home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Francesco Vaccarone. L’umano nel divino, il divino nell’umano.
di Valerio P.Cremolini
pubblicato il 02/08/2011

La città di Noceto (Parma), ad un anno dalla scomparsa di Giovanni Paolo II, dedica all’indimenticabile pontefice una grande scultura di oltre venti tonnellate, composta da due bassorilievi in marmo bianco di Carrara, realizzata dall’artista Francesco Vaccarone con la qualificata collaborazione delle maestranze del Laboratorio “Corsanini” di Carrara. È un’opera di notevoli dimensioni (ogni parte misura m.2.50 di base per 2,20 d’altezza), particolarmente impegnativa per il tema L’umano nel divino, il divino nell’umano che l’artista spezzino, non contraddicendo la sua consolidata espressività, ha mirabilmente elaborato tra il nitore di una spazialità occupata dalla sequenza di forme, modulate sia con inequivocabile razionalità sia disposte liberamente in un elegante gioco di intarsi.

In quelle forme spoglie, che nella loro rigorosa essenzialità conquistano la bellezza,  si declina la metafora dell’umanità raccolta intorno all’amata, dolcissima, meditativa figura di papa Wojtyla, uomo tra gli uomini, testimone della grandezza di Dio «centro del cosmo e della storia». Prima di iniziare l’opera Vaccarone, con manifesta sensibilità, ha ripercorso l’intero vissuto di Karol Wojtyla ed ha ritenuto di interpretarne la figura fisicamente prestante e ricca di quel giovanile entusiasmo, che tale è rimasto in tutta la sua lunga ed operosa missione terrena. La debolezza del corpo ed i segni del dolore che hanno accompagnato gli ultimi anni di vita del papa hanno commosso credenti e non credenti e non hanno lambito la saggezza della sua parola che pur incerta ha toccato i cuori e le menti di donne e uomini di culture diverse.
L’imponente opera, che Vaccarone dichiara essergli stata «ispirata dalla costanza e dalla dedizione rivolta ininterrottamente da Giovanni Paolo II al primato dell’essere», trasmette la ricchezza del superlativo magistero di Giovanni Paolo II e la complessità del suo pensiero intriso di cultura letteraria, filosofica e teologica, costantemente rivelata lungo gli anni di uno straordinario pontificato.

Il composto alternarsi di pieni e di vuoti, il soffuso armonizzarsi di luci ed ombre, generano un tangibile clima di raccoglimento diffuso dai bassorilievi, plasmati in una segreta miscela di silenzio e di amore che tocca alti apici di spiritualità, suscitando il desiderio di non rinunciare ad un cammino che esclude la separazione fra ragione e fede, unite nella ricerca della verità. L’arte riesce a far percepire il mondo del visibile e quello dell’invisibile e Francesco Vaccarone nella magnifica scultura di Noceto fa sua l’esortazione che il papa polacco rivolse nella sua Lettera agli artisti del 1999, invitati a considerare «l’universo religioso fonte di ispirazione, di liberazione, di catarsi» e di arricchimento della loro esperienza «sempre alla ricerca del senso più recondito delle cose». Amante della poesia, che papa Wojtyla definiva «una gran signora», i bassorilievi portano incisa sul retro La sorgente, una lirica tratta dalla non facile raccolta Trittico romano, ed un pensiero rivolto nell’agosto 2000 ai giovani a Tor Vergata: «Voi non vi rassegnerete ad un mondo in cui altri esseri umani muoiono di fame, restano analfabeti, mancano di lavoro. Difenderete la vita in ogni momento del suo sviluppo terreno,vi sforzerete con ogni energia di rendere la terra più abitabile per tutti». La solenne inaugurazione del monumento, contestuale all’apertura di una nuova strada intitolata a Giovanni Paolo II, è avvenuta domenica 2 aprile 2006 alle ore 12.30, presenti le massime autorità civile e religiose, ed è stata preceduta dalla celebrazione della S.Messa nella chiesa parrocchiale di S.Martino, presieduta da monsignor Francesco Gioia, arcivescovo emerito di  Camerino-San Severino Marche, Presidente “Peregrinatio ad Petri Sedem” della Curia romana e Delegato pontificio della Basilica di S.Antonio in Padova.

>>>>> torna all'articolo

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.