home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Andrea Palladio
di Vilma Torselli
pubblicato il 2/06/2007
"I quattro libri dell'architettura", testamento architettonico e trattato tecnico su tutto lo scibile del suo tempo nel campo della progettazione.

"I quattro libri dell'architettura" di Andrea Palladio (1508-1580), stampati a Venezia nel 1570, sono il primo grande successo editoriale dall'invenzione della stampa, certamente giustificato dal fatto che l'opera, una sorta di testamento architettonico, è di rilevanza straordinaria e spazia in tutto lo scibile del suo tempo, dal formulario per gli ordini, alle misure degli ambienti, alla progettazione delle scale, agli esecutivi dei particolari, sulla scorta degli studi classici del suo autore circa la tipologia dei templi romani.
Il colpo di genio, che assicurerà a questo architetto una attualità di eccezionale durata, sta nel secondo e nel terzo libro, nel quale egli pubblica una retrospettiva dei suoi progetti relativi a palazzi, ville, ponti reticolari, in tal modo autopromuovendo la sua attività di progettista.

Andrea Palladio unì a straordinarie capacità di sintesi organizzativa su base solidamente razionale un'inventiva geniale scevra da condizionamenti (a lui si deve l'invenzione di nuove tipologie architettoniche, per esempio la villa di campagna progettata in funzione del contesto naturalistico) affiancata, specie nella maturità, da una capacità di indagine inquieta e drammatica derivata dallo studio delle architetture michelangiolesche, delle quali seppe cogliere quelle che Bruno Zevi definisce anticipazioni della poetica barocca.
La mai placata volontà di ricerca, la sua curiosità intellettuale si esprimono fino all'ultima opera, rimasta incompiuta, il Teatro Olimpico di Vicenza, dove il riferimento archeologico si trasfigura in esiti del tutto nuovi e personali.

"I quattro libri dell'architettura" e la tipologia architettonica di Palladio hanno avuto in Inghilterra ed in America un seguito straordinario, non solo negli Stati Uniti, ma anche nell'America del sud, dove gli architetti della Compagnia del Gesù introdussero nell'architettura importata dai dominatori spagnoli le varianti manieristiche di quella palladiana.
Innanzi tutto la causa è da ricercarsi nel fatto che, per la prima volta da quando, nel 1454, Johann Gutenberg realizza con caratteri mobili la prima Bibbia, viene dato alle stampe un testo di architettura chiaro, organico, intelligente, con disegni riprodotti in scala, con tavole grafiche quotate nelle piante e negli alzati, insomma un vero e proprio manuale tecnico di facile consultazione che offusca definitivamente i libri di Sebastiano Serlio (1537), il più autorevole riferimento immediatamente precedente.

E' forse il primo esempio di come una comunicazione efficace e ben costruita e una valida operazione di marketing possano determinare il buon esito di un'iniziativa: sull'onda del successo editoriale, si determina infatti il successo dello stile palladiano, che si diffonde innanzitutto in Inghilterra attraverso l'opera di Inigo Jones, cui seguiranno John Webb, Christofer Wren, i fratelli Adam, James Gibbs e molti altri.
Il trattato di Andrea Palladio viene tradotto in inglese nel 1716 e, sulle navi dei coloni britannici, giunge nel Nuovo Continente dove da circa duecento anni si è avviato un processo di colonizzazione che, in campo architettonico, ha posto il contrasto "tra la capanna indiana e gli splendori europei", poiché gli immigrati derivano i loro modelli culturali dalla madrepatria, la vecchia Europa.

Con la nascita di una società ad economia agricola strutturata con eterogenei apporti inglesi, olandesi, francesi, spagnoli, la promiscua immigrazione religiosa di cattolici, ugonotti, quaccheri, l'esigenza di una elaborazione culturale a livello generale, ha origine un'architettura coloniale di chiara derivazione anglosassone, e quindi palladiana, nella quale solo parecchi anni dopo gli americani sapranno introdurre elementi propri, allontanandosi dai prototipi iniziali.
Generazioni di architetti americani edificano secondo lo stile coloniale, in una cronologia puramente ed astrattamente formale, frutto del "paludamento culturale dietro il quale si cela quel complesso di inferiorità che gli psicanalisti definiscono ricerca di una paternità spirituale" (Bruno Zevi, 'Storia dell'architettura moderna').
Dall'ottocento in poi, si alternano vari periodi in cui, ad un'architettura di complesse citazioni sintetizzate in un linguaggio abbastanza libero e caratterizzato, si sostituisce un manierismo romanizzante, poi neoellenistico, poi neogotico, anch'esso di derivazione inglese, che si involve rapidamente in una sorta di medioevalismo grottesco e decorativo.
È' lo sbandamento completo in un periodo, la fine ottocento, in cui "i dollari possono comprare ogni stile".

