home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Renato Guttuso,"Nudo sdraiato"
di Vilma Torselli
pubblicato il 9/05/2007
Realismo, sensibilità profondamente umana, sofferta partecipazione emotiva, impegno sociale e politico, vivace rapporto con la cultura del suo tempo, caratteristiche di Renato Guttuso, artista e uomo.
"Se potessi, per un’attenzione del Padre Eterno, scegliere un momento della storia e un mestiere, sceglierei questo tempo e il mestiere di pittore" (Renato Guttuso)

Di estrazione popolare, Renato Guttuso (1911-1987) trova la prima fonte di ispirazione nei paesaggi e nella gente contadina della sua terra di Sicilia, orientandosi da subito verso un'attenzione alla vita del proprio tempo che lo porterà a costruire con coerenza mai smentita un suo stile inequivocabilmente realista con il quale, per tutta la sua vita artistica, continuerà a dipingere narrazioni epiche di eventi contemporanei, vere e proprie icone del realismo italiano, spesso in chiave marcatamente allegorica, talvolta ad ispirazione autobiografica, sempre in termini descrittivi e chiaramente leggibili per essere, secondo le sue convinzioni morali e politiche, popolare, comprensibile ed accessibile alle masse.
Dichiara, a proposito della sua scelta: "Era per me l'unico modo di non insediarmi in una corrente, lasciandomi trasportare e trascorrendo da Picasso a Wols, da Wols a Pollock, da Pollock a Rothko, a chissà chi. Quello fu il mio modo di affrontare la crisi e ancora ne sto pagando le cambiali... Il movimento realista fu un tentativo di salvezza in una situazione che vedevamo precipitare".

Per Guttuso il realismo è un impegno etico, è il contrario dell'ambiguità e del confuso intellettualismo elitario dell'Astrattismo, è il coraggio di proporre immagini vere, crude e dure, al limite di un personale neo-espressionismo, il che lo portò a ricevere riconoscimenti anche dagli stessi ambienti, la Chiesa ed il regime politico prima della seconda guerra mondiale, che criticava così duramente, in virtù della cristallina forza morale delle sue opinioni e del suo operare.

Dai primi anni '30, Guttuso approfondisce la lezione cubista attraverso l'opera di Picasso, di cui è dapprima entusiasta ammiratore e poi amico fraterno, coniugando con toni decisamente realistici il modello stilistico picassiano (realizza anche una serie di manifesti ispirati a Guernica), avvicinandosi al realismo sovietico dal quale tuttavia prende le distanze non riconoscendosi nella sua rigidità dottrinaria e rivendicando la propria autonomia culturale e la propria vena autenticamente popolare e spontanea.
Ciò non nega l'esistenza di un ampio background culturale che lo porta a riflettere sulla storia dell’arte e a rileggere l'opera dei maestri del realismo italiano del '400 e del '500 (Antonello da Messina, Piero della Francesca, Leonardo, Michelangelo e Pontormo) e del realismo francese, come Géricault e Courbet, Cézanne, Van Gogh, fermo restando il suo costante riferimento a Picasso.
Una posizione sulla quale Guttuso si mantenne sempre, divenendo negli anni '50 l’esponente principale di una corrente realista, politicamente impegnata nell'area del PCI, in polemica dialettica con le tendenze vuotamente estetizzanti di molta arte moderna : egli scrive nel '47 “Le posizioni puramente astrattiste o puramente naturaliste sono entrambe le strade morte dell’accademia”.

Nei temi preferiti, la figura umana, come in questo "Nudo sdraiato", 1940, olio su tela, 69,5x100 cm, e le folle in movimento di tanti suoi dipinti, anche se non disdegna i paesaggi e le nature morte, Renato Guttuso utilizza un linguaggio di grande impatto plastico, come si vede nel quadro presentato, dove la consistenza della forma, sempre riconoscibile nella sua realistica definizione, è costruita da linee tortuose, nervosamente tese, concluse, nette, tormentate, ad esprimere una visione del mondo drammatica e dolorosa, amplificata dalla monumentalità della composizione, che ha la solennità schietta di un racconto popolare scritto con genuina foga narrativa.
La gamma cromatica predilige i toni caldi del rosso e dei bruni, colori mediterranei, intensi, di pienezza tonale decisa ad accentuare il taglio "classico" di insiemi pieni, affollati, dove non esiste spazio vuoto.
Un linguaggio realistico complesso, una sensibilità profondamente umana, una sofferta partecipazione emotiva, un costante impegno sociale e politico, un rapporto intellettuale intenso e produttivo con la cultura del suo tempo: sono queste le caratteristiche della pittura di Renato Guttuso, artista, ma soprattutto uomo, di grande spessore morale.


link:
Renato Guttuso, "Crocifissione"
Renato Guttuso, "Fuga in Egitto"
Renato Guttuso,"Portella della Ginestra"

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.