home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

La scuola di Pont-Aven
di Vilma Torselli
pubblicato il 23/01/2007
Una corrente che inventa un sicuro ed innovativo linguaggio, antinaturalistico, antirealistico e simbolista, per uscire dalle secche dell'Impressionismo.


Paul Gauguin

"Vision après le sermon"

Il territorio bretone, logisticamente decentrato rispetto al baricentro culturale della Francia continentale di fine ottocento, pervaso da una cultura ancora arcaica e primitiva, è particolarmente consono allo spirito di un piccolo sodalizio di artisti che, insediatisi nella prima metà dell'ottocento nel villaggio di Pont-Aven, danno vita alla Scuola di Pont-Aven: il movimento persegue istanze di rinnovamento e di purezza che spingono inevitabilmente gli aderenti all'abbandono di un presente dalla carica ispirativa ormai esaurita ed inadeguata al quel momento storico e culturale.

Fanno parte del gruppo Charles Laval, Maurice Denis, Ernest de Chamaillard e Emile Bernard, che ha con Paul Gauguin un rapporto privilegiato: condividono infatti il comune interesse per la grafica giapponese, che grazie ai moderni mezzi di riproduzione iniziava ad essere conosciuta in occidente, e la tecnica cloisonné, impiegata per la realizzazione delle vetrate artistiche, specie gotiche, legata ad una particolare concezione della forma e della bidimensionalità della pittura, Un celebre dipinto di Gauguin , "Vision après le sermon", del 1888, sintetizza con un vero colpo d'ala i punti essenziali del movimento, di cui Bernard può considerarsi il timido antesignano, e traccia con sicuro ed innovativo linguaggio la via per uscire dalle secche dell'Impressionismo, che aveva ormai dato tutto il possibile.

Proprio per reazione allo stile enfaticamente descrittivo dell'Impressionismo, alla componente empatica di una pittura ispirata all'osservazione della natura, che resta fondamentalmete il principale modello da copiare, seppure con numerose varianti interpretative, la Scuola di Pont-Aven persegue un risultato antinaturalistico, avulso dalle leggi della mimesi e della prospettiva, anche se la profondità spaziale viene comunque resa attraverso elementi in decrescente scala dimensionale, una visione della realtà soggettiva della quale l'artista coglie i significati simbolici, allegorici, metaforici: sono stretti i legami con il più vasto movimento simbolista nato in Francia all'inizio del decennio, destinato a divenire la tendenza dominante dell’arte europea dopo l’Impressionismo, che predica la necessità di abbandonare la logica e le correnti regole dell'osservazione e della percezione a beneficio di un messaggio conciso e simbolico, di estrema sintesi linguistica (il Simbolismo viene detto anche Sintetismo).

Le campiture piatte di colore puro e omogeneo, prive di sfumature e senza alcun effetto volumetrico, il contorno netto della forma inquadrata da una precisa traccia nera che imita il piombo delle vetrate medioevali, la preoccupazione decorativistica e non contenutistica di stilizzate rappresentazioni cariche di significati simbolici al di fuori della logica narrativa sono le premesse sviluppate dalla Scuola di Pont-Aven: queste caratteristiche confluiranno nel movimento Nabis, fondato nel 1888 e ricompariranno lungo il corso del '900 in molti movimenti avanguardisti di ispirazione surrelista e metafisica.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.