home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Roma, Matisse. Arabesque
di Vilma Torselli
dal 4 marzo al 21 giugno 2015
"La preziosità o gli arabeschi non sovraccaricano mai i miei disegni, fatti sul modello, perché quei preziosismi e quegli arabeschi fanno parte della mia orchestrazione del quadro.  Ben collocati, suggeriscono la forma o l’accento dei valori necessari alla composizione del disegno" (Henri Matisse)

A Roma una grande antologica a cura di Ester Coen presenta 100 opere di Henri Matisse, dipinti, disegni e grafiche esposti in 10 sale, provenienti dai più prestigiosi musei del mondo, MoMA, Guggenheim, Hermitage, Centre Pompidou, Tate Gallery, Orangerie ed altri musei di Washington e Philadelphia.

Tema conduttore, come già il titolo della mostra anticipa, la particolare predilezione di Matisse per i motivi arabescati dei tappeti e dei tessuti d'arredamento esotici, orientali ed africani, in sintonia con la sua tendenza alla rappresentazione bidimensionale dell'immagine, nella quale la stilizzazione delle forme permette di raggiungere quella semplificazione segnica raffinatamente decorativistica che lo distingue dagli altri artisti fauve.

I viaggi in Marocco - scrive Matisse - mi hanno aiutato ad effettuare il necessario cambiamento, e mi hanno riportato a più stretto contatto con la natura. Questo è più di quanto mi fosse consentito dall’applicazione di una teoria viva, come quella del Fauvismo”, movimento nell'ambito del quale egli occupa un posto del tutto particolare, assorbendone, entro un linguaggio decisamente più meditato e ricercato, il tratto vivacemente cromatico che arricchisce di insolite tonalità del verde e dell'azzurro derivate dalla pittura persiana.

L'Orientalismo, il viaggio, l'esplorazione dell'altrove, il colonialismo, l'esotismo, il Primitivismo sono temi che si intrecciano nell'arte non solo visiva dell'inizio '900 (molte delle opere esposte sono state eseguite nei primi decenni del secolo, specie negli anni 1911/14), temi che Matisse approfondisce viaggiando verso est, Marocco, Russia, Africa, Asia, visitando mostre, raccogliendo oggetti, rendendosi conto del fascino esercitato sul suo immaginario da quelle culture.
Dice al critico Gaston Diehl "La révélation m'est venue d'Orient", dichiarando la sua suggestione per il potere evocativo di quel mondo lontano che in qualche modo sente appartenergli: “La preziosità o gli arabeschi non sovraccaricano mai i miei disegni, fatti sul modello, perché quei preziosismi e quegli arabeschi fanno parte della mia orchestrazione del quadro.  Ben collocati, suggeriscono la forma o l’accento dei valori necessari alla composizione del disegno.”
Nascono così molti dipinti dove l'elemento decorativo e ornamentale diventa pretesto per eleganti composizioni di interni, delicati scorci vagamente intimisti di controllata armonia entro spazi privi di profondità prospettica, alla maniera bizantina, articolati in piani bidimensionali percorsi da decori astratti.
La sensibilità occidentale e moderna di Matisse, memore della formazione culturale accanto al maestro Gustave Moreau, rielabora in chiave simbolista motivi di una antica cultura aniconica, raggiungendo esiti di raffinata spiritualità.

"Matisse. Arabesque"
Roma, Scuderie del Quirinale, Via XXIV Maggio 16
dal 4 marzo al 21 giugno 2015


link:
Sito della mostra

La desserte
La danse

>>>>>> vai all'elenco delle opere esposte

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.