home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Alik Cavaliere, "Tronco con frutta"
di Vilma Torselli
pubblicato il 8/05/2007
Un "narratore di storie e racconti" che lavora sulla memoria, creando percorsi labirintici in cui incontrarsi e perdersi nel groviglio della materia.
"La memoria e la mente diventano il giardino da visitare, per un percorso senza punti d’arrivo e itinerari sicuri, senza una meta individuabile, un affascinante viaggio senza soste, unico riferimento la coscienza del vagare, dell’accumolo, del continuo trovare qualcosa, forse per ritrovare, attraverso le immagini generate, sé stessi". (Alik Cavaliere , "Taccuini")

Alik Cavaliere (1926-1998) è uno scultore che, formatosi all’Accademia di Brera, con Giacomo Manzù, Achille Funi, Marino Marini, non ha mai dimenticato l'importanza dell'artigianato e la centralità del ruolo della "tecnica", la techné degli antichi greci, per i quali "technités " era chi riuniva in sè il tecnico e l'artista, svolgendo un'azione universalmente riconosciuta rispondente a "principi e regole razionalmente posseduti, dimostrabili e discutibili ", per citare una definizione di Gianni Vattimo.
Nell'opera di Cavaliere questi principi si uniscono ad una vena creativa libera e continuamente rinnovata nella quale capacità esecutiva, raffinata manualità, costante ricerca sui materiali e sulle tecniche, si legano a profonde speculazioni filosofiche, storiche, sociali.

La curiosità e l'amore per la materia lo spingono alla continua sperimentazione, all'utilizzo del legno, del ferro, del cristallo, alla realizzazioni di fusioni in bronzo con l’antica tecnica della cera persa, proponendo preferibilmente le forme della natura (come in questo "Tronco con frutta" del 1965, un bronzo di 61,5 x 35 x 39,5 cm, della Galleria Niccoli) o della figura umana, in stilizzate composizioni miste e sculture filiformi strutturalmente concepite come un racconto materico, come un percorso labirintico "senza punti d’arrivo e itinerari sicuri", nella deriva della mente, alla ricerca di sè.
Egli stesso infatti dice:"Ho sempre usato i materiali come un regista, come un trovarobe teatrale, come un narratore di storie e racconti; lavorando sulla memoria, cercando di creare dei percorsi, dei labirinti dove potermi incontrare con l'eventuale visitatore/spettatore per poi perderci entrambi all'interno dell'opera stessa, oltre che psicologicamente anche fisicamente, nella pluralità delle angolazioni o nei grovigli della materia o delle indicazioni suggerite".

Partendo da un esordio prevalentemente espressionista (la sua prima esposizione è del '45), con accenti talvolta lirici legati ad una visione fantastica della natura e dell'uomo, Alik Cavaliere instaura poi un articolato rapporto tra il reale ed il surreale, con venature ironiche o addirittura beffarde, ad esprimere una sua visione del mondo drammatica, ma non disperata, nella quale confluiscono con largo anticipo tendenze iperrealiste e concettuali.

Ciò è rilevabile soprattutto (negli anni 70/80) nella produzione di composizioni con grandi figure umane (talvolta calchi dal vero) intrappolate in "labirinti esistenziali", ambienti circoscritti da intricati graticci o blocchi trasparenti, con una progressiva prevalenza dell'ambiente sulla figura che finisce per estendere la tematica dell'opera alla natura tutta, all'habitat umano, a circoscritte realtà urbane ed all'azione dell'uomo su di esse: una ricerca aperta, stimolante, in progress, lontana dall'accademia, anche se Cavaliere per molti anni insegnò proprio all'Accedemia di Brera, dalla cattedra di scultura, a generazioni di giovani artisti con lo stesso coinvolgimento e la stessa consapevolezza del compito innanzi tutto umano che ha animato la sua opera di scultore oltre che di insegnante.

Egli dice : "Alla scuola sono tornato............. avendo in mente di non diventare noioso più degli altri principali insegnanti. Non so quel che ho insegnato, ma sono sicuro di quel che ho imparato; soprattutto, sono stato coinvolto nei complessi problemi della scuola, con turbamento per me e per gli altri": è l'atteggaimento di un uomo al quale prima di tutto interessa l'uomo e non smette di interrogarsi sul suo ruolo nella società moderna, sui rapporti con gli altri, con l'arte, con la vita.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.