home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Milano è una brutta e mal combinata città...".
  FOCUS ON  
Libri
Di Donald A. Norman, padre del ''design antropocentrico”, “La caffettiera del masochista”, inganni e paradossi della cattiva tecnologia negli oggetti di uso quotidiano.
Musei
San Marino, inaugurato presso le Logge dei Volontari il nuovo Museo d’arte moderna che raccoglie oltre mille opere del ‘900 italiano.

Concorsi
Urban Stone Contest, concorso di idee per la progettazione di una seduta urbana da stampare in 3D capace di migliorare l’esperienza del vivere e rilassarsi all’aperto.
Scadenza 30 agosto 2018.

Premi
Premio Pritzker 2018 all'architetto indiano Balkrishna Doshi, collaboratore di Le Corbusier e di Louis Kahn, per i suoi progetti di abitazioni a basso costo.

In Italia
Milano, a Palazzo Reale e altre sedi in città, “Alik Cavaliere. L'universo verde”, mostra diffusa di arte contemporanea.
Fino al 9 Settembre 2018.

All'estero
Potsdam, Museo Barberini , "Gerhard Richter: Abstraction" , in mostra 80 dipinti dagli anni '60 ad oggi.
Fino al 21 ottobre 2018.

  CERCA NEL SITO  

Il Post-moderno
di Vilma Torselli
pubblicato il 1/04/2007
La rivalutazione del passato, non come anacronistico storicismo, ma come recupero di citazioni stilistiche rivisitate in chiave moderna.
Alla fine degli anni '70, inizio anni '80, quando l'arte concettuale, la minimal art, il Nouveau Réalisme e altre forme artistiche pervase da un carattere di contingenza e di provvisorietà tipico del periodo storico-sociale in cui si erano affermate, paiono aver esaurito ogni possibilità di sviluppo e non corrispondere più alle istanze contemporanee, si afferma un fenomeno stilistico definito Post-moderno, dapprima in campo architettonico e poi esteso alla pittura, alla scultura e a tutte le manifestazioni di tipo estetico, non solo visive.

Non ha senso dire che il Post-moderno rappresenti un arresto o un regresso dell'arte, ma rappresenta senz'altro un atteggiamento di riflessione e di revisione critica nei confronti del concetto di evoluzione e progresso continuo al quale il clima euforico ed ottimista degli anni '60 ci aveva abituati, così come esprime anche una riserva, se non una esplicita sfiducia, nei confronti della possibilità che l'arte moderna possa dire qualcosa di veramente nuovo: meglio quindi recuperare il senso della continuità e della memoria storica e guardare alla tradizione come ad un importante patrimonio culturale da rivisitare attraverso citazioni e stilemi da ricomporre secondo un nuovo schema linguistico.
Decade il concetto del progresso ad ogni costo, dell'obbligo dell'invenzione, dell'anticonformismo forzato, tipico dei movimenti della rivolta sessantottini, obsoleti e percepiti come qualcosa di già visto e già accaduto e che diventa perciò una nuova forma di conformismo, in favore di una maggior varietà delle posizioni sia artistiche che critiche.

Questa operazione viene portata avanti in architettura spesso in modo volutamente manieristico, con una vena ironica che in genere non si trova nelle arti visive, campo in cui la tradizione classica viene esplorata con un rispetto maggiore, traendo spunti e frammenti di citazioni o dalle correnti del '900, come fa la Transavanguardia, o addirittura dal Neoclassicismo, specie quello di Poussin e della poetica dell'Arcadia, e dal Barocco.
E non solo in Europa, dato che guarda all'opera di David, Caravaggio, Rubens un ecclettico pittore americano, Alfred Leslie, che esordisce come espressionista astratto e si afferma poi come pittore impegnato e di cui va ricordata una celebre "Uccisione di Frank O'Hara", chiara parafrasi di una deposizione caravaggesca, già imitata anche da Rubens.

Pur nell'ottica di un recupero del "già detto", la libertà creativa dell'artista è salvaguardata dalla possibilità, e dall'intenzione, di fare ricorso alla memoria intesa come mezzo per filtrare il ricordo e decodificarlo in modo del tutto personale: si tratta quindi non di un anacronistico storicismo, un ipermanierismo di imitazione, un ritorno passivo a collaudati linguaggi, ma una elaborazione del passato attraverso la meditazione su di esso e l'astrazione di elementi presenti nella memoria collettiva e strumentali per esprimere concetti moderni nelle opere di artisti colti e allusivi, per dimostrare la perdurante vitalità di valori che il modernismo pensava di aver cancellato per sempre.

Si può individuare un antesignano di questa posizione filoclassicista nella figura di Balthazar Klossowskj de Rola, o Balthus, che già negli anni '30 propone opere di classicismo rigoroso, ispirato soprattutto all'opera di Piero della Francesca, nei termini di una ricercata ingenuità pervasa di erotismo malizioso di grande coinvolgimento.

In Italia, nell'ambito di questo recuperato classicismo, si afferma una corrente definita "Pittura colta" (o anche "Anacronismo" o "Ipermanierismo"), presentata per la prima volta dal critico Maurizio Calvesi, dove i richiami al passato hanno spesso un chiaro sapore metafisico o evidenti accenti surreali, sempre associati ad un contenuto raffinatamente intellettuale e ad un purismo severo talvolta alleggerito da una elegante e distaccata ironia.

Gli artisti italiani più significativi di questa corrente sono Alberto Abate, Piero Pizzi Cannella, Nino Panarello, Ubaldo Bartolini, il più noto è forse Carlo Maria Mariani.

* articolo aggiornato il 27/04/2015


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Joan Miro', "La poetessa"



Metafisico bisogno di astrazione ed un mai dimenticato amore per la materia, i due poli fra i quali oscilla la poetica di un grande surrealista...... continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.