home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Articoli e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica di architettura.
L'articolo più letto: L'autoritratto al tempo di instagram.
  FOCUS ON  
Libri
"E questa la chiami arte? 150 anni di arte moderna in un batter d'occhio", di Will Gompetrz: cosa si intende quando si parla di arte moderna? Le storie nascoste dietro ogni capolavoro.
Musei
Castello di Vigevano (PV), "Leonardiana. Un museo nuovo": un’esperienza immersiva tra disegni, dipinti, taccuini, codici di Leonardo e una "pinacoteca impossibile".
Concorsi
Concorso per una borsa di studio di € 12.000 per la specializzazione professionale nell'ambito della cultura fotografica. Per under 35, scadenza 30/9/2016.
Premi
Vincitore dell’edizione 2016 del premio Pritzker è l'architetto cileno Alejandro Aravena, famoso soprattutto per il suo impegno nell’edilizia sociale.
In Italia
Milano, al 'Triennale Design Museum', "Women in Italian Design": la rimozione operata dal Novecento nei confronti del genere femminile. Fino al 19/2/2017.
All'estero
Barcellona (Spagna), alla Fundació Foto Colectania in mostra 100 fotografie di Vivian Maier, fino al 10/9/ 2016.
  CERCA NEL SITO  

Mono-Ha
di Vilma Torselli
pubblicato il 29/03/2007
"La scuola delle cose", un'arte che elabora un linguaggio che si esprime attraverso gli oggetti, le loro interelazioni e quelle con l'uomo e lo spazio.
Il termine Mono-Ha significa, in giapponese, "scuola delle cose" ed è stato coniato da un gruppo di artisti, U Fan Lee, terico della corrente, Kishio Suga, Katsuro Yoshida, Susumu Koshimizu, Nobuo Sekine, Katsuhiko Narita, tutti nati in Giappone negli anni '40 e attivi verso la fine degli anni 60 e l'inizio degli anni 70, che volevano sintetizzare così il loro modo di procedere artistico, centrato sull'utilizzo di materiali semplici, sia naturali che manufatti prodotti dall'uomo, nel loro stato di fatto.

Alberi, pietre, terra, legnami, minerali e carboni, oppure corde, travi, manufatti in calcestruzzo, carta, vetro, sono la base da cui Mono-Ha deriva le sue creazioni, tutti elementi non convenzionali per la tradizionale cultura artistica, che viene così messa (per l'ennesima volta!) in discussione, mentre il concetto stesso di arte viene riconsiderato dalle sue fondamenta, soprattutto per ciò che riguarda la relazione tra il mondo dell'uomo e quello della materia.

Mono-Ha si ripropone di elaborare un linguaggio artistico che si esprima attraverso le cose, grezze o semilavorate, senza la preoccupazione di creare prodotti artistici ed artificiali, considerando gli oggetti non secondo il significato loro attribuito dall'uomo, ma secondo quello che rivestono a seconda delle situazioni.

A differenza della Minimal Art, Mono-Ha, che con Gutai rappresenta l'espressione più avanzata dell'arte moderna giapponese del dopoguerra, non mira tanto a dimostrare che nell'essenzialità dell'esistente, nelle cose comuni, appunto, è già implicita ogni forma d'arte, quanto a ricercare le relazioni tra le cose stesse, tra esse e lo spazio, tra esse e l'uomo.
"In verità il lavoro del pittore, invece di dare pace alla mente e serenità alla gente, è tutto volto ad esplorare in che misura lo sguardo della gente possa essere distolto dalle cose che essi hanno sempre creduto essere la realtà", così dichiara Lee Ufan, che secondo il più puro spirito Mono-Ha definisce il concetto di un'arte che sia mezzo per rivelare la realtà e formulare un libero giudizio sul mondo che ci circonda.

Si tratta quindi di un'arte che accade, un'arte ambientale, un'arte concettuale, un'arte che contiene molti spunti presenti anche nella cultura occidentale, non solo nel minimalismo ma anche nell'Arte Concreta, nella Land Art, nell'Anti-Form, nell'installazione e nell'happening, nella performance, nell'Arte Cinetica, differenziandosi tuttavia per un'attenzione puntata non tanto sull'oggetto, come fa invece l'occidente, quanto sulla sua esistenza, in una tesa dialettica tra l'oggetto e la sua immagine, tra il risultato ed il processo esecutivo dell'opera.

A parte alcune esposizioni in Francia, in Italia e negli Stati Uniti, le mostre di Mono-Ha (la prima è del 1969) sono piuttosto rare, poichè spesso le opere sono site-specific e quindi non trasportabili, o addirittura temporanee ed effimere, a durata molto limitata.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 



RIFLETTORI SU...


Fernand Léger
"Donna in blu"

 

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.