home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Francesco Vaccarone. L’umano nel divino, il divino nell’umano.
di Vilma Torselli
pubblicato il 02/08/2011

Una grande opera marmorea site specific che coinvolge il contesto e l'osservatore per una più estesa esperienza estetica ed emotiva.

Il monumento, struttura tipica dell’urbanistica occidentale la cui evoluzione va in parallelo con quella dell’estetica e della storiografia, costituisce da sempre il modo attraverso il quale l’uomo celebra il ricordo che venga identificato come meritevole di essere tramandato in quanto eredità di importanza storica, collettiva e identitaria: non a caso il termine “ricordo”, dall’etimo latino cor- cordis, porta nella sua radice il significato emozionale che si attribuisce ad accadimenti di determinante importanza psicologica ed empatica che, in qualche modo, colpiscono “al cuore”.

“….. il concetto di monumento non è temporale. Appartiene alla coscienza dell’uomo …. “ scrive Massimiliano Fuksas (“Beni culturali e città”), una atemporalità che tuttavia si accompagna ad un continuo aggiornamento del significato del termine, che oggi non designa più un simbolo statico, celebrativo e definitivo, un emblema da osservare da lontano, sia in senso fisico che mentale, bensì una struttura a misura d’uomo, in grado di interagire sia con l’osservatore che con il contesto, vicina a quella che oggi si chiama “installazione permanente”.

Nuova forma espressiva dell’arte moderna, un po’ scultura, un po’ urban design, un po’ Public Art, un po’ Land Art, essa è mezzo per riqualificare il territorio e connotare l’intorno spazio-temporale nel quale si colloca operando una sintesi della realtà fenomenica e psicologica, naturale ed antropica per una comprensione integrata dell'uomo e dell'ambiente in cui vive.

Questa la chiave di lettura di una delle più suggestive opere di Francesco Vaccarone, voluta nel 2006 dal Comune di Noceto in memoria di papa Giovanni Paolo II, un grande racconto marmoreo site specific, due bassorilievi en plein air di imponenti dimensioni, collocati in un parco pubblico e posizionati a pianta triangolare in modo informale ma non casuale, con un ampio passaggio tra l’uno e l’altro che realizza l’idea di una estrema permeabilità spaziale.

Monumento ‘praticabile’ o installazione permanente, quest’opera afferma in modo perentorio la volontà e la possibilità che l'arte si integri con la vita quotidiana, esito di una ricerca che fa discendere “dalla specificità dei luoghi la sua ragione d’essere, frutto di pratiche artistiche obbedienti a nuove istanze di socialità e di relazionalità volte a riqualificare la vita collettiva “(Alessandro Tempi, Un discorso interrotto).

Un modo moderno di pensare un rapporto antico, quello fra arte e società, che getta un ponte tra due domini da sempre l’uno alla ricerca dell’altro, l’arte ed il mondo che la circonda.
>>>>>> continua con il commento di Valerio P. Cremolini

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.