home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Articoli e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica di architettura.
L'articolo di Artonweb più letto: L’arte di modellare il tempo
  FOCUS ON  
Libri
"Vers une architecture" (1923) una raccolta di saggi di Le Corbusier, primo nucleo di testi della rivista "l'Esprit Nouveau".
Musei
Firenze, 'Museo Novecento' nell'antico Spedale delle Leopoldine in piazza Santa Maria Novella: 15 sale, più di 300 opere dei maggiori rappresentanti dell'arte italiana del XX secolo.
Concorsi
14esima edizione del concorso fotografico "Confini": i due vincitori potranno esporre le proprie opere in varie città italiane, fra settembre 2016 e settembre 2017. Scadenza 15 giugno 2016.
Premi
Il Prix Meret Oppenheim 2016 va ad Adelina von Furstenberg, curatrice svizzera, fondatrice del Centre d’Art Contemporain di Ginevra.
In Italia
Milano, al Mudec "JOAN MIRÓ. La forza della materia", opere realizzate tra il 1931 e il 1981. Fino all'11 settembre 2016.
All'estero
Madrid, , Museo Reina Sofía, "Wifredo Lam", tra modernismo occidentale e simbolismo caraibico, 250 opere e 300 documenti.
Dal 5 aprile al 15 agosto 2016.
  CERCA NEL SITO  

Oskar Kokoschka, "La sposa del vento"
di Vilma Torselli
pubblicato il 12/05/2007
Intensa tensione drammatica, sofferto rapporto con una realtà che sfugge, indagata con vibrante tormento ed angosciata curiosità, teatro di una tragedia cosmica che assimila il paesaggio al dramma esistenziale dell'umanità.
"L'esperienza è ciò che da membri di un gregge ci fa veramente uomini. Altrettanto priva è l'esistenza dell'esteta chiuso nella propria torre d'avorio. La sua è un'esistenza inutile e antisociale....." (Oscar Kokoschka)

Oskar Kokoschka (1886-1980) si forma artisticamente nell'ambiente della Secessione viennese nello stesso periodo in cui è presente Gustav Klimt, personaggio di maggior spicco nell'ambito del movimento austriaco, quello in cui la connotazione simbolista della Secessione apparirà in termini più espliciti, che diviene amico e maestro di due allievi d'eccezione quali Egon Schiele, che dipingerà il dissacrante "Cardinale e suora" e appunto Oscar Kokoschka: entrambi sensibili alle tematiche dell' Espressionismo, questi due artisti segnano il passaggio dalla composta sensualità dei dipinti del maestro Gustav Klimt ad un dirompente linguaggio tipicamente espressionista dal cromatismo violento e dalla linea mossa e tormentata, che per i contemporanei contribuirà a designare Schiele come "artista maledetto", di nevrotica tragicità, spregiudicato ed autodistruttivo, e Kokoschka come "artista degenerato". Inviso al regime politico per il suo anticonvenzionalismo e la sua indomabile libertà di pensiero, finirà per connotare la sua opera anche in senso sociale e sarà costretto a rifugiarsi esule in Inghilterra nel '37 (morirà ultranovantenne in Svizzera), scontando con l'allontanamento dalla sua terra la condanna che il nazismo decreta per tutto l'Espressionismo in blocco a causa di quel suo pervasivo sentimento della crisi che mina le presuntuose certezze del regime.

Dice di lui Mario De Micheli:("Le avanguardie artistiche del Novecento") : "..... Per Kokoscka la pittura è costante fervore, è viva esaltazione di tutto l'essere. Ma, ciò che è egualmente importante, è anche espressione di un'idea, di un concetto ......."
Queste premesse, la simbiosi tra passione ed idea, il legame con la poetica espressionista più radicale, sono fondamentali per capire l'opera di Kokoschka, pervasa da una intensa tensione drammatica, in sofferto rapporto con una realtà che gli sfugge e dalla quale non sa prescindere indagata con vibrante tormento, con la stessa angosciata curiosità di Van Gogh, con la creativa furia visionaria di el Greco, artisti studiati ed amati, al di fuori di ogni preoccupazione teorica, liberando senza remore intellettualistiche la sua anima intrisa di espressionismo in dipinti tenebrosi e carichi di pathos.

Esordendo con una pittura di impronta grafica chiara e raffinata che tralascia spazi vuoti nella tela ad alleggerire composizioni irregolari ma equilibrate (é anche abile incisore e realizza nel 1908 incisioni per un libro per bambini dedicandole a Klimt), Kokoscka si muove ben presto verso una pittura più concitata, energica, tesa, efficacemente sintetizzata nel quadro esposto, opera della ormai raggiunta maturità artistica ed umana.
"La sposa del vento" (o anche "La tempesta") del 1914, una delle opere più note dell'artista, è ispirato da Alma Mahler, vedova del musicista Gustav Mahler, donna amata con la quale intrecciò una relazione sentimentale poco felice che ebbe per lui notevole importanza ed indubbiamente influenzò il risultato finale di questo dipinto.
I protagonisti sono una coppia, un uomo ed una donna, come nel celebre "Il bacio" di Klimt o nella versione crudamente caricaturale che ne fa Schiele nel suo "Cardinale e suora" e come nei due casi precedenti si tratta di un'opera all'insegna delle contrapposizioni, percorsa da un teso contrasto che la rende inquietante ed enigmatica, piena di significati simbolici, allegorici e sottilmente allusivi non tutti decifrabili.
Messa da parte l'elegante stilizzazione di Klimt e la sua controllata raffinatezza lineare, Kokoschka costruisce con larghe, nervose pennellate materiche i corpi ed il giaciglio in un turbine avvolgente di segni incurvati con improvvise spigolosità, di forte valenza gestuale, dai colori irreali, a creare un gorgo avvolgente che si estende al paesaggio notturno ed ingloba personaggi ed ambiente nello stesso dramma esistenziale: impossibile non riconoscere Munch e la sua poetica dell'angoscia alla base di questo senso di tragedia cosmica che passa dall'uomo al paesaggio e lo contamina del proprio sentimento interiore, conferendo anche alle cose un'anima fragile e la capacità di soffrire.
Uomo e donna, esseri viventi e natura, quieto senso d'abbandono femminile e pensosa veglia maschile, serena rilassatezza dei corpi e nevrotica inquietudine psicologica sono le antitesi su cui si articola il dipinto, metafora delle antinomie su cui si fonda la realtà, indagata, frugata, spremuta nel suo significato più intimo eppure sfuggente ed inconoscibile nella sua essenza più misteriosa, in quella dimensione inviolabile in cui si celano i fantasmi della mente ed in cui si consuma il dramma universale dell'uomo, di tutti gli uomini.

link:
Adolph Loos

* articolo aggiornato il 8/04/2013

 
 
WILFING ARCHITETTURA
di Salvatore D'Agostino

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 


 

InformaDisabile


RIFLETTORI SU...



Chaim Soutine
"Le Groom"

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.