home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Federico Zandomeneghi , "A letto"
di Vilma Torselli
pubblicato il 29/06/2007
Un “impressionista veneziano” di respiro europeo, ponte artistico tra la tradizione veneta, la corrente macchiaiola toscana e l'impressionismo francese.
Federico Zandomeneghi (1841-1917) definito dal critico Enrico Piceni, suo grande estimatore, “impressionista veneziano” (era infatti nato a Venezia), è in realtà una figura di respiro europeo che non rinnega l’origine eminentemente coloristica della sua pittura, nel solco di una millenaria cultura visiva veneta che da sempre privilegia il cromatismo, tuttavia aprendosi ad influssi estranei ed eterogenei.

Scrive lo stesso Zandomeneghi: "…Fui iniziato all’arte…nello studio di mio padre e poi all’Accademia di Venezia e un po’ guardando intorno a me…": nel suo background culturale ci sono i macchiaioli toscani, la tradizione descrittiva dell’ottocento italiano attraverso il padre ed il nonno, scultori di impronta classicheggiante, e soprattutto la contaminazione degli impressionisti francesi, come dimostrano le assonanze con Degas, con Susanne Valadon e Toulouse-Lautrec, ed anche Manet, Pissaro ed altri artisti di Montmartre, dove Zandomeneghi si trasferisce poco più che trentenne nel dal 1874, restandovi fino alla morte.

Come per molti esponenti dell’impressionismo, per Zandomeneghi temi principali sono il paesaggio e, in prevalenza, la figura femminile costruita secondo il binomio forma-colore, senza preoccupazioni di tipo introspettivo-psicologico, privilegiando l'immediatezza espressiva, una donna dai tratti morbidi, sensuale, informale, colta in atteggiamenti di disarmante intimità, quotidiani e semplici, come in questo olio su tela, "A letto" del 1878, cm 60,5×74,5 oggi a Firenze alla Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti.
L'abbandono del sonno si esprime nell'andamento di linee morbide ed avvolgenti, il capo reclinato, i capelli sparsi sul cuscino, le lenzuola sofficemente scompigliate, la spalliera del letto ricurva, i decori della tappezzeria delicatamente arabescati e luccicanti della luce proveniente da una sorgente nascosta, tutto concorre ad un risultato di gradevole equilibrio e di calcolata armonia. Cromaticamente, predomina un abbagliante bianco animato da ombre leggere che definiscono i drappeggi della tela senza eccessivi contrasti luministici.
Come si nota, pur di matrice macchiaiola Zandomeneghi si allontana decisamente dal movimento italiano fondato su presupposti estetici puntati su precise differenze rispetto all'Impressionismo francese soprattutto proprio nella definizione chiaroscurale e nel contrasto luministico, caratteristiche che l'artista esclude ben presto dal suo lessico privilegiando la lezione impressionista, a differenza di quanto fanno i due macchiaioli-colleghi Boldini e De Nittis, anch'essi a Parigi nello stesso periodo.

Scrive l'artista: “…. la mia vita artistica fu una successione di infinite evoluzioni. Quanto alla tecnica – parola molto vaga – quella da me adottata è mia, tutta mia e non la presi in prestito da nessuno….”.

Zandomeneghi si identifica così come rappresentante di punta della circolarità della cultura pre-impressionista tra Francia ed Italia, pittore dalle mille sfumature capace di cogliere e mixare diverse tendenze in armoniosa e personale sintesi espressiva, ponte artistico tra la tradizione veneta e la corrente toscana prima, francese dopo.

Alla luce della sua personale poetica, non sorprende che Zandomeneghi per molti anni abbia svolto l’attività di disegnatore di figurini per le riviste di moda parigine, per necessità e mestiere, ma anche, sicuramente, per la possibilità che questa attività gli forniva per indagare un mondo, quello della donna, che interessava e stimolava la sua creatività.

E' spesso presente e palese il compiacimento dell'artista nello sfruttare con abilità i suoi punti di forza, dando vita ad una pittura di facile lettura, con una forte componente decorativistica, con alcune ripetitività e qualche stanchezza, con i segni evidenti di un consumato mestiere, specie nell’uso del pastello, una pittura che tuttavia va ben oltre il virtuosismo tecnico per divenire espressione di un vero talento e getta, con semplicità ma senza superficialità, uno sguardo profondo ed acuto, attento ed amorevole, benevolmente curioso sull’universo femminile.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.