home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Yves Klein, "Monocrome IKB 79".
  FOCUS ON  
Libri
"L'arte nel cesso: Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea" di Francesco Bonami: dopo “Lo potevo fare anch'io“, Bonami ci ripensa, a 100 anni dall’orinatoio di Duchamp, l'arte contemporanea è giunta al capolinea.
Musei
Parigi, nuovo museo dedicato a Alberto Giacometti, 350 sculture, 90 dipinti, 2000 disegni, la ricostruzione del suo atelier, mostre temporanee e retrospettive.

Concorsi
"Home Revolution Prize", concorso per arti visive e design, tema "Come Back Home" sull'idea di casa come spazio intimo e privato. Scadenza 10 Ottobre 2018.

Premi
Assegnato il "AZ Awards 2018", premiato un vincitore per ciascuna delle 20 categorie in concorso, tra i vincenti l'edificio residenziale The Silo di COBE e la Copenaghen International School di CF Møller Architects.

In Italia
Mamiano di Traversetolo (Parma), "Roy Lichtenstein", 80 opere di protagonisti della Pop Art. Fino al 9 dicembre 2018.

All'estero
Maurits Cornelis Escher, da Leeuwarden a New York il mondo gli rende omaggio a 120 anni dalla nascita.

  CERCA NEL SITO  

Lecco, Robert Doisneau, Pescatore d’immagini
di Vilma Torselli
pubblicato il 01/08/2018
A Lecco in mostra 70 foto in bianco e nero di Robert Doisneau, tra le quali la celebre "Le Baiser de l'Hôtel de Ville".
Lecco ospita una mostra di Robert Doisneau dal titolo "Pescatore d’immagini", a cura dell’Atelier Robert Doisneau e delle due figlie dell’artista, Francine Deroudille ed Annette Doisneau in collaborazione con Piero Pozzi.
Esposte 70 immagini in bianco e nero in un percorso espositivo che ci trasporta nella città più magica del mondo vista con gli occhi di un poeta: "Le Baiser de l'Hôtel de Ville", "Prévert au guéridon", "Les pains de Picasso" e molte altre le foto presenti, e poi i luoghi storici di Parigi, Les Halles, i caffè di Saint Germain des Prés, i bistrot sulla Senna, artisti ed amici come Prévert o Picasso seduti al tavolino di un bar, bambini intenti ai loro giochi di strada, una varia umanità colta nell’ordinarietà del quotidiano.

Vale la pena di ricordare la più celebre delle foto esposte, "Le baiser de l'Hôtel de Ville" , una foto perfetta, sia sul piano tecnico sia su quello artistico, una foto che ebbe risonanza mondiale per essere il simbolo dell'amore romantico, presentata come un'istantanea colta al volo, un attimo fuggente pieno di magia catturato casualmente dall'abilità del fotografo, lo stesso che, decenni dopo, svela un curioso retroscena: lo scatto è stato completamente costruito al tavolino del caffè Villars e concordato con la giovane coppia di protagonisti nell'ambito di un servizio fotografico commissionato da 'Life' all'agenzia per la quale allora Doisneau lavorava, la 'Rapho' , tema un reportage sugli innamorati di Parigi.
L’immagine fu a lungo debitrice della sua fama al solo fatto di essere 'rubata', fermando ciò che Cartier-Bresson chiamava "l'instant décisif”, perché solo l’essere casualmente nel posto giusto nel momento giusto, eliminare la posa, il tempo in cui il soggetto si rende conto e si atteggia, coglierlo impreparato e spontaneo salvaguarderebbe la 'verità' dell'immagine, almeno secondo una lettura che la fotografia moderna ha ampiamente rivisto.
Perché in realtà sia la foto frutto di una lunga posa che l'istantanea sono il fermo immagine di un brandello di vita, lungo o breve, un intervallo statico di tempo, uno dei tanti che costruiscono l'illusorio scorrere del tempo, dove ogni singolo attimo, astratto dal suo contesto, sospeso e congelato in immagine, diventa sempre ed inevitabilmente una posa.

Al di là di tutto ciò, sul piano meramente pratico (e commerciale) la cronaca ci dice che dall'originale di questa fotografia sono state tratte due milioni e mezzo di cartoline (la prima tiratura del 1950 fu di una sola decina di esemplari) e 500.000 poster, mentre una delle rare stampe originali (18x24,6 cm), autenticata sul retro da Robert Doisneau che l'aveva donata alla protagonista dello scatto Françoise Bornet, è stata battuta all'asta nel 2005 su una base di partenza di 15.000/20.000 euro: nel giro di soli tre minuti, la foto è stata aggiudicata ad un facoltoso compratore svizzero rimasto anonimo che ha sborsato la cifra record di 184.960 euro.

Curiosamente va notato che la foto di Doisneau viene battuta all’asta quando già il mistero della falsa istantanea è stato svelato, sia dall'autore che dalla Bornet, a riprova del fatto che la perenne ambiguità della fotografia non scalfisce minimamente la voglia di sognare di ciascuno di noi, neanche davanti all'inganno svelato di una foto clamorosamente bugiarda, raccontandoci un amore romantico, affascinante, idillico.
E falso.
Lecco, Palazzo delle Paure (piazza XX Settembre)
ROBERT DOISNEAU. Pescatore d’immagini
fino al 30 settembre 2018
link:
Fermare il tempo
Le realtà bugiarde della fotografia
Vedere per credere?
Bianco e nero, la realtà della finzione
Fotografia

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Ad Reinhardt
"Black Painting No. 34"




"Il nero realizza l'idea di un'arte assolutamente pura e sublime tautologicamente ripiegata su se stessa, scevra da contenuti narrativi ed emotivi"......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.