home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Roma, Escher in mostra al Chiostro del Bramante
di Vilma Torselli
fino al 22 Febbraio 2015
In mostra 150 opere tra cui molti noti capolavori di un artista olandese innamorato dell'Italia.

In mostra a Roma oltre 150 opere di Maurits Cornelis Escher (1898-1972), tra le quali alcuni dei i suoi capolavori più noti, 'Mano con sfera riflettente', 'Giorno e notte', 'Altro mondo II', 'Casa di scale', in una grande antologica a cura di Marco Bussagli, resa possibile grazie alla collaborazione della Fondazione Escher ed ai prestiti provenienti dalla Collezione Federico Giudiceandrea.

Escher visse in Italia dal 1923 al 1935, instaurando un profondo legame con la nostra terra, con il paesaggio italiano, la campagna senese, il territorio abruzzese e calabrese, il mare di Tropea, i monti di Pentadattilo, le colline di Castrovalva, l'architettura e i borghi storici, un rapporto non meramente contemplativo ed edonistico, ma spunto di profonde riflessioni sulla natura geometrica delle forme, sull'ordine matematico intrinseco alla natura, sull'esistenza di mondi multipli.

La mostra privilegia proprio il periodo italiano dell'iter artistico di Escher, sottolineando quanto questa esperienza personale e culturale abbia aperto a questo artista olandese, avvezzo ai panorami piatti del suo paese d'origine, la capacità di cogliere la bellezza dell'imprevisto e della meravigliosa complessità nascosta delle cose.
Dopo aver lasciato definitivamente l'Italia nel 1936 Escher soggiorna in Spagna, dove visita Granada e la fortezza dell’Alhambra, restando profondamente influenzato in queste sue visite tanto da studiare e riprodurre molti dei motivi decorativi di quelle sale, arricchendo e maturando il suo linguaggio grafico e traendone ispirazione per i suoi studi su tutte le possibili simmetrie dello spazio.
Dopo questa esperienza Escher orienterà il suo linguaggio nella direzione eminentemente astratta ed intellettualistica che lo rende unico nel panorama artistico del primo '900, dedicandosi a studi di confine tra grafica e geometria, tra arte e matematica, alla divisione regolare del piano, le tassellature, la cristallografia, le figure impossibili, gli inganni visivi.

Un'occasione preziosa per comprendere, come spiega il curatore, il ruolo chiave avuto dall'Italia nella formazione di Escher e quanto sia stato intenso, anche grazie al soggiorno nel nostro paese, il rapporto con l'arte del suo tempo e di quello passato, facendo emergere, nelle sue opere, richiami simbolisti ed allegorici a prima vista difficilmente identificabili.

Maurits Cornelis Escher
fino al 22 Febbraio 2015
Chiostro del Bramante
Roma, Via Arco della Pace, 5
link:
Maurits Cornelis Escher, "Belvedere"
Maurits Cornelis Escher ed i suoi mondi impossibili

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.