home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Cubismo analitico e Cubismo sintetico".
  FOCUS ON  
Libri
"I quattro libri dell'architettura" di Andrea Palladio, la summa architettonica del tardo Rinascimento che ha influenzato irreversibilmente l'architettura occidentale per i successivi quattro secoli.
Musei
Mestre, nuovo Museo del Novecento (M9), l’innovazione tecnologica al servizio della cultura, del retail e dell’intrattenimento lungo un percorso collettivo che copre un arco temporale di oltre un secolo.

Concorsi
"Luxembourg Art Prize", un concorso internazionale mirato a rivelare e promuovere artisti di talento ancora sconosciuti. Scadenza 30 aprile 2019.

Premi
11° edizione del premio "PORCELANOSA Grupo di Architettura e Interior Design", premiati i progetti più interessanti del 2018 per le tre categorie in concorso.

In Italia
Napoli, Basilica della Pietrasanta-Lapis Museum la mostra "Chagall. Sogno d’amore", 150 opere, dipinti, disegni, acquerelli, incisioni. Fino al 30 giugno 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrarei 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Torino, “Renato Guttuso – L’arte rivoluzionaria nel cinquantenario del ’68”
di Vilma Torselli
dal 23 febbraio al 3 giugno 2018
Al Gam di Torino una mostra in omaggio a “un pittore a tutto tondo, un intellettuale ma anche un artista poliedrico e 'puro', di grandissimo valore”.

Al GAM di Torino, in mostra 60 opere di Renato Guttuso (1911-1987) dipinte tra la fine degli anni '30 e la metà degli anni '70, grazie all’iniziativa di Fabio Carapezza Guttuso, figlio adottivo dell’artista e presidente degli Archivi Guttuso e della direttrice del museo, Carolyn Christov-Bakargiev.
Curatore Pier Giovanni Castagnoli che nella presentazione dichiara: "Questa mostra, ancora più di altre approfondisce il tema del rapporto tra arte e impegno civile, in un momento storico delicatissimo. Comunque non ci sono solo opere con soggetti politico e civili, una per tutti “I Funerali di Togliatti”, ma anche 'laiche', nature morte e paesaggi, che bene rappresentano la profonda poesia di Guttuso. Con questa mostra la Gam ha deciso di riportare fortemente l'attenzione su un pittore e intellettuale che per alcuni decenni è stato messo da parte e che invece ora sta tornando di forte attualità…….”.

La mostra è un doveroso omaggio a “un pittore a tutto tondo, un intellettuale ma anche un artista poliedrico e 'puro', di grandissimo valore” aggiunge il presidente di Fondazione Torino Musei, Maurizio Cibrario, e si colloca in un momento storico di grande significato sociale, i cinquant’anni trascorsi da un fatidico ’68 che rappresentò una svolta rivoluzionaria di portata europea alla quale Guttuso aderì esplicitamente anche in un suo articolo, “Avanguardie e Rivoluzione”, pubblicato su “Rinascita” nell’ottobre del 1967, cinquantesimo anniversario della rivoluzione d’ottobre, nella convinzione della valenza profondamente morale e civile della pittura in una vita che è continua ricerca della libertà dove la lotta è "forma inevitabile" dell'essere uomo e del vivere su questa terra.

Dalle sue istanze libertarie, dalla posizione chiara nei confronti delle ingiustizie sociali del fascismo, dal suo impegno a fianco del PCI, dalla sua convinta partecipazione alla vita del paese, Guttuso deriva il realismo popolare del suo stile pittorico, in polemica opposizione con le contemporanee tendenze astrattiste vuotamente formali, ai suoi occhi sintomo di qualunquismo artistico e disimpegno civile, dichiarando che “Il movimento realista fu un tentativo di salvezza in una situazione che vedevamo precipitare [……] Le posizioni puramente astrattiste o puramente naturaliste sono entrambe le strade morte dell’accademia”.

Il filo conduttore della mostra, il rapporto tra politica, società e arte è rintracciabile nelle opere esposte più significative, da “Fucilazione in campagna” (1938), ispirato alla fucilazione di Federico Garcia Lorca ai disegni della lotta partigiana di “Gott mit uns” (1944) a “Marsigliese contadina” (1947), “Lotta di minatori francesi” (1948), "Vietnam" (1965), “Funerali di Togliatti” (1972) e molte altre, tutte contrassegnate dalla schietta solennità di un grande affresco popolare scritto con genuina foga narrativa.
Ma la mostra lascia comunque spazio ad altre tematiche, al filone figurativistico dei ritratti e autoritratti, delle nature morte, i nudi, le vedute di interni ed esterni.

Seppur collocabile nella scia popolare del realismo socialista di matrice russa, tuttavia Guttuso non lo abbracciò mai indiscriminatamente, elaborandone una sua personale versione nel solco della tradizione verista italiana venata di espressionismo, a testimoniare la sua poliedricità di artista capace di spaziare oltre l’ideologia, in una realtà intrisa di pathos, cruda, tormentata e sanguigna, affidandosi a linee tortuose, colori caldi, temi quotidiani, al linguaggio popolare ed immediato chiaramente descrittivo di un ispirato narratore delle storie degli uomini.

Torino, GAM
Via Magenta, 31
“Renato Guttuso – L’arte rivoluzionaria nel cinquantenario del ’68”
dal 23 febbraio al 3 giugno 2018
link:
La mostra
Renato Guttuso, "Nudo sdraiato"
Renato Guttuso, "Crocifissione"
Renato Guttuso, "Fuga in Egitto"

Renato Guttuso,"Portella della Ginestra"

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Richard Hamilton, "She"




L'opera di Richard Hamilton nell'ambito del movimento pop inglese è paragonabile a quella...... continua

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.