home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Anti-Form
di Vilma Torselli
pubblicato il 4/04/2007
"la forma per la forma", in un'arte non intenzionale che punta tutto sull'estrinsecazione dei significati tautologici del materiale di cui è fatta.

Anti-Form è il nome di un movimento artistico nato dalle teorie dello statunitense Robert Morris (1931), sinteticamente espresse dall'assioma "la forma per la forma", in polemica contraddizione con il motto "l'arte per l'arte", contestando la pretesa di attribuire un significato accessorio, quello di oggetto artistico, appunto, a ciò che in realtà è oggetto e null'altro.
Elementi base dell'opera Anti-Form sono le caratteritiche stesse della realtà oggettiva, forma, superficie, dimensioni, con una attenzione specifica per l'insieme ed una voluta sommarietà nei particolari, nel più puro spirito del movimento minimalista, del quale Morris è uno dei più significativi esponenti.
Di particolare importanza il rapporto dell'opera con lo spazio circostante, che origina talvolta, per la monumentalità dimensionale, vere e proprie installazioni, in un linguaggio che, pur ridotto ad una elementarità estrema ed a concetti primari, è sempre fortemente connotato, e perciò "artistico" nonostante le dichiarazioni degli anti-formisti, nel senso che denuncia, nella sua inevitabile caratterizzazione, la preoccupazione di esprimere una intenzionalità comunicativa e creativa.
E' questo un equivoco, una ambiguità tipica di molta arte moderna, dalla Pop Art in poi, che affermando la teoria della non-estetica prende comunque una posizione, seppure di tipo negativo, compiendo una scelta e quindi formulando, a sua volta, una sua estetica, o anestetica.

Gli anti-formisti utilizzano spesso materiali industriali o da costruzione quali acciaio, vetroresina, gomma, compensato o rottami di scarto, preferendo materiali malleabili ed elastici da potersi esporre alla sollecitazione di forze naturali quali la gravità o l'elettromagnetismo in grado di alterarli.
Sottoposti ad azioni semplici ed elementari come il taglio e la caduta secondo la forza di gravità, riciclati in un'arte underlying che ne muta l'utilizzo e la funzione, i materiali si ricompongono in installazioni che cambiano assetto in occasione di ogni nuova esposizione.
I "feltri" di Morris sono strisce di tessuto tranciato, scarto di lavorazioni industriali cadute dai macchinari sul pavimento, che l'artista tratta in vario modo, ricavandone una composizione complessiva dal profilo rigoroso seppure risultante da tanti singoli elementi irregolari, a suggerire un'idea senza tuttavia ricomporre un oggetto che corrisponda alle usuali letture percettive.

Dietro l'Anti-Form non ci sono significati né intenzioni progettuali, perchè qualunque tipo di premeditazione dello sviluppo di un'opera ne altera il significato, cosicché il risultato del lavoro dell'artista, al quale non è richiesta alcuna abilità, è del tutto superfluo ed inutile.
L'Anti-Form non fa che rendere visibili le proprietà tautologiche dei materiali utilizzati, lasciati liberi di assumere l'andamento più naturale possibile, non costruito dall'azione dell'artista, acquistando in tal modo una anti-forma, cioè una forma non forzata né stabilita a priori, per un'arte puramente visiva che non vuole suggerire nulla, non vuol essere né emotiva né allusiva e che la mente dell'osservatore analizza compiendo collegamenti propri (alcuni critici parlano al proposito di anti-gestalt).

Tra gli anti-formisti si possono annoverare Eva Hesse, Richard Serra, Barry Flanagan, Lynda Benglis e Joseph Beuys.

* articolo aggiornato il 23/05/2015

link:
Strane analogie


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.