home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Ravenna, "Chuck Close. Mosaics"
di Vilma Torselli
pubbicato il 11/10/2019
Una mostra per scoprire un inedito Chuck Close, recentemente interessatosi alla tecnica musiva.

Chuck Close, Subway Portraits (Metropolitana di New York)

Per la VI edizione 2019 della Biennale di Mosaico Contemporaneo il MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna allestisce una mostra, "Chuck Close. Mosaics", dedicata alle opere di Chuck Close, a cura di Daniele Torcellini.

Come è noto, l’artista utilizza la tecnica fotografica ed è inquadrabile nel photographic realism o superrealism, Iperrealismo, idealmente collegabile alla Pop Art per una certa freddezza della rappresentazione della realtà, né potrebbe essere altrimenti visto che Close parte dalla riproduzione fotografica asetticamente recepita, comprese le deformazioni indotte dall'obiettivo che non ha il sistema di adattamento dell’occhio umano, con la più completa osservanza delle peculiarità 'fotografiche' dell'immagine, sacrificando così ogni coinvolgimento emotivo in un’immagine mediata talvolta un po’ anonima.

Appassionato della grande ritrattistica del passato, quella di Rembrandt, Caravaggio, Giotto, Vermeer, Goya e di tutta la più classica tradizione culturale europea, vero esperto di tecniche incisorie, litografia, acquatinta, mezzatinta, serigrafia Chuck Close ha scelto un tema al quale è rimasto assolutamente fedele nel tempo e dipinge solo ritratti, di amici, di familiari, di conoscenti, ed anche autoritratti sempre di grandi dimensioni, con un'impostazione rigidamente frontale per una visione quasi monoculare.
Complice, forse, la sua prosopagnosia (disturbo neurologico che non permette di riconoscere le persone per mezzo dei soli caratteri fisionomici) Close si distingue per la fedeltà quasi ossessiva al tema e per un’attenzione quasi maniacale ai dettagli che lo portano talvolta ad una certa ripetitività.

Quando nel 1985 la Metropolitana di New York vara un programma di public-art coordinato dal dipartimento Arts & Design dell’Autorità di Trasporto Metropolitano, Close realizza su commissione (siamo nel 2017) la serie Subway Portraits, dodici opere in mosaico ceramico posizionate permanentemente nella stazione Second Avenue-86th Street di New York City, sperimentando con successo la nuova tecnica esecutiva nei ritratti di personaggi famosi dell’arte, della musica, della cultura.

Visti i precedenti, non è quindi inaspettato in questa mostra il suo approccio alla tecnica musiva, dove i riquadri colorati delle tessere si adattano alla perfezione al macroscopico effetto pixel di tutte le sue opere precedenti, che se da vicino appaiono di difficile lettura per un sorprendente esito astratto, all'aumentarre della distanza restituiscono l'immagine di un ritratto molto realistico, ricomponendo un volto umano con effetto quasi tridimensionale.
Giocando sulle caratteristiche dei materiali, vetri, ceramiche, smalti policromi, Close realizza le sette opere esposte in mosaici di grandi dimensioni (presenti due autoritratti e i ritratti di Lou Reed, Lucas Samaras e Lorna Simpson), integrate da oggetti e documenti che testimoniano lo sperimentalismo e la creatività dell’artista, le famose fotografie polaroid, e anche arazzi, tappeti, stampe.

Presente anche una sezione che documenta le fasi realizzative dei mosaici della stazione newyorkese nei laboratori Mosaika Art and Design e Magnolia Editions, entrambi coinvolti nella ricerca e nell’invenzione di soluzioni tecniche inedite e innovative in grado di assecondare al meglio le esigenze espressive dell’artista.
Ravenna, MAR – Museo d’Arte della città di Ravenna
“Chuck Close. Mosaics”
dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
link:
La mostra

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.