home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Color-Field Painting
di Vilma Torselli
pubblicato il 28/03/2007
Una pittura erede dell'Espressionismo astratto, ma più austera ed impersonale, più controllata ed intellettualistica, in cui il colore non ha altra finalità che manifestare sé stesso.







Color-Field Painting è una definizione dovuta al critico Clement Greenberg, teorico dell'Espressionismo astratto, che nel '55 la attribuisce ad una forma di pittura in cui il colore non ha altra finalità che manifestare sé stesso, in quelli che Greenberg definisce come luoghi o campi di colore, ad esso esclusivamente deputati.

Questa corrente nordamericana, seppure in diretta derivazione dall'Espressionismo, ne mette da parte sia la forte componente emozionale (Jackson Pollock) sia la strutturazione formale di derivazione cubista (Willem de Kooning) per un'idea di arte più austera ed impersonale, più controllata ed intellettualistica, per un esito con più di una preoccupazione decorativistica.
Ciò non impedisce che questa pittura dalle superfici riempite di colore piatto e bidimensionale, talvolta monocromo o giocato su poche tonalità dello stesso colore, attinga ad effetti di calmo lirismo e ad un sereno senso dell'infinito di grande suggestione anche emotiva, potenziato dall'impiego pressoché generale di tele di grandi dimensioni atte ad indurre un effetto ambientale del colore, dilagante dalla tela e coinvolgente lo spazio circostante in un'onda cromatica che tutto assimila ed influenza (come fa tipicamente Mark Rothko).

Kenneth Noland, Jules Olitski, Trevor Bell, oltre al già citato Rothko, appartengono a questa corrente, di cui le caratteristiche sono già presenti in pieno Espressionismo nella poetica di alcuni artisti come Helen Frankenthaler: giunta, dopo una rielaborazione del lessico cubista, all'Espressionismo astratto attraverso lo studio di Gorky e Kandiskij e l'influenza di Pollock e de Kooning (a sua volta la Frankenthaler influenzerà in modo determinante altri artisti contemporanei a lei vicini, come Morris Louis e Kenneth Noland), si indirizza poi verso un linguaggio tipicamente color-field a larghe stesure di colore, di severo controllo formale pur nella libertà espressiva, con effetti del tutto particolari dovuti all'uso sapiente dei colori acrilici ed all'utilizzo di una serie di tonalità cromatiche di particolare leggerezza e raffinatezza, molto eteree e di grande impatto.
Dal punto di vista strettamente tecnico, è uso comune tra i Color-Field Painters applicare il colore sulla tela grezza, senza preparazione alcuna, lasciando larghe zone scoperte da ogni traccia di colore, mentre altre risulatno diversamente imbevute, dall'effetto slavato e diluito a quello spesso e molto coprente, affidando al materiale stesso il compito di modulare una varietà di sfumature di valenza non solo tecnica, ma costituenti il tema stesso dell'opera.

Una curiosità poco nota: la tela impiegata era preferibilmente la 'tela olona' così denominata, secondo l'ipotesi più accreditata, perché prodotta per la prima volta nelle fabbriche tessili di Fagnano Olona, borgo in provincia di Varese sulle rive del fiume lombardo Olona sfruttando la forza motrice dei mulini ad acqua presenti nella zona.
Per ottenere gli effeti voluti, inizialmente i Color-Field Painters diluiscono il colore ad olio con trementina, poi, per avere una miscela più fluida e duttile passano ai colori acrilici addizionandoli di trementina ed infine alle più moderne emulsioni acriliche.

Color-Field e Post Painterly Abstraction hanno molti punti in comune, tanto da contare tra le fila dei due movimenti anche i medesimi artisti, e nascono entrambi da una reazione verso gli esiti estremi dell'astrattismo, giunto al capolinea dopo la stagione magica di Pollock, nel tentativo che l'arte mette sempre in atto nei momenti di crisi per resuscitare dalle sue ceneri, quello di reinventarsi e trovare nuove forme espressive.

*articolo aggiornato il 15/03/2015


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.