home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"La pittura murale".
  FOCUS ON  
Libri
"Arte dal 1900. Modernismo, antimodernismo, postmodernismo" di Hal Foster, Rosalind Krauss, Yve-Alain Bois, una guida pratica e ricca di notizie, riferimenti, approfondimenti sull'arte contemporanea.
Musei
Classe (RA), “Classis Ravenna”, nuovo Museo della Città e del Territorio nella ristrutturata sede dell’ex zuccherificio di Classe, con ricostruzioni grafiche e tridimensionali, filmati, plastici.

Concorsi
"Attra\verso San Cristoforo", a Milano concorso internazionale per progettare la connessione ciclo-pedonale dei quartieri Lorenteggio/Giambellino e Ronchetto sul Naviglio. 1° premio € 40.000,00.
Scadenza 3 aprile 2019.

Premi
Assegnato a Intesa Sanpaolo il premio "Innovation in Corporate Art" per essersi distinta fra i protagonisti del mecenatismo istituzionale, aziendale e privato.

In Italia
Reggio Emilia,"Jean Dubuffet, l'arte in gioco. Materia e spirito 1943-1985”, 140 opere tra dipinti, disegni, grafiche, sculture, libri d'artista ed altro ancora. Fino al 3 marzo 2019.

All'estero
Berlino, Brücke Museum, "Ernst Ludwig Kirchner. Gli anni svizzeri", capolavori dalla collezione E.W. Kornfeld. Fino al 31 marzo 2019.

  CERCA NEL SITO  

UNA VOLTA SI DICEVA CHE
A proposito di inaugurazioni e polemiche

di Alessandro Tempi
publicato il 02/11/2016

La disinvolta autoreferenzialità di una classe politica che si sforza di rendere appetibile  l’Italia affamando gli italiani e chiamandoli a (gioiosamente?) confermare quanto altri hanno scelto per loro.

Una volta si diceva che l’arte doveva essere inutile e proprio essendolo poteva rivestire il suo ruolo rivoluzionario.

Adesso che da autorevoli tribune del mondo dell’arte c’è chi si dà pena per cosa, di o intorno a essa,  possano pensare i buyer o gli investor stranieri, pare che l’arte stia per  godere di un nuovo mattino di impensata rilevanza economica e/o magicamente diventare il volano di inopinate opportunità finanziarie.

Solo che l’arte costa. E i costi dell’arte qualcuno li deve pagare. Se ci sono stati tempi di mecenatismi privati peraltro alquanto dubbi - ‘ché a ben vedere le ricchezze che servivano per pagarla spesso non avevano origini cristalline -, adesso (e parlo dal ventennio fascista in poi)  è in voga la tendenza a utilizzare risorse pubbliche per farlo. Niente di nuovo si dirà, giacché l’Italia è stata terra di papi e principi illuminati e lungimiranti.

Solo che - e questo gli autorevoli tribuni dell’arte dovrebbero averlo bene in mente - oggi non sappiamo o meglio non vogliamo più sapere cosa esattamente sia l’arte. E’ circa un secolo che non lo sappiamo o non vogliamo più saperlo, anche se ci accontentiamo di giudizi che spesso hanno avuto e continuano ad avere l’insindacabilità dell’ipse dixit. Così, il mondo contemporaneo dell’arte, che più o meno dagli anni Ottanta si è autoinvestito a sistema per darsi una suprema sanzione socioeconomica (quella stessa che oggi fa dire a qualcuno che l’arte fa bene all’economia di una nazione), dissimula il proprio agnosticismo col pensiero che solo ciò che è sistemico sia (o diventi) arte. E per questo nel mondo dell’arte elevato a sistema c’è uno specifico settore, un vero e proprio indotto il cui compito è pubblicizzare ciò che sistemico è o diventa (quindi scelte già prese da altri).

Ci si angustia per il popolo che rimane escluso da certe inaugurazioni pubbliche e ancor di più se amministratori pubblici eletti dal popolo si mostrino magari incautamente scettici sulla congruità economica di certe scelte mecenatesche. Ma a ben vedere questo popolo, che agli occhi di taluni pare suo malgrado escluso, ha qualcosa di bovino: perché dovrebbe partecipare alla festa se in precedenza non è stato invitato alla decisione?
Questo popolo per cui ci si preoccupa ha forse avuto diritto di esprimersi a suo tempo sulla scelta per la quale oggi si fa festa?
Verrebbe da dire che per taluni forse il ruolo del popolo sia proprio questo: essere bovinamente condotto a  gaudere cum gaudentibus, magari senza avere di che godere veramente.

Ora, l’idea che il popolo - o il pubblico, i cittadini - debba solo (gioiosamente?) confermare quanto altri hanno scelto per loro in campo artistico ha qualcosa di perverso, per almeno un paio di motivi, il primo dei quali è presto detto: esso dissimula il fatto che solo questi “altri” siano in grado di dire cosa arte possa essere o diventare; il popolo può solo venire a far festa dopo.

Chi legge avrà capito che uso il termine popolo in un’accezione un po’ vetero- (il resto lo si metta a piacere) perché per un verso mi sento abbastanza in là con gli anni da esserne giustificato, per un altro ritengo che - comunque lo si voglia dipingere o qualsiasi attribuzione gli si voglia assegnare - chi sta al di qua delle soglie del potere, di qualsiasi potere (e a fortiori anche di quelli sistemici) è sempre “popolo” e merita di essere chiamato col suo nome anziché con termini più trendy ma illusivi.

Il che ci porta al secondo motivo: indubbiamente fa sempre piacere stare dalla parte del potere, giacché vi si spianano carriere e opportunità pressoché illimitate oppure perché, tenendo o meno famiglia, bisogna pur campare. Solo che fa assai meno piacere vedere anche nel mondo contemporaneo dell’arte (o almeno in quello elevato a sistema) quella stessa  fastidiosamente disinvolta autoreferenzialità che affligge la nostra classe politica, che si sforza di rendere appetibile  l’Italia affamando gli italiani.

link:
Avanguardie e mercato
Architettura, nuvole e cavalli

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Jean René Bazaine, "Peinture"


Jean René Bazaine (1904 - 2001) è personaggio poliedrico, con interessi sia nelle arti visive che nella letteratura, amico di Marcel Proust e ...... continua

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.