home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Articoli e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
Articolo di Artonweb più letto:"La casa sulla ferrovia".
  FOCUS ON  
Libri
Banski, "Wall and Piece", libro-cult che esce finalmentre in Italia. Lo stesso Banksy, autore dei testi, scrive per per la prima volta del suo particolarissimo 'lavoro'.
Musei
Centro Botín de las Artes y la Cultura di Santander, in Cantabria (Spagna), museo sull'acqua su progetto di Renzo Piano.
Concorsi
Concorso d'architettura "SKYHIVE Skyscraper Challenge" organizzato da Bee Breeders sul rapporto tra grattacielo, ambiente, comunità, città.
Iscrizioni entro il 27 settembre 2017. 
Premi
Per l'anno 2017, consegnato il Piranesi Prix de Rome, premio alla carriera, all'architetto portoghese Eduardo Souto de Moura.

In Italia
Genova, a Palazzo Ducale la mostra fotografica "Vivian Maier. Una fotografa ritrovata". Fino all'8 ottobre 2017.

All'estero
Parigi, al Museo d’Orsay, "Portraits de Cézanne". Fino al 24 settembre 2017.

  CERCA NEL SITO  

Ludwig Mies van der Rohe
di Vilma Torselli
pubblicato il 1/06/2007
"Ambienti di lavoro luminosi, ampi, ordinati, non suddivisi, ma solo articolati come l'organismo dell'azienda. Massimo effetto col minimo spreco dei mezzi […..] . Le strutture in acciaio nella loro essenza sono strutture a scheletro [….. ] la costruzione ad armatura portante di una parete non portante. Dunque edifici pelle ed ossa". (Ludwig Mies van der Rohe)

Se con la sua indagine intellettuale Le Corbusier identifica nel cervello l'origine dell'architettura, che diviene mezzo per dimostrare un assioma, se Wright la trova nel pulsare degli organi interni dove batte la vita, tra ragione e sentimento, Mies van der Rohe (1886-1969) la scopre nella struttura portante, negli snodi spaziali, nella verità nascosta che con coraggiosa onestà progettuale mette allo scoperto attraverso l'involucro trasparente. Pelle di vetro e ossa d'acciaio, lo spazio ritmato da tersi diaframmi, la materia lucidata e levigata, sublimata dal gioco di riflessi della luce, un'architettura fragile come il vetro e forte come il ferro che per la prima volta si propone orgogliosamente ed umilmente nella sua nudità.

Arrivato in America dalla nativa Germania, il giovane Mies è affascinato dai grattacieli in costruzione, scheletri strutturali che nella loro provvisoria, incompiuta essenzialità lasciano leggere la genesi mentale del progetto, perché a lui interessa più il viaggio che l'arrivo, il processo generativo più che il risultato, il divenire piuttosto che l'essere (nel '27 scrive a Walter Riezler: "La forma è effettivamente uno scopo?O non è piuttosto il risultato di un processo di formazione?Non è il processo l'essenziale?...."

Pochi e concisi gli scritti, a parte la parentesi didattica presso la Bauhaus, dove è docente e poi direttore, lontano dalla foga didascalica di Le Corbusier, dalla trascinante eloquenza di Wright, Mies van der Rohe si identifica nell'asciutto rigorismo morale del "De Stijl" di Theo van Doesburg, in una cultura ad impronta razionalista che ricerca soluzioni chiare, precise, con l'ordine mentale di un nitido indagatore dell'essenza della realtà nella sua estrema purezza formale: liberata da ogni preoccupazione descrittiva e narrativa, la sua architettura sarà il massimo della funzionalità e dell'aderenza alla destinazione d'uso nell'apparente mancanza di ogni finalità utilitaristica.
Come il costruttivista El Lisitskij, un'altra forte personalità con la quale entra in contatto, Mies non vuole progettare una forma, ma un'idea, la sua architettura è pura astrazione geometrica, quella stessa che in Mondrian confluirà, nella sua forma più radicale, in un'astrazione totale di tipo spiritualista.

Mies van der Rohe
1929, Expo di Barcellona

Mies ragiona per piani, nella più completa negazione del volume, la sua è un'architettura bidimensionale senza pieni, senza peso, fatta di superfici pure senza consistenza, di piani isolati nitidi e slegati che configurano lo spazio senza circoscriverlo, lo indirizzano fluidamente, lo guidano all'esterno attraverso setti murari allungati oltre ogni necessità distributiva, con il solo scopo di prolungare la visuale ed andare oltre.

