tra arte, scienza e tecnologia, che ha come fine una mutazione genetica, un nuovo corpo, una nuova personalità, una nuova psicologia, talvolta attraverso autoaggressive trasformazioni somatiche, a metà tra performance, body art e chirurgia plastica: il corpo naturale, anacronisticamente superato ed inadatto al mondo tecnologico in cui si colloca, si adegua artificializzandosi in una esasperata ricerca di identifcazione con una realtà nuova.

Per questa via l'arte visiva diventa un prodotto concettuale di cui nulla resta come "oggetto" artistico, che non si può conservare come proprietà individuale, che non si può esporre in un museo, che non ha una connotazione definitiva e stabile, che non si riallaccia a nessuna tradizione culturale o biologica.

Al di là delle sue innegabili e plateali forzature, delle sue istrioniche provocazioni, Post-Human è anche il tentativo di un avvio di dialogo tra arte e scienza, seppure in termini apocalittici ed in alcuni casi dichiaratamente truci ed inquietanti, per una mutazione (mostruosa?) della specie, ma anche delle emozioni e delle fantasie dell'uomo, senza limiti né confini, espressione più vera della libertà dell'anima, che il moderno mondo artificiale potrebbe anche assecondare e potenziare.

link:
Silvio Tomasoni.Il fascino del male
Francesco Mai

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.