home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Cubismo analitico e Cubismo sintetico".
  FOCUS ON  
Libri
"I quattro libri dell'architettura" di Andrea Palladio, la summa architettonica del tardo Rinascimento che ha influenzato irreversibilmente l'architettura occidentale per i successivi quattro secoli.
Musei
Mestre, nuovo Museo del Novecento (M9), l’innovazione tecnologica al servizio della cultura, del retail e dell’intrattenimento lungo un percorso collettivo che copre un arco temporale di oltre un secolo.

Concorsi
"Luxembourg Art Prize", un concorso internazionale mirato a rivelare e promuovere artisti di talento ancora sconosciuti. Scadenza 30 aprile 2019.

Premi
11° edizione del premio "PORCELANOSA Grupo di Architettura e Interior Design", premiati i progetti più interessanti del 2018 per le tre categorie in concorso.

In Italia
Napoli, Basilica della Pietrasanta-Lapis Museum la mostra "Chagall. Sogno d’amore", 150 opere, dipinti, disegni, acquerelli, incisioni. Fino al 30 giugno 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrarei 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Cecina (LI), Ernst Ludwig Kirchner a Davos
di Vilma Torselli
fino al 15 ottobre 2017
Dopo cento anni dal trasferimento di Kirchner nella cittadina svizzera di Davos, una mostra espone le opere realizzate nel periodo della sua permanenza nei Grigioni.

Sono passati 15 anni dall'ultima mostra dedicata in Italia a Ernst Ludwig Kirchner e quest'anno, in occasione dei cento anni dal trasferimento dell'artista nella svizzera Davos nel 1917, una data che nella vita di Kirchner ha avuto fondamentale importanza, Cecina gli rende omaggio esponendo un’ampia selezione delle opere prodotte proprio a Davos nel periodo che va dal 1917 al 1938, anno della morte.

La mostra è curata da Annick Haldemann e Thorsten Sadowsky e organizzata dalla Fondazione Culturale Hermann Geiger in cooperazione con il Kirchner Museum Davos, dal quale proviene la maggior parte delle opere esposte, e l’Archivio dell’opera completa di Ernst Ludwig Kirchner di Wichtrach/Berna.

Sono presenti 63 lavori, quadri a olio, incisioni (fu eccellente xilografo), litografie, acquerelli, schizzi e fotografie, tema prediletto i paesaggi montani e l'ambiente alpino delle montagne dei Grigioni, ma anche nudi, ritratti, scene di danze contadine, di attività sportive, in scenari naturalistici popolati dai personaggi semplici di una realtà serena, pacifica e accogliente.
Ritirandosi a Davos Kirchner cerca disperatamente di recuperare la salute minata dalla dipendenza da farmaci, l'ispirazione dopo un anno di inattività artistica, la voglia di vivere continuamente frustrata dalla depressione, attraverso il contatto profondo e ancestrale con una madre-terra sorgente di vita, di amore, di pace.
Dopo anni di sofferenza, il rifugio di Davos è l'idealizzazione di una vita vissuta a contatto con la natura e con persone amiche nella pace di un piccolo paese così distante da Berlino e dalla vita metropolitana tante volte ritratta, lontano dagli orrori della guerra, lontano dalla crudeltà degli uomini, ma pur nell'abbraccio di un contesto idillico ed amico Kirchner non sfuggirà alla depressione psichica che lo porterà al suicidio a soli 58 anni, in coincidenza con l'affermarsi del nazifascismo hitleriano che lo relega tra gli artisti 'degenerati' decretando anche la distruzione di moltissime sue opere.

Muore lasciandoci la produzione artistica forse più significativa di tutto l'Espressionismo tedesco e segnando con il suo inconfondibile linguaggio drammatico e disperato il tormentato passaggio dalla poetica ottocentesca a quella del moderno '900.

Sempre per celebrare il secolo trascorso dall'arrivo di Kirchner a Davos, anche il Kirchner Museum ha organizzato una mostra, aperta fino al 29 ottobre, che ricostruisce per la prima volta quel periodo della vita dell'artista, rivelatosi anche valido pittore teatrale contribuendo come scenografo alla realizzazione di alcune produzioni locali.

Notizie più dettaglate nell'articolo di Alessandro Tempi "Kirchner a Davos"

Cecina (LI)
Fondazione Geiger, in piazza Guerrazzi 32
"Ernst Ludwig Kirchner a Davos"
Fino al 29 ottobre 2017
link:
Ernst Ludwig Kirchner, "Potsdamer Platz"
ARTISTI IN ARMI. Gli Espressionisti e la Grande Guerra

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Richard Hamilton, "She"




L'opera di Richard Hamilton nell'ambito del movimento pop inglese è paragonabile a quella...... continua

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.