home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

La rivoluzione dadaista
di Vilma Torselli
pubblicato il 26/01/2007
"Non voglio neanche sapere se prima di me vi sono stati altri uomini". (Cartesio)
Il movimento dadaista, che ebbe la sua massima affermazione in Germania, nasce nel 1916, a Zurigo, e si basa su un generalizzato atteggiamento di sfiducia e disgusto nei confronti della civilizzazione, minata alle fondamenta dal persistere di una guerra, la prima guerra mondiale del '15/18, che pareva non dovesse finire mai.
Dice Tristan Tzara :"Dada nacque da un'esigenza morale, dal sentimento profondo che l'uomo, al centro di tutte le creazioni dello spirito, dovesse affermare la sua preminenza sulle nozioni impoverite della sostanza umana, sulle cose morte e sui beni male acquisiti…..".
Il termine dada, casualmente ricavato da "un tagliacarte scivolato incidentalmente tra le pagine del dizionario" (il Larousse), fu da subito sinonimo di rivolta furiosa e negazione totale non solo nei confronti della società, ma addirittura nei confronti dell'arte stessa, in quanto pur sempre prodotto della civiltà organizzata.

Infatti Dada è anche contro i movimenti artistici contemporanei, è anticubista, antifuturista, antiastrattista, anticostruttivista, Dada è contro l'irrazionalismo e il sentimentalismo degli espressionisti, contro i principi eterni, contro l'immobilismo, contro i proclami di universalità, contro la perfezione, contro l'ordine, contro ogni tipo di dogma: Dada è provocazione, è scandalo, è polemica, non è solo un modo di fare arte, ma è un modo di vivere e di fare politica, un modo per attuare una lotta proletaria organizzata, una lotta di classe portata alle estreme conseguenze.

Le pitture e sculture allusivo-simboliche, i collages, i procedimenti fotografici (George Grosz fu forse l'inventore del fotomontaggio) del movimento dada zurighese pongono l'accento sul “linguaggio”, al quale viene data molta importanza ai fini stessi della creatività.
A partire dal 1917, con l'abbandono del movimento da parte di molti aderenti, il gruppo zurighese si dissolve, mentre numerosi componenti trasferitisi o rimpatriati in Germania, danno vita al dadaismo di marca tedesca, a Berlino rappresentato da Hausmann, Baader, Heartfield e Grosz, a Hannover da Schwitters e a Colonia da Max Ernst e Baargeld , che si distingue per un più preciso impegno politico e sociale a carattere rivoluzionario.

Pur nell'inevitabile collegamento con la cultura generale dell'epoca, specie con l'Espressionismo, la poetica di Dada ha qualcosa di veramente diverso, soprattutto perché è molto differente il processo creativo: i dadaisti non creano opere d'arte, ma costruiscono oggetti senza nessuna preconcetta intenzione di produrre qualcosa di estetico, con irriverenza per ogni canone precostituito e totale arbitrarietà nelle scelte, non importando tanto il prodotto quanto il gesto che lo produce e che è esso stesso mezzo e fine.

In America, il dadaismo giunge attraverso un artista francese, Marcel Duchamp che, spingendo alle estreme conseguenze il concetto dell'intrinseca significatività degli oggetti, propone polemicamente il ready-made, l'oggetto d'uso comune quale opera d'arte in sé già compiuta, senza bisogno dell'elaborazione dell'artista.

Celebre l'orinatoio-fontana firmato R. Mutt, ready-made realizzato da Duchamp nel 1917 per la mostra curata dalla Society of Indipendent Artist nelle sale del Grand Central Palace di New York, opera che in realtà non venne mai esposta perché giudicata non consona.
Pur avendo suscitato in America molto scalpore, i risultati più interessanti del dadaismo si riscontrano in Germania, nelle opere di molti validi artisti tra cui Max Ernst e lo scultore Jean Arp.

Il Dadaismo del ready-made di Duchamp, delle tele meccanomorfe di Picabia, dei rayogrammi di Man Ray è vicino al dadaismo tedesco, a carattere spiccatamente sociale, e viene un po' forzatamente calato nel contesto industriale e capitalistico tipicamente americano, pur tuttavia, grazie all'incontro tra Picabia e Tzara avvenuto a Zurigo nel 1918, i due rami del movimento, quello zurighese e quello americano, finiscono per fondersi nel 1920/21, quando tutti i componenti dei due gruppi confluiscono a Parigi, dove, pochi anni dopo, nel 1924, dalle ceneri del Dadaismo nascerà il Surrealismo.

Il Dadaismo fu un movimento distruttivo, legato ad una situazione contingente di particolare degrado, la guerra ed il periodo postbellico: ebbe un carattere di provvisorietà, insito nel suo stesso programma, che ne autodeterminò la fine con la fine del particolare e limitato periodo storico durante il quale si caratterizzò con l'eccezionalità e la violenza che si riconoscono alle situazioni di emergenza.
Era adatto a distruggere, ma non era in grado di costruire sulle rovine qualcosa di nuovo, organizzato, normale, e ciò determinò inevitabilmente la fine di una stagione intellettuale che Jean Arp sintetizzo così: "Dada è stato la rivolta dei non-credenti contro i miscredenti".


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.