home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Milano è una brutta e mal combinata città...".
  FOCUS ON  
Libri
Di Donald A. Norman, padre del ''design antropocentrico”, “La caffettiera del masochista”, inganni e paradossi della cattiva tecnologia negli oggetti di uso quotidiano.
Musei
San Marino, inaugurato presso le Logge dei Volontari il nuovo Museo d’arte moderna che raccoglie oltre mille opere del ‘900 italiano.

Concorsi
Urban Stone Contest, concorso di idee per la progettazione di una seduta urbana da stampare in 3D capace di migliorare l’esperienza del vivere e rilassarsi all’aperto.
Scadenza 30 agosto 2018.

Premi
Premio Pritzker 2018 all'architetto indiano Balkrishna Doshi, collaboratore di Le Corbusier e di Louis Kahn, per i suoi progetti di abitazioni a basso costo.

In Italia
Milano, a Palazzo Reale e altre sedi in città, “Alik Cavaliere. L'universo verde”, mostra diffusa di arte contemporanea.
Fino al 9 Settembre 2018.

All'estero
Potsdam, Museo Barberini , "Gerhard Richter: Abstraction" , in mostra 80 dipinti dagli anni '60 ad oggi.
Fino al 21 ottobre 2018.

  CERCA NEL SITO  

Kees Van Dongen, "Autoritratto"
di Vilma Torselli
pubblicato il 17/05/2007
Nella capacità di stabilire un contatto diretto con il cuore, cortocircuitando la mente, risiede il fascino di un artista che vive la sua arte abbandonandosi all'impulso ed all'ispirazione creativa del momento.
Kees Van Dongen (1877-1968) è un pittore dalla personalità marcatamente individualista che gli permette di conservare, seppure all'interno di una serie di variegati rapporti in una vita movimentata, sregolata ed anarchica, un suo stile pittorico personale e caratteristico, congeniale alla sua estroversione ed alla sua esuberanza.

Van Dongen ha subito l'influenza della pittura di Paul Gauguin e di quella dei Nabis, quella del contemporaneo Impressionismo, ha guardato con interesse alle prime sperimentazioni cubiste, ma la matrice del suo discorso artistico resta chiaramente fauve (espose infatti nel 1905 alla celebre mostra del Salon d'Automne), sia nel violento colorismo, sia nei temi prediletti, gente comune ed umile, prostitute, ballerine, vari ritratti ed alcuni paesaggi, sia nel segno, pesante e movimentato.

Le composizioni solidamente costruite con sensibilità squisitamente materica perdono ben presto la primitiva impronta postimpressionista declinando in una pittura a macchie irregolari di colori accesi, come in questo "Autoritratto" del 1906, forte, passionale, istintiva, che compensa una sostanziale carenza culturale e teorica con una immediatezza espressiva accattivante e coinvolgente.

Al di là del festoso trionfo di colori, della vitalità prorompente delle rappresentazioni, della corporeità solare dei personaggi, si capta tuttavia nella pittura di Van Dongen una sotterranea vena tormentata che riconduce piuttosto alla ricerca espressionista nella sua forma più pura e semplice (non a caso nel 1908 egli aderì a Die Brücke in occasione di un suo soggiorno in Germania) e ne costituisce il tratto più originale: l'autoritratto è una figura forte, non bella ma di attrazione magnetica, un volto asciutto, uno sguardo duro, un insieme di tratti segnati da ombre inquietanti, un uomo che guarda il mondo con severità e disincanto.
Sommario e sinuoso il segno di contorno, la figura è costruita dal colore intenso, con forti contrasti, steso in tocchi rapidi ma fermi, entro uno spazio vuoto privo di riferimenti prospettici e dimensionali, il rosso dello sfondo, brillante ed innaturale, accende il volto di riflessi caldi, caricandolo di una mossa drammaticità di profonda intensità psicologica.

Il maggior fascino della pittura di Van Dongen consiste nella capacità di stabilire un contatto diretto con il cuore, cortocircuitando la mente, come accade quando ci si trova davanti ad un artista che vive la sua arte senza preoccuparsi nè dello stile nè della coerenza, abbandonandosi all'impulso ed all'ispirazione creativa del momento.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Joan Miro', "La poetessa"



Metafisico bisogno di astrazione ed un mai dimenticato amore per la materia, i due poli fra i quali oscilla la poetica di un grande surrealista...... continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.