home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Arte e matematica, due mondi complementari".
  FOCUS ON  
Libri
Gillo Dorfles, "Ultime tendenze nell'arte d'oggi. Dall'informale al neo-oggettuale", valori sociologici nelle tendenze artistiche dell'ultimo ventennio del XX secolo.
Musei
Inaugurato a Lisbona il Maat, museo di arte, architettura e tecnologia.

Concorsi
YICCA, concorso artistico internazionale, aperto a tutti gli artisti e a tutte le tecniche. Scadenza 14 marzo 2018.

Premi
Premio Internazionale Architettura Sostenibile Fassa Bortolo” assegnato a "Caravatti Caravatti architetti" per il progetto di un centro di riabilitazione psicomotoria in Mali.

In Italia
Alla Basilica Palladiana di Vicenza "Van Gogh. Tra il grano e il cielo", fino all’8 aprile 2018.

All'estero
Parigi, Grand Palais, "Gauguin l’alchimiste", dipinti, disegni, incisioni, sculture, ceramiche, fino al 22 gennaio 2018.

  CERCA NEL SITO  

Le Corbusier, "La Main Ouverte"
di Vilma Torselli
pubblicato il 25/05/2007
Opera di grande respiro e di solenne monumentalità, dal significato marcatamente simbolico.
"questo segno della Mano Aperta per ricevere ricchezze create, per distribuirle ai popoli del mondo, deve essere il segno della nostra epoca".(Le Corbusier)

"La Main Ouverte" un vero e proprio logo creato da Le Corbusier (1887-1965) per Chandigarh in India e divenuto il simbolo della città, nella sua versione più nota realizzata nel 1952 in lamiera e calcestruzzo si presenta come una grande scultura ideata in occasione della progettazione del piano urbanistico della nuova capitale indiana, per essere collocata nella piazza centrale: concepita come opera site specific, 'La Main Ouverte' sarà presente in seguito anche in molti progetti e disegni dell'architetto svizzero.
Opera di notevoli dimensioni, alta 26 metri, elevata su un piedistallo in calcestruzzo e circondata da un fossato, è realizzata in lamiera, il che le conferisce la particolare leggerezza che le permette di ruotare liberamente sul suo asse verticale spinta dal vento.

Dal punto di vista puramente segnico, 'La Main Ouverte' richiama da vicino il celebre Modulor, il quale, oltre ad essere il sunto grafico di una scala dimensionale delle proporzioni umane universalmente applicabile in architettura e in meccanica, è anche un 'disegno' nel senso più letterale del termine, secondo lo stile tipico di Le Corbusier che privilegia l'impianto geometrico della forma, la razionale semplificazione della rappresentazione, i contorni precisi ed essenziali senza essere sommari, ed una plasticità severamente controllata.

Come sempre, anche in questo caso Le Corbusier tuttavia non dematerializza la forma in una esasperata essenzializzazione, non rinnega la realtà, 'La Main Ouverte' è, indubbiamente, una mano aperta, ben riconoscibile nella sua definizione naturalistica, le dita allargate ed il palmo disteso, eppure è al tempo stesso una forma marcatamente simbolica: apriamo la mano per donare, apriamo la mano per chiedere, per ricevere, per accogliere, la mano aperta realizza un gesto di significato universale che non necessita di parole e che vuol dire generosità, disponibilità, amicizia, ed è quel gesto che Le Corbusier vuol tradurre in scultura, quel gesto ed il suo significato simbolico attraverso la rappresentazione della mano.

Opera di grande respiro e di stilizzata semplificazione morfologica, che nell'essenzialità della concezione dispiega una solenne monumentalità, 'La Main Ouverte' si caratterizza per un'impronta allusivamente classicheggiante, nello stesso rigore della sintesi linguistica che Fernand Léger, conosciuto ed ammirato da Le Corbusier, compie del classicismo nella sua pittura.
Come in Léger elementi geometrici semplici si complicano in una rappresentazione spaziale complessa e monumentale di chiara influenza cubista, così nella ricerca volumetrica di Le Corbusier risaltano gli elementi geometrici basici di una rappresentazione al tempo stesso semplice e densa di significati complessi, solidamente reale ma lontana da ogni tentativo imitativo del reale.

Una scultura al di fuori del tempo e dello spazio, per trasemttere alla gente di tutto il mondo il messaggio universale contenuto in un gesto semplice ed antico, che ha in tutte le civiltà lo stesso significato di fratellanza e di pace.

link:
Le Corbusier
Cinquant'anni dalla morte di Le Corbusier
Architettura da amare

Le Corbusier, "La bouteille de vin orange"

* articolo aggiornato il 23/11/2014


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...




Jeff Koons,
"Lips"

 

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.