home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Anthony Caro, "Midday"
di Vilma Torselli
pubblicato il 25/05/2007
Una scultura minimalista, spoglia, geometrica, austera, dove i singoli elementi, di per sè di essenzialità estrema, acquisiscono significato completo e complesso in virtù della sintassi assemblativa.
Inglese, allievo di Henry Moore, che ne influenza in modo determinante il linguaggio all'esordio della carriera, Anthony Caro (1924-2013) trova poi in America, nell'ambiente degli artisti che gravitano attorno al critico Clement Greenberg, 'scopritore' di Pollock, teorico del movimento Post Painterly Abstraction, gli elementi fondanti del suo linguaggio plastico in cui ogni implicazione formalistica è ridotta al minimo, spoglio, geometrico, austero, dove i singoli elementi, di per sè di essenzialità estrema, acquisiscono significato completo e complesso in virtù della sintassi assemblativa.
Kenneth Noland, Jules Olitski, Frank Stella, Helen Frankenthaler, ma soprattutto lo scultore David Smith e lo stesso Greenberg lo indirizzano a depurare il suo linguaggio espressivo da ogni residuo di figurazione, traccia della sua formazione in Inghilterra, a favore di forme astratte in grado di attivare un rapporto fisico con lo spettatore piuttosto che indurre reazioni emozionali, forme prive di caratteri figurativi riconoscibili, ma dense di contenuti concettuali.

"Midday" del 1964, in acciaio verniciato, 233.1 x 95 x 370.2 cm, al Museum of Modern Art di New York, riassume molte delle caratteristche peculiari della scultura di Caro, una scultura minimalista che vuole recuperare la purezza elementare delle cose primarie, l'essenza originaria dell'arte, trovandola nell'ordine, nella semplicità, in ciò che è strettamente necessario per ottenere il massimo risultato con il minor impiego di mezzi, una scultura poderosa che tuttavia rifugge dalla monumentalità e chiede di entrare in contatto ravvicinato con l'osservatore, di rapportarsi con l'intorno, di essere guardata da diversi punti di vista per apparire sempre diversa.
La struttura, come avviene sempre per le opere di Caro, non ha piedistallo, non si eleva da un supporto estraneo ad essa, poggia direttamente sul terreno, rispetto al quale si sviluppa in orizzontale - anche questa una caratteristica ricorrente - rifuggendo da ogni organizzazione verticalistica e quindi gerarchica degli elementi assemblati: in una dialettica paritaria tra le singole parti, in un pacato confronto fra elementi dissimili, l'opera esprime un grande senso di equilibrio nel quale qualcuno ha voluto riconoscere la radice ebraica dell'autore.

In contrasto con la rozza finitura industriale, lasciata a vista per enfatizzare il carattere funzionale dell'opera, la superficie della struttura metallica si colora di un giallo squillante che pare accordarsi con gli spessori e le dimensioni della materia, funzionando come una pelle, senza però alterare in maniera significativa rottami di ferro, putrelle e residui d'officina che tali restano e che, per una sorta di magia gestaltica, nel loro assemblaggio realizzano concretamente in termini di greve matericità l'idea di un rapporto formale astratto e concettuale.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.