home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

La Transavanguardia
di Vilma Torselli
pubblicato il 1/04/2007
Il Neo-espressionismo nella versione italiana ed i suoi legami con la passata tradizione culturale per un superamento del concettualismo attraverso il ritorno alla figurazione.
"La transavanguardia ha risposto in termini contestuali alla catastrofe generalizzata della storia e della cultura, aprendosi verso una posizione di superamento del puro materialismo di tecniche e nuovi materiali e approdando al recupero dell'inattualità della pittura, intesa come capacità di restituire al processo creativo il carattere di un intenso erotismo, lo spessore di un'immagine che non si priva del piacere della rappresentazione e della narrazione" (Achille Bonito Oliva)

Con il termine Transavanguardia si identifica un movimento artistico italiano inquadrabile più in generale nel Neo-espressionismo, una corrente che, verso la fine degli anni '60, coinvolge sia l'Europa che l'America e che si pone come alternativa ad un generalizzato concettualismo ormai incapace di uscire da sé stesso e svuotato di ogni connotazione autenticamente vitale.

Il gruppo degli italiani è costituito da Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Nicola De Maria e Mimmo Paladino, un insieme di personalità diverse, che in seguito differenzieranno significativamente i loro linguaggi, che accedono alla notorietà alla fine degli anni '70 sia per l'allestimento di varie mostre nella zona di Modena e del Veneto, sia per la partecipazione alla Biennale di Venezia dell' '80 e alla rassegna internazionale "Transavanguardia Italia/America" nell' '82: nel 1979 viene coniato dal critico Achille Bonito Oliva, mentore, organizzatore, ispiratore del gruppo, il termine Transavanguardia (oltre l'Avanguardia) per identificare questo movimento che rappresenta per l'Italia l'occasione di inserirsi a livello internazionale nel circuito commerciale dell'arte moderna, monopolizzato dai mercanti americani i quali, a suon di dollari, hanno fatto la fortuna di artisti indubbiamente validi come David Salle o Jean-Michel Basquiat.

Proprio il battage pubblicitario e commerciale, che può talvolta far pensare ad operazioni preparate a tavolino, è una caratteristica del movimento transavanguardista, fermo restando che va riconosciuto ai giovani artisti che lo compongono il merito di aver saputo dar vita ad una produzione se non omogenea, sicuramente percorsa da un discorso comune coerente nel costante riferimento ad una cultura europea ed italiana.

Come tutto il movimento neo-espressionista nel resto del mondo, la Transavanguardia riprende la figurazione e, per la sua particolare eredità storico-culturale, lo fa nei termini di una rivisitazione attuale della tradizione figurativa passata e recente, con quel soggettivismo che è una costante dell'arte visiva dall'Espressionismo tedesco in poi.

I suoi componenti si esprimono con toni ironici o passionali, visionari o ambiguamente rappresentativi, nostalgici o aggressivamente polemici, ciascuno secondo la propria personale visione del mondo, denunciando una cosciente elaborazione della cultura precedente ed una attenta meditazione sulle esperienze delle avanguardie storiche europee del '900.

Tanto che la Transavanguardia, pur nella totale disarticolazione della forma, manipolata fino a divenire espressione instabile dell'interiorità e della condizione esistenziale di un uomo, ma anche dell'umanità tutta, ricerca il recupero critico del senso dell'universalità della storia attraverso la narrazione, attraverso la riproposizione di modalità e materiali tradizionali naturali di intensa fisicità (legno, ferro, terra), a significare l'eternità e l'immutabilità delle forze che animano l'uomo e la sua vicenda.

Al di là di ogni tipo di provocatorio sperimentalismo, ma anche di ogni nostalgico ritorno al passato, con l'uso di un linguaggio forte ed intenso, innovativo, dal segno graffiante, dal colore vivido, dall'impronta vagamente surrealista, la Transavanguardia cerca saldi legami con la tradizione storica, con la pittura, la scultura, la figurazione, con una rappresentazione che ha come aspirazione finale una simbiosi emotiva di carattere cosmico, accessibile solo attraverso l'arte in un dialogo tra l'artista e il suo pubblico, un dialogo a-logico, a-temporale, basato sul "sentire" al di là della razionalità.

Queste le parole di Achille Bonito Oliva che meglio sintetizzano lo spirito di questo movimento:"Transavanguardia significa apertura verso l’intenzionale scacco del logocentrismo della cultura occidentale, verso un pragmatismo che restituisce spazio all’istinto dell’opera".


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.