Si impone così un nuovo concetto di orizzonte visibile nell'abolizione della finestra come definizione di un limitato campo visivo ("io ho tagliato le aperture nei muri ovunque mi occorrevano per viste sull'esterno e l'illuminazione degli spazi"), secondo una concezione di continuità spaziale della quale, per sua stessa dichiarazione, Mies è debitore a Frank Lloyd Wright.
Nel 1940 così ricorda l'incontro con le opere di Wright nella Berlino dei primi del '900: "….L'opera del grande maestro presentava un mondo architettonico di insospettata forza, chiarezza di linguaggio e ricchezza sconcertante di forme. Qui finalmente trovavamo un artista ispirato alla reale sorgente dell'architettura che, con vera originalità, innalzava le sue creazioni alla luce…."

La semplificazione linguistica che Mies mette in atto è estremamente sofisticata, muove alla ricerca di un essenziale universale ed indifferenziato che porta necessariamente verso un risultato di carattere generale che qualcuno potrebbe a ragione trovare anonimo: Mies va infatti, consapevolmente, verso l'anonimato, con una radicale riduzione di ogni carattere e di ogni tipicità, eppure basta uno sguardo per riconoscere la sua personalissima impronta in un impianto architettonico, in una quinta di muro, in un incastro di linee.
L'uso del vetro in senso strutturale, a sostituzione delle divisioni e dei tamponamenti esterni, costituisce una innovazione assoluta non solo dal punto di vista tecnologico, ma a livello concettuale, dato che sovverte il tradizionale rapporto pieno-vuoto, luce-ombra, quella tensione plastica sulla quale si era sempre retto, prima di Mies, il linguaggio architettonico di tutti i tempi.
Proprio l'uso del vetro tradisce l'imprinting espressionista della poetica di Mies van Der Rohe, il vetro è illusione, astrazione, emozione, fantasia, crea immagini ingannatrici, genera per riflessione una falsa realtà, rifrange e moltiplica specularmente la luce emanando leggerezza e spiritualità ("È la luce che dà la sensazione di spazio [……. Luce e spazio sono inscindibili. Se si elimina la luce il contenuto emotivo dello spazio scompare e diventa impossibile coglierlo…..". Siegfried Giedion), il vetro realizza quella aspirazione alla continuità ed alla compenetrazione tra interno ed esterno che, originando da Wright e passando per Mies, è uno degli imput principali dell'architettura contemporanea.

Gli elementi di arredo creati da Mies sono ancora oggi punti cardine del design moderno, senza tempo, senza moda, incorruttibili nella loro intangibile purezza lineare: la poltrona Barcelona, tutt'ora in produzione, è stata realizzata nel '29, in controcorrente rispetto ad ogni suggestione stilistica contemporanea.
In quel design scarno ed elegante, Mies, che non può prescindere da sé stesso, realizza ancora una volta il "massimo effetto col minimo spreco dei mezzi", una colta, severa rivisitazione dell'antico sedile curiale romano, uno scranno regale di algida austerità per i reali di Spagna in visita all'Esposizione Internazionale (Wolf Tegethoff, studioso di Mies van Der Rohe, scriverà un testo, "La storia di un "trono" : l'archeologia della poltrona Barcelona" ). Per questa seduta, adattandosi con grande duttilità alle potenzialità tecnologiche del materiale, rinunciando all'ortogonalità delle sue linee progettuali, Mies disegna due linee curve incrociate e continue di estrema fluidità, espressione non di rinuncia ad un aprioristico linearismo, ma di elasticità mentale e libertà creativa. E' la nascita di un nuovo linguaggio espressivo applicato agli oggetti, studiati e curati nei minimi particolari con attenzione maniacale, depurati di ogni superflua aggettivazione, anche loro ridotti a pelle ed ossa.

Può essere più facile capire che amare Mies van der Rohe, ma le parole di Giò Ponti ci possono aiutare :" Amate l'architettura moderna, dividetene gli ideali e gli sforzi, la volontà di chiarezza, di ordine, di semplicità, d'onestà, di umanità, di profezia, di civiltà. Amate l'architettura moderna, comprendetene la tensione verso una essenzialità, la tensione verso un connubio di tecnica e di fantasia, comprendetene i movimenti di cultura, d'arte e sociali ai quali essa partecipa; comprendetene la passione. Amatela nei grandi maestri d'oggi, in Le Corbusier, in Mies van der Rohe ……." , in quest'uomo che ha apportato nell'architettura mondiale innovazioni sconvolgenti, frutto di una creatività al di fuori di ogni paragone e che ha poi passato la vita a togliere, semplificare, ridurre (egli dice "less is more"), discriminando l'essenziale dal superfluo con inflessibile rigore.

Nel nome di un riduzionismo formale estremo che tuttavia non mortifica l'intensità espressiva, ma la concentra in pochi punti fondamentali, fino ad un raffinato minimalismo in cui risiede l'essenza ultima, e divina, della materia.

link:
Quarant'anni fa moriva Ludwig Mies van der Rohe



DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...



Frank Auerbach
"Testa di Julia II"


 

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.