home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Milano è una brutta e mal combinata città...".
  FOCUS ON  
Libri
Di Donald A. Norman, padre del ''design antropocentrico”, “La caffettiera del masochista”, inganni e paradossi della cattiva tecnologia negli oggetti di uso quotidiano.
Musei
San Marino, inaugurato presso le Logge dei Volontari il nuovo Museo d’arte moderna che raccoglie oltre mille opere del ‘900 italiano.

Concorsi
Urban Stone Contest, concorso di idee per la progettazione di una seduta urbana da stampare in 3D capace di migliorare l’esperienza del vivere e rilassarsi all’aperto.
Scadenza 30 agosto 2018.

Premi
Premio Pritzker 2018 all'architetto indiano Balkrishna Doshi, collaboratore di Le Corbusier e di Louis Kahn, per i suoi progetti di abitazioni a basso costo.

In Italia
Milano, a Palazzo Reale e altre sedi in città, “Alik Cavaliere. L'universo verde”, mostra diffusa di arte contemporanea.
Fino al 9 Settembre 2018.

All'estero
Potsdam, Museo Barberini , "Gerhard Richter: Abstraction" , in mostra 80 dipinti dagli anni '60 ad oggi.
Fino al 21 ottobre 2018.

  CERCA NEL SITO  

Padova, L'Impressionismo di Zandomenghi
di Vilma Torselli
dal 1/10/2016 al 29/01/2017
A Palazzo Zambardella, antologica di Federico Zandomenghi, impressionista veneziano, con 100 opere esposte.
A cura di Francesca Dini e Fernando Mazzocca, la mostra antologica di Palazzo Zambardella dedicata a Federico Zandomenghi espone un centinaio di opere dell'artista, pitture ad olio e pastelli del periodo italiano e parigino, fra le quali le più note quali "Donna allo specchio", "Il risveglio", "Mathilde", "Bambina dai capelli rossi","Coppia al caffè".

Alla realizzazione dell'evento, che anticipa le celebrazioni per il prossimo centenario della morte dell'artista avvenuta a Parigi nel 1917, hanno contribuito importanti musei italiani quali la Pinacoteca di Brera, la Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti, la Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi e la disponibilità di numerosi collezionisti privati che hanno prestato i loro dipinti.

Definito dal suo critico Enrico Piceni un “impressionista veneziano”, né poteva essere diversamente per un artista che ha nel suo background culturale i macchiaioli, l’ottocento italiano, una costante familiarità con l'arte (il padre ed il nonno erano affermati scultori classicheggianti) e, soprattutto, quella sensibilità cromatica tipicamente veneta che caratterizza tutta l'arte pittorica di quella regione fin dal medioevo, Zandomenghi trova tra gli impressionisti francesi la sua casa, si riconosce nel loro uso del colore e della luce, nella loro ricerca dell'immediatezza espressiva, anche se rivendica una propria autonomia stilistica quando afferma “…. la mia vita artistica fu una successione di infinite evoluzioni. Quanto alla tecnica – parola molto vaga – quella da me adottata è mia, tutta mia e non la presi in prestito da nessuno….”.

La mostra ripercorre cronologicamente l'opera di Zandomenghi dagli esordi, dove si rintraccia ancora forte il legame con l'Italia e il movimento dei macchiaioli in opere di impronta naturalistica e talvolta a sfondo sociale, al passaggio all'impressionismo francese, mediato da amicizie e contatti con straordinari personaggi di quel mondo quali Degas, Susanne Valadon, Toulouse-Lautrec, Manet, Pissaro.
Ciò permette di osservare l'evoluzione del suo linguaggio sempre più centrato sulla figura femminile costruita secondo il binomio forma-colore, senza preoccupazioni di tipo introspettivo-psicologico, privilegiando l'immediatezza espressiva, una donna dai tratti morbidi, sensuale, informale, colta in atteggiamenti di disarmante intimità, quotidiani e semplici.

Il percorso della mostra permette di osservare da vicino la delicata ricercatezza della tecnica dei pastelli ed i raffinati accostamenti cromatici dei dipinti ad olio che assecondano le tematiche di impronta intimista, proponendoci personaggi della vita quotidiana, adolescenti dormienti, signore agghindate (fu per molti anni disegnatore di figurini per le riviste di moda parigine), coppie sedute al caffè, un mondo semplice ma non superficiale, benevolmente osservato da un artista colto e raffinato conoscitore dell'animo umano.

Padova
Palazzo Zambardella
L'Impressionismo di Zandomenghi
1/10/2016 – 29/01/2017
link:
La mostra

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Joan Miro', "La poetessa"



Metafisico bisogno di astrazione ed un mai dimenticato amore per la materia, i due poli fra i quali oscilla la poetica di un grande surrealista...... continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.