La cultura americana è tanto carente sul versante filosofico quanto ricca di inventiva pragmatica ed empirica applicata alla vita pratica, con una disarmante capacità di semplificazione di cui gli europei non sono capaci, condizionati da un retaggio culturale dal quale non sanno prescindere.
Agli inizi del novecento l'architettura americana trova modi espressivi organici che cercano di unire in una convincente simbiosi l'aspetto formale e quello tecnico, nei limiti che le sono propri, con prodotti corretti, funzionali, intelligentemente semplici, suscitando l'interesse della cultura europea e dell'ambiente razionalista di Gropius e Mendelsohn, dello stesso Le Corbusier, che, per la verità, poi ritrattò in parte i suoi giudizi positivi, e oggi la critica più moderna ha ormai attribuito la giusta prevalenza alla corrente funzionalista americana rispetto a quella europea.
Lo sviluppo di caratteri architettonici autonomi si consolida attraverso l'opera di geniali architetti quali Frank Lloyd Wright, Henry Hobson Richarson, i componenti della Scuola di Chicago, Henry Sullivan e molti altri, fino ai giorni nostri, in cui la cultura americana si è aperta ad una visione umanistica che le ha permesso di superare in parte il secolare complesso di inferiorità nei confronti delle istituzioni e della tradizioni europee.
Quando Wright lancia una sua 'Dichiarazione di Indipendenza' e chiede "Indipendenza dal classicismo, nuovo e vecchio, e da ogni atteggiamento di devozione ai cosiddetti classici" prende una posizione categorica ed integralista a favore di un'architettura nuova, legata al proprio ambito culturale, territoriale e sociale, la sua architettura organica, che esprime "una società organica".
E' la stessa posizione che pochi anni dopo assumeranno i pittori dell'espressionismo astratto, Kline, Tobey, Mark Rothko e soprattutto Jackson Pollock, rivendicando l'autonomia di una cultura autenticamente americana, con la gestualità liberatoria e trasgressiva dell'action painting che simbolicamente cancella ogni traccia del passato.
Quello di Wright è un discorso di rottura fortemente rivoluzionario, che ha i limiti di ogni posizione criticamente eccessiva e che farà scontare a Wright con un relativo isolamento il suo coraggio, tant'è che ancora oggi lo stile palladiano, espressione del tradizionalismo più accademico, manieristico e deteriore, sembra essere una presenza imprescindibile della realtà urbanistica americana.
Nonostante le lacerazioni prodotte da un rapporto di tipo colonialista, teso ad affermare con orgogliosa consapevolezza una "superiorità" della cultura europea nei confronti dell'ethnos americano, le sopraffazioni di una mentalità incapace di instaurare con altre civiltà relazioni non distruttive, la incapacità di elaborare ex novo equilibrati rapporti di conoscenza del "diverso da sé", l'Europa resta, nell'immaginario di ogni americano, la depositaria della cultura e del sapere umanistico.

Tenendo conto delle sostanziali differenze psicologiche tra americani ed europei e della carenza di "principi" nella cultura americana in ogni ambito, credo che l'opera di Palladio rappresenti un confortante riferimento storico e tipologico consolidato, preciso, rassicurante, al quale delegare una ipotetica "paternità spirituale", una piattaforma di principi coerenti e codificati, un collegamento con sorgenti culturali estranee ma autorevoli, da adottare "sulla fiducia", in definitiva il modo per conferire una storicità allo sviluppo non solo architettonico della cultura americana.

Un individuo ha bisogno di rileggere la sua vita per decifrarne il senso, un popolo ha bisogno di ripercorrere la sua storia per recuperarne le radici, magari trovandole in Andrea Palladio, straniero, europeo, italiano, veneto.

PS:Nel 2010 il Congresso degli Stati Uniti d'America, con una “Concurrent Resolution” che ha visto il voto unanime del Senato e della Camera riconosce ufficialmente “l’immensa influenza di Palladio sulla architettura degli Stati Uniti” ed esprime la propria gratitudine “per l'arricchimento che la sua vita e la sua carriera hanno conferito all'ambiente costruito della Nazione americana”. Nelle premesse la Risoluzione 259 ripercorre gli aspetti salienti della influenza palladiana degli Stati Uniti, definendo i “Quattro Libri dell'Architettura”, il trattato che Palladio pubblicò nel 1570, come la più importante pubblicazione in materia d’ogni tempo.

*articolo aggiornato il 3/3/2010

link:
Frank Lloyd Wright
Espressionismo astratto
Le Corbusier
Dicono di lui

Il ponte e la città


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.