home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

New York, Italian Futurism, 1909–1944: Reconstructing the Universe
di Vilma Torselli
dal 21 febbraio al 1 settembre 2014
Il Futurismo a New York in 360 opere di 80 artisti italiani nella più grande retrospettiva mai organizzata.
In corso al museo Guggenheim di New York la mostra "Italian Futurism, 1909–1944: Reconstructing the Universe", dedicata ad un movimento italiano, il Futurismo, che da sempre negli stati Uniti suscita interesse ed iniziative (entusiastiche le recensioni del Wall Street Journal e il New York Times, dove Roberta Smith definisce la mostra 'epica'). Organizzata da Vivien Greene, senior curator d'arte europea del 19 ° e 20 ° secolo del museo, la mostra espone 360 fra dipinti e sculture di un'ottantina gli artisti rappresentati attraverso le loro opere più note, tra le quali “Forme uniche della continuità nello spazio” notissima scultura in bronzo di Umberto Boccioni.

Non si stupisca chi pensa di averla vista al Museo del Novecento a Milano, non si tratta di un raro caso di ubiquità, ma di una delle 4 (o forse 5) versioni realizzate, né si stupisca chi pensa di aver già visto questa mostra 5 anni fa al Tate Modern a Londra, è praticamente la stessa, peraltro già esposta anche in altri luoghi, seppure con titoli leggermente diversi.

Il sistema è ormai noto e collaudato da tutti i grandi musei americani: le opere, il modello espositivo, il layout museale, l’organizzazione dell’indotto passano da una città all’altra, da una nazione all’altra, da un continente all’altro, la stessa mostra si trasferisce invariata in ogni parte del mondo, la mostra sulla Bauhaus (settembre/ottobre 2009) è passata da Berlino a New York, la mostra di Tiffany (2009/2010) da Parigi a Montreal, la mostra di Hopper (2010) da Milano a Roma a Losanna, itineranti anche la mostra su Hans Hartung e quella, appunto, sul Futurismo italiano, secondo i percorsi degli accordi finanziari e delle convenzioni economiche sottoscritte dalle multinazionali dell’arte.
Guggenheim, marchio di una holding con una efficiente rete museale in molte parti del mondo, da New York a Bilbao a Venezia a Berlino (dove è in joint-venture con Deutsche Bank), è una vera e propria multinazionale internazionale che gestisce ed espone a rotazione nelle sue sedi la quasi totalità delle opere delle avanguardie del ‘900, dal Surrealismo al Cubismo, all'Astrattismo alla Pop Art, generando un bilancio da capogiro per ciò che riguarda l’indotto, la vendita di cataloghi, di riproduzioni e di gadget a tema nei vari shop museum, guggenheim store, café museum ecc.

Specialmente in America, parimenti a qualsiasi prodotto commerciale l’arte dipende dall’organizzazione economica, come testimonia la recente nascita ed il successo del fenomeno dell'art exchange, una borsa in cui si possono acquistare azioni di opere d'arte o quote di fondi di investimento in arte: non deve quindi stupire l'attenzione che i grandi musei americani riservano al ritorno economico, poiché gli investimenti, a differenza di quanto avviene in Italia, prevedono un contributo pubblico minimo e sono sostenuti da privati con un'ottica tesa al profitto.
Nella fattispecie, il lato positivo di questa situazione sta nella libertà di giudizio sulle indubbie contraddizioni del Futurismo e sulla sua chiara colorazione politica che a lungo, in Italia, ha pesato sul giudizio estetico inframettendo qualche censura di troppo. La mostra seleziona ed organizza per la prima volta in una grande retrospettiva le fasi storiche del movimento sottolineandone i meriti, gli esiti e le influenze con un'analisi critica ben argomentata nel corposo catalogo, integrato dalla tavola rotonda “Futurism at the Guggenheim” organizzata pochi giorni prima dell'apertura della mostra, dall’Italian Academy for Advanced Studies di New York.

Va sottolineata una felice coincidenza: nel 1943 Solomon Guggenheim, collezionista delle opere di antichi maestri ed iniziato all'arte moderna europea proprio attraverso la conoscenza delle avanguardie del '900, incarica Frank Lloyd Wright della progettazione del Guggenhim Museum, che verrà inaugurato nel ’59.
Capolavoro dell'architettura organica, forma geometrica simbolo del divenire e dell'itinerario della conoscenza umana verso la divinità, luogo magico di grande suggestione mistica e spirituale, oggi la grande spirale ascendente della struttura architettonica appare la location perfetta per ospitare le opere futuriste, rimandando a quell'idea di dinamismo spaziale che, partendo da Umberto Boccioni, Frank Lloyd Wright recupera in questa sua opera quando fissa nella materia, in un capolavoro assoluto dell’architettura moderna, spinte ed ideali partiti da così lontano, radicati nel Futurismo italiano.

Il cerchio si chiude, per qualche misteriosa via il Futurismo ha trovato la sua casa.

Italian Futurism, 1909–1944: Reconstructing the Universe
Solomon R. Guggenheim Museum
1071 Fifth Avenue(at 89th Street)
New York, NY
dal 21 febbraio al 1 settembre 2014
link:
Frank Lloyd Wright ed il Futurismo italiano
Futurismo
La conquista della forma
L'arte è un hamburger?

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.