home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Il concetto senza oggetto
di Vilma Torselli
pubblicato il 18/12/2006
"siamo troppo civilizzati per riuscire ad afferrare ciò che è ovvio" (Raffaele La Capria)








L'arte concettuale nasce ufficialmente negli anni '60, quando Joseph Kosuth, americano dell'Ohio per primo si chiede se è possibile esaminare secondo schemi logici ed analitici le relazioni fra linguaggio ed arte, con l'intenzione di proporre una forma d'arte che non miri più a produrre un passivo godimento estetico, bensì a definire l'attività del pensiero, a comunicare un concetto, ad avviare nello spettatore un processo di riflessione sulla nozione stessa di arte, sui suoi rapporti con la realtà, sul sistema del contesto nel quale si colloca.

E' così che il concetto di arte si amplia e si modifica, sconfina nella filosofia dell'arte, nella psicanalisi, nelle problematiche dell'attualità, perché l'artista concettuale non mira a creare oggetti o opere artistiche, ma idee, discorsi, riflessioni in una comunicazione astratta ed una rappresentazione logica che escluda ogni componente emozionale, ogni ambiguità rappresentativa per acquisire l'esattezza e la razionalità univoca della scienza.

Per un'opera d'arte che coincide con l'analisi del linguaggio e del sistema artistico, non più il risultato di un metodo intuitivo, ma di un metodo analitico-scientifico attraverso il quale comunicare un concetto al di fuori di ogni forma di referenzialismo, i mezzi espressivi utilizzabili sono assolutamente liberi, video, film, happening, performance, body-art, installazioni, narrativa, quando non si giunga addirittura all'assenza dell'opera vera e propria tradizionalmente intesa, nel caso in cui il prodotto artistico, introducendo il concetto di temporaneità, diventa un fatto che accade, un evento del quale resterà traccia solo nella memoria.

Sinteticamente, per usare parole di Francesco Morante, si può definire il "concettuale" come "un'arte che riesce a fare a meno delle opere d'arte", nel senso che il concettuale sostituisce alle cose il concetto delle cose mediato da una libertà di linguaggio che si dilata oltre ogni limite conosciuto, allontanandosi anni luce dalle forme artistiche precedenti, anche nelle loro manifestazioni più trasgressive.

Tuttavia, se analizziamo il corso del '900 e fenomeni come il Dadaismo di Duchamp, il New Dada, la Pop Art, il Nouveau Réalisme, l'opera provocatoria di Robert Rauschenberg, l'action painting di Jackson Pollock, le rappresentazioni di Yves Klein, notiamo come queste modalità espressive, che non vogliono produrre un oggetto artistico, ma proporre un nuovo modo di lettura sia della realtà sia di ciò che correntemente viene definito arte, altro non siano che anticipazioni del concettuale e che, addirittura, tutta o quasi l'arte moderna si possa definire concettuale.
Infatti, con la rinominazione dell'oggetto liberato dalle sue normali relazioni con il contesto e analizzato ex-novo al di fuori del suo significato storico-sociale, con la de-realizzazione della realtà sostituita dal meta-fisico, con la rinuncia alla rappresentazione e alla narrazione dei fatti per una loro traduzione anoggettuale, l'Astrattismo, l'Informale, lo Spazialismo ecc. cosa fanno se non rappresentare concetti?

E' innegabile che questo processo di rarefazione abbia prodotto una frattura tra l'arte ed i suoi fruitori ed oggi accada che, come afferma Luigi Baldacci, il destinatario sia "assente o sconosciuto al portalettere".

Cosicché quello che Raffaele La Capria definisce ironicamente "il concettualismo degradato di massa" ('La mosca nella bottiglia. Elogio del senso comune', Rizzoli, 1996) anziché rappresentare una nuova chiave di lettura del contemporaneo, diventa invece, per effetto di una generalizzata e generica intellettualizzazione dell'arte, un inutile diaframma che impedisce di "afferrare ciò che è ovvio" e sospinge sempre e comunque ad una lettura concettuale del moderno, dove la spiegazione dell'opera sostituisce l'opera stessa.
Il rischio evidente è quello di approdare a posizioni aridamente didascaliche e ad una autoreferenzialità narcisistica dove viene a mancare lo spazio per quel processo identificativo senza il quale la fruizione dell'arte non è possibile.

"Al mio senso comune non importa proprio niente del significato, vuol essere solo sedotto e abbagliato dalla Bellezza.", così scrive ancora Raffaele La Capria, e ci rammenta che la facilità può essere difficile mentre nulla può essere talvolta più complesso della semplicità, e che libertà di intelletto e di giudizio significano capacità di distinguere e di recuperare il "senso comune" di un'arte anche ovvia per credere, banalmente ma non paradossalmente, che sarà la Bellezza a salvare il mondo.